2 Ottobre 2020 / 2. oktober 2020

Izšla knjiga »Benečija naš dom«
Nuovo libro di mons. Qualizza

Zadruga Most je izdala knjigo »Benečija naš dom«, v kateri je odgovorni urednik petnajstdnevnika Dom msgr. Marino Qualizza zbral veliko uvodniku, ki jih je za Dom napisal od leta 2003 do začetka letošnjega leeta. Knjiga je izšla ob 80. rojstnem dnevu beneškoslovenskega duhovnika (slavil ga bo 6. otuberja 2020). »Kadar prebiramo uvodnike, ki jih je msgr. Marino Qualizza kot odgovorni urednik napisal za štirinajstdnevnik Dom, se nam kot flashback razkrivajo dogodki, pridobitve, krize, uspehi, trpljenje, zaton in želja po osvobajanju, ki jih je slovenska skupnost iz videnske pokrajine doživljala v zadnjih desetletjih. Uravnovešenost njegove presoje, izkušnje, ki si jih je nabral kot duhovnik, teolog in profesor, doživete telesne preizkušnje in prestane sovražnosti, zlasti pa njegova ljubezen do naše zemlje in naših ljudi, ukoreninjenost v našo slovensko kulturo, skrb za ohranjanje našega jezika in naše duhovne dediščine, vse to je bilo osnova in vir navdihnjenja za njegovo pisanje. Dvakrat mesečno ponuja msgr. Qualizza bralcem Doma razmišljanje, komentarje, spodbude, kritike in nasvete o najrazličnejših vidikih v celoviti razčlenjenosti življenja in v številčnosti idejnih stališč naše skupnosti. Nagovarja svoje ljudi kot družino vernih in nevernih članov, ki jih združujejo skupne krščanske in kulturne korenine,« je v uvodu k knjigi pod naslovom Bogata in trpeča duša Benečije napisal Giorgio Banchig. O teološkem dielu avtorja, z naslovom Marino Qualizza: koncilski teolog, vpet v kulturo, piše pa g. Fedrico Grosso, sedanji ravnatelj višjega inštituta za teološke znanosti v Vidnu, ki ga je msgr. Qualizza postavu lieta 1986 in vodu kar 25 liet.

La cooperativa editrice Most ha dato alle stampe il libro di mons. Marino Qualizza Benečija naš dom, nel quale il direttore responsabile del Dom, in occasione del proprio 80° compleanno, ha raccolto gran parte degli editoriali usciti dal 2003 all’inizio di quest’anno. «Leggere gli editoriali, che mons. Marino Qualizza ha scritto per il periodico Dom come direttore responsabile, significa rivedere in flashback gli avvenimenti, le conquiste, le crisi, i successi, le sofferenze, il declino e la voglia di riscatto che la comunità slovena della provincia i Udine ha vissuto in questi ultimi decenni. L’equilibrio di giudizio, l’esperienza accumulata come sacerdote, teologo e docente, le prove fisiche e le ostilità subite, ma soprattutto l’amore per la nostra terra e la nostra gente, il radicamento nella nostra cultura slovena, la preoccupazione per la salvaguardia della nostra lingua e del nostro patrimonio spirituale sono stati i presupposti e la fonte di ispirazione dei suoi scritti. Due volte al mese mons. Qualizza offre ai lettori del Dom riflessioni, commenti, esortazioni, critiche, suggerimenti sui più vari aspetti della vita della nostra comunità nel complesso delle sue articolazioni e nella pluralità delle sue posizioni ideali. Si rivolge alla sua gente che considera come una famiglia composta da credenti e non, ma uniti dalle comuni radici cristiane e culturali la cui linfa alimenta ancora questo «resto d’Israele» che si batte da oltre un secolo e mezzo per opporsi al processo di assimilazione e omologazione, per tramandare alle generazioni future una visione della vita originale che si traduce in gesti di solidarietà e condivisione, in onestà e coerenza, laboriosità e impegno per costruire un mondo migliore radicati nella propria storia e cordialmente fieri della propria identità vista come dote personale e comunitaria ma anche come elemento di arricchimento della società più vasta e plurale», scrive nella prefazione Giorgio Banchig. Una seconda prefazione, dal titolo «Marino Qualizza: teologo conciliare e inculturato» e stata scritta da don Federico Grosso, direttore dell’Istituto superiore di scienze religiose di Udine.