Naša zlatomašnika par papežu_I nostri sacerdoti dal papa

Mateucig Zuanellaweb1V četartak, 18. maja, so nekateri zlatomašniki iz videnske nadškofije somaševali s papežam Frančiškam par jutranji maši v domu Svete Marte v Vatikanu. Med njimi sta bla tudi msgr. Dionisio Mateucig in g. Božo Zuanella (pogedi fotografijo), dva med štierimi beneškoslovenskimi duhvoniki, ki lietos prazujejo petdesetlietnico mašniškega posvečenja. Po maši se je pažež povovoriu tudi z njima. Povedala sta mu odkod parhajata in de par nas živijo Slovenci, katerih kristajanska viera je močnuo povezana s slovenskim jezikam in kulturo. Ostala dva zlatomašnika iz Benečije, msgr. Marino Qualizza in g. Mario Gariup, sta bla zadaržana doma in niesta mogla se odpraviti v Rim. Vse štrieri pa čaka velik senjam v saboto, 27. junja, ob 19.30 v farni cierkvi v Špietru, kàr se jim Slovenci iz Benečije, Rezije in Kanalske doline bojo iz sarca zahvalili za obiuno dobrega, ki so ga jih skuoze pou stuolietja od njih parjeli.

Giovedì 18 maggio un gruppo di sacerdoti dell’Arcidiocesi di Udine, che quest’anno festeggiano il cinquantesimo di messa, ha concelebrato con papa Francesco la santa messa mattutina in Santa Marta in Vaticano. Tra essi anche mons. Dionisio Mateucig, parroco di Camporosso e rettore del Lussari, nonché don Natalino Zuanella, parroco di Tercimonte e Savogna alle pendici del Matajur (nella foto con il papa). Al termine dell’Eucaristia, hanno avuto modo di scambiare alcune parole con il santo padre. Gli hanno raccontato della propria terra e sottolineato che ci vivono popolazioni slovene, la cui fede cristiana è strettamente legata a lingua e cultura slovene. A Roma non hanno potuto essere presenti gli altri due festeggiati delle valli del Natisone, mons. Marino Qualizza e don Mario Gariup. Tutti e quattro saranno a celebrare la messa d’oro sabato 27 giugno alle 19.30 nella chiesa parrocchiale di San Pietro al Natisone. Per gli sloveni della provincia di Udine sarà un’opportunità per ringraziarli per tutto il bene ricevuto in mezzo secolo di ministero.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp