29 Giugno 2019 / 29. junij 2019

Novega seznama ne bo, kaj pa zdaj?
Niente nuovo registro, e ora?

L’assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, che ha la delega alle identità linguistiche, durante la seduta del Consiglio regionale del 21 giugno, ha ritirato la proposta di modifica alla legge regionale 26/2007 di tutela della minoranza slovena inserita nell’ambito della legge omnibus. La proposta mirava alla creazione di un nuovo albo delle associazioni impegnate nella tutela delle varianti linguistiche di Valcanale, valli del Natisone e del Torre. Contro la modifica si era espressa la Commissione consultiva regionale per la minoranza slovena.

«Il nuovo registro creerebbe nuovi attriti nel territorio della provincia di Udine, nel quale si applica la legge di tutela 38/2001, fatto che danneggerebbe pesantemente la comunità slovena. Se l’amministrazione regionale desidera sostenere le associazioni di cui sopra, è libera di farlo, ma non stravolgendo la legge regionale di tutela», avevano evidenziato le organizzazioni di raccolta della minoranza slovena, Sso e Skgz.

In luogo dell’albo separato, è stato deliberato un contributo straordinario di trentamila euro a favore del Comune di Resia, del circolo culturale Jacopo Stellini, dell’Istituto Slavia Viva, del Forum per la Slavia, della Pro Loco Stregna, dell’associazione Slavia friulana nel mondo e del Circolo culturale e assistenziale Valli di San Leonardo.

«Abbiamo trovato un importante e per certi versi inedito punto di incontro tra le componenti della minoranza linguistica slovena iscritte all’albo delle associazioni slovene e quelle delle Valli del Natisone e della Val Resia che per scelta non lo sono e che fino adesso rimanevano penalizzate nei finanziamenti», ha commentato l’assessore Roberti, mentre il consigliere della Slovenska skupnost, Igor Gabrovec, ha salutato positivamente la decisione di «non cambiare la legge senza il coinvolgimento della minoranza cui la legge è riferita».

Gabrovec ha anche aggiunto che «il dialogo sul tema della promozione dei dialetti con i soggetti interessati e le istituzioni è la scelta migliore». Come annunciato da Roberti, infatti, giovedì 27 giugno si è tenuto un tavolo di lavoro, per un confronto finalizzato alla soluzione «di un problema storico – ha detto l’assessore – che riguarda la tutela di una lingua che è patrimonio del Friuli Venezia Giulia».

Al primo tavolo comune, in rappresentanza degli otto sodalizi interessati alla valorizzazione delle varianti linguistiche di Resia, valli del Torre, del Natisone e Valcanale sono intervenuti Alberto Siega dell’associazione Identità e tutela Val Resia e Michela Gus del circolo Jacopo Stellini, che hanno espresso la richiesta di definire le varianti linguistiche parlate in provincia di Udine come qualcosa a sé  senza presentare, però, nessuna soluzione di legge allo scopo.

Un passo in avanti verso una soluzione di compromesso è stato tentato dalle due organizzazioni confederative della minoranza slovena, la Confederazione delle organizzazioni slovene-Sso e l’Unione culturale economica slovena-Skgz, per le quali erano presenti i presidenti Walter Bandelj e Ksenija Dobrila. Con un’integrazione all’articolo 22 della legge regionale di tutela della minoranza linguistica slovena, i circoli che promuovono le varianti linguistiche potrebbero accedere anche a contributi per le spese di funzionamento, invece che per i soli progetti.

Alla discussione del tavolo di lavoro, che non ha sortito una posizione condivisa, hanno partecipato anche Luigia Negro, presidente per la provincia di Udine dell’Unione culturale economica slovena-Skgz e operatrice culturale in Val Resia, Luciano Lister, membro del direttivo della Confederazione delle organizzazioni slovene-Sso e operatore culturale in Valcanale, Stefano Predan, segretario della Kmečka zveza per la provincia di Udine, il consigliere regionale di Autonomia responsabile Giuseppe Sibau, il consigliere regionale della Lega Danilo Slokar, il consigliere regionale di Unione slovena-Ssk Igor Gabrovec assieme al segretario Miloš Čotar nonché Michele Coren, membro del collegio dei sindaci della Confederazione delle organizzazioni slovene e a suo tempo impegnato in progetti per la valorizzazione dei dialetti sloveni alla soppressa Comunità montana Torre, Natisone, Collio.

Deželni odbornik za krajevne avtonomije, Pierpaolo Roberti, ki ima tudi resor za jezikovne manjšine, je med sejo deželnega sveta v petek, 21, junija, umaknil predlog spremembe deželnega zakona 26/2007 o zaščiti slovenske jezikovne manjšine, ki je bil vključen v osnutek deželnega zakona omnibus. S predlogom so nameravali uvesti nov register za društva, ki delujejo za ohranjanje jezikovinih različič  v Kanalski dolini ter v Nediških in Terskih dolinah. Proti spremembi zakona 26/2007 se je izrekla posvetovalna deželna komisije za slovensko manjšino. »Novi register bi ustvaril nova trenja na območju videnske pokrajine, kjer se izvaja zaščitni zakon 38/2001, kar bi bilo slovenski narodni skupnosti v hudo škodo. Če deželna uprava želi pomagati zgoraj omenjenim društvom, lahko to naredi, vendar ne tako, da se sprevrača deželni zaščitni zakon,« sta v skupnem sporočilu poudarili krovni organizacij SSO in SKGZ.

Namesto, da bi uvedli ločenega registra, so namenili izredni prispevek v višini 30.000 evrov Občini Rezija, kulturnemu društvu Jacopo Stellini, inštitutu Slavia Viva, društvu Forum per la Slavia, turističnemu društvu Pro Loco Stregna, društvu Slavia friulana nel mondo ter kulturnemu in podpornemu društvu Circolo culturale e assistenziale Valli di San Leonardo.

Odločitev je pozdravil deželni svetnik stranke Slovenske skupnosti, Igor Gabrovec.

V četrtek, 27. junija, je odbornik Roberti povabil na skupno delovno omizje predstavnike slovenskih organizacij in zastopnike osem društev, ki trdijo, da narečja v Nediških in Terskih dolinah, Reziji in Kanalski dolini niso slovenska. Skupaj naj bi razpravili o kompromisni spremembi deželnega zaščitnega zakona za Slovence.

Povabilu sta se odzvala le dva predstavnika osmih neslovenskih društev Alberto Siega (iz društva Identità e Tutela Val Resia) in Michela Gus (iz društva Circolo Jacopo Stellini). Na srečanju sta povedala, da bi bilo treba skupnostim v videnski pokrajini z zakonom priznati, da so nekaj zase. Zakonske rešitve nista pa predlagala.

Korak naprej in konkreten prispevek k rešitvi je bil osnutek novele zakona, ki sta ga pripravila Slovenska kulturno-gospodarska zveza in Svet slovenskih organizacij. Na omizju sta ju zastopala predsednika Ksenija Dobrila in Walter Bandelj. Obe krovni organizaciji predlagata, da se 22. člen deželnega zaščitnega zakona za slovensko manjšino dopolni z določilom, da lahko društva »jezikovnih različic« prejemajo javno finančno podporo še za redno delovanje. Financiranje je za zdaj omejeno na posamezne projekte.

K razpravi, ki se je na žalost končala brez skupnega sklepa, so sodelovali tudi Luigia Negro, predsednica za vidensko pokrajino Slovenske kulturno gospodarske zveze in kulturna delavka v Reziji; Luciano Lister, član izvršnega odbora Sveta slovenskih organizacij in kulturni delavec v Kanalski dolini; Stefano Predan, tajnik Kmečke zveze v videnski pokrajini; deželni svetnik stranke Autonomia responsabile Giuseppe Sibau; deželni svetnik stranke Liga Danilo Slokar; deželni svetnik stranke Slovenske skupnosti Igor Gabrovec s tajnikom Milošem Čotarjem ter Michele Coren, član nadzornega odbora Sveta slovenskih organizacij, ki je na ukinjeni Gorski skupnosti Ter, Nediža, Brda svojčas spodbujal projekte za vrednotenje slovenskih narečij.