18 giugno 2018 / 18. junij 2018

Že 20 let Pro loco drži živ Purčinj
Porzus, 20 anni di Pro loco in paese

PurcinjV nediejo, 27. maja, je biu v Purčinju pomladanski praznik, znotra kerega je biu 23. naravno-zgodovinski pohod. Pohod je biu arzpartjen v dva kosa: te parvi dug 10 km je od Purčinja peju do planine (malghe), od kod se na adnin kraju vide Karnajska dolina, Stol, Kanin an Krn, na te druzin pa se ob liepi uri pogled aršieri do morja, celuo do venetskih hribih Euganei. Te drugi kos je pa biu lahan pohod, dug dve uri hoje, po tematski stazi kostanju, ki ga je vodu espert botanik.

Na prazniku sta bla tudi dva laboratorija: o nucanju zeja v kuhinji an o kozmetični rabi zeja. Puno ljudi je paršluo na pohode an praznik, ki jih je parpravla Pro loko Purčinj. Otrokan je bluo posebno v veseje sprehod z mušan.

Predsednik Luciano Turco nam je poviedu, de se je Pro loko Purčinj rodila dvejst liet an šteje šestdeset članu, ki pa niso vsi iz Purčinja. Nje parvi namien je daržat čedan sviet oku vasi, takuo de posieče vse sanožeta, natuo Pro loko pomaga fari par praznikih an z njo skarbi za domači an cerkveni turizem. Saj se je v telin kraju lieta 1855 Božija Mati Marija parkazala mali Terezi Dush. Vsako lieto pride u vas puno ruomarju, posebe iz Slovenije. Pro loko fari an pre Vittorinu pomaga, de bi narbuojš, ki se more, sparjel’ ruomarje.

S telin namienan, so lani v vasi parpravli, kupe z združenjem Evgen Blankin, korš slovenskega izika, ki so ga obiskal člani od Pro loco an vasnjani.

»Radi bi se tieli nazaj naučiti liepo naš dialekt. Nam zmankavajo besiede. Jaz sem se nauču nazaj po slovensko, zak’ san ga biu pozabu. Na guoriti vsak dan se pozabi. Lani so mi dali “Domače pravce” an pozime, kàr sem biu bolan, san prebieru an se spet nauču. Je liepo znate po slovensko tudi, kàr pride ‘an Slovinj, za guoriti z njim dvie besiede, za mu poviedati, kje smo, kuo je par nas.« Poleti v Purčinju bo posebno živuo, saj 11., 12. an 15. vošta bo Praznik kope an medu. V bogatem programu bojo obartniške delavnice z liesan an s sienam, gara farbanja, kuhanje an degutacija pulente. V sriedo, 15. vošta, pa bojo pokazal’, kuo se runa kopo. Lansko lieto je na prazniku paršla runat kopo skupina sanosieku iz Sriednjega an Obuorče.

»Primarno dielo pa je posieči vse sanožeti an vartiče, takuo te, k’ pride, ‘ma lepo vas. Tela je parva rieč za turizem, «, je poviedu Turco.

Seviede tudi pozime Pro loko skarbi za daržat žive domače navade an olievšat vas, posebe v božičnem cajtu an za Svete trije kraje. (Larissa Borghese)

9Purcinj skupinaDomenica, 27 maggio, a Porzus di Attimis/Purčinj si è svolta la tradizionale Camminata storico-naturalistica, giunta alla ventitreesima edizione e strutturata in due percorsi: il primo, di 10 km, ha portato i partecipanti alle malghe, da cui si vedono la Val Cornappo, lo Stol, il Canin e il monte Nero nonché, col bel tempo, il mare e la pianura verso il Veneto, fino ai Colli Euganei. L’altro percorso, di due ore, è stato più facile. A guidarlo lungo il sentiero tematico dei castagni è stato un esperto botanico.

Nel corso della festa si sono svolti anche due laboratori: sull’uso delle erbe in cucina e a fini cosmetici. I bambini hanno apprezzato in particolar modo la passeggiata con l’asino. In molti hanno partecipato alla manifestazione, organizzata dalla Pro loco di Porzus.

In questo articolo il presidente della Pro loco, Luciano Turco, spiega come il sodalizio sia nato vent’anni fa e conti sessanta associati, non tutti provenienti da Porzus. La sua prima finalità è il tenere in ordine l’ambiente nei dintorni del paese, sfalciando tutti i prati; presta, inoltre, aiuto alla parrocchia nelle festività e si occupa, sempre insieme a quest’ultima, di turismo locale e religioso. A Porzus, infatti, nel 1855 Maria apparve alla piccola Teresa Dush. Ogni anno sono molti i pellegrini che giungono al paese, soprattutto dalla Slovenia. La Pro loco aiuta la parrocchia e don Vittorino Ghenda a accogliere i pellegrini nel miglior modo possibile.

In tal senso nello scorso anno ha organizzato in paese, in collaborazione con l’associazione Eugenio Blanchini, un corso di lingua slovena, frequentato dai soci della Pro loco e dagli abitanti locali.

«Vorremmo riappropriarci per bene del nostro dialetto sloveno. Ci mancano le parole. Io lo sloveno l’ho reimparato, perché lo avevo dimenticato. A non parlare ogni giorno, si dimentica. L’anno scorso ho ricevuto il libro “Domače pravce” e in inverno, durante un periodo in cui sono stato malato, l’ho letto e ho reimparato. Sapere anche lo sloveno è bello, quando viene uno sloveno, per scambiare con lui due parole, per raccontargli dove ci troviamo e come vanno le cose da noi». L’estate a Porzus sarà piuttosto movimentata, perché l’11, 12 e 15 agosto si svolgerà la Festa del miele e della meda. Il ricco programma prevede laboratori artigianali col legno e col fieno, una competizione di pittura, cucina e degustazione di polenta. Mercoledì, 15 agosto, si potrà vedere come si fa una meda. Durante l’edizione dell’anno scorso, è andato a farla un gruppo di falciatori proveniente da Stregna/Sriednje e Oborza/Obuorča.

«Il primo compito è, in ogni caso, effettuare lo sfalcio di prati e giardini, in modo che chi viene in paese, lo trovi bello. Questo è d’importanza primaria per il turismo», ha detto Turco.

Anche in inverno, comunque, la Pro loco si occupa di tenere vive le usanze locali e abbellire il paese, soprattutto nel periodo natalizio e per l’Epifania.