5 Febbraio 2024 / 5. februar 2024

V Reziji pripovedujejo tudi razglednice
A Resia raccontano anche le cartoline

Anche quest’anno il Circolo culturale Rozajanski dum è riuscito a realizzare il Calendario resiano «Naš kolindrin 2024».

Quest’anno è stato scelto il tema delle cartoline, oggi non più utilizzate come un tempo, che hanno per anni promosso il territorio e pertanto avvantaggiato il turismo. Già in passato la nostra valle era una meta turistica per coloro che desideravano conoscere e godere le sue bellezze naturali e trascorrervi le vacanze. Anche per questo motivo gli esercenti si erano attivati nella realizzazione di cartoline, con le quali si promuoveva la valle.

Nell’anno accademico 2012-2013 Annamaria Di Lenardo Kafölawa, originaria di Stolvizza, si è laureata in Scienze e tecniche del turismo culturale all’Università di Udine, discutendo la tesi dal titolo «Val Resia – Le cartoline raccontano». Su questo suo lavoro avevamo pubblicato un approfondito articolo su due numeri del nostro periodico Naš glas/La nostra voce.

Quest’anno, poi, ricorre il 150° anniversario della prima cartolina stampata in Italia. Le cartoline non si usano più, ma la presenza turistica in valle continua, ora non solo per le bellezze naturali ma anche per la nostra cultura. Il Circolo culturale resiano Rozajanski dum da anni contribuisce a promuovere a Resia il turismo culturale ed in particolare quello legato agli aspetti linguistici e al patrimonio della cultura immateriale della tradizione.

Nel 2008 il circolo ha, infatti, organizzato un convegno che ha coinvolto diverse minoranze linguistiche storiche presenti in Italia sul tema lingue di minoranza e turismo. In queste ultime decine di anni si è constatato che il turismo culturale rappresenta un’importante risorsa. Anche alcune realtà culturali, come ad esempio il Museo della gente della Val Resia, credono in questo e sono attive in diversi progetti tra i quali il progetto «Mi smo tu», gestito dall’Istituto per la cultura slovena di San Pietro al Natisone.

Nel suo ambito, dal 2023 è attiva anche la Dmo (Destination management organization) Turismo Benečija Nediža/Natisone – Ter/Torre – Rezija/ Resia, che si occupa, su mandato della Regione Friuli-Venezia Giulia, di implementare e coordinare l’offerta turistica nelle Valli del Natisone, del Torre, del Canal del Ferro e della Valcanale. (Sandro Quaglia)

Pa za lëto 2024 te rozajanski kultürski čirkolo »Rozajanski dum« jë dorivel naredit wkop ziz »Muzeon od tih rozajonski judi« tej po nawadi kolindrin.

Tu-w lëtu 2013 Annamaria Di Lenardo Kafölawa, z Solbice, na bila napïsala nji tezi za lawreo ta-na Rezijo ano kartuline. Itadej somö bili publikali ta-na šwöj »Näš glas/La nostra voce« den wridni artïkol.

Litos ziz isin nji dëlon somö si pomïslili naredit te litošnji kolindrin, za wöjo ki somo vïdali, da kako injën se ji na pïšë već, mo ni so pomoale zdëlet poznet Rezijo. To jë pa 150 lit, ki izdë w Laškë bila štampona ta pärwa kartulina.

Wžë lita nu lita nazëd pa izdë w Reziji so parajali jüdi ti furešt za poznet ano si wžët noše kraje ano pa za si počet. Pa za wöjo isaa noši jüdi, ki so mëli uštirïje ano alberge, so pöcali mët ano neredit kartuline.