31 Gennaio 2020 / 31. januar 2020

MACA vse bolj priljubljena
Grande curiosità per MACA

Grande apprezzamento nel primo mese di attività si Maca (Museo a cielo aperto), la start up che porta alla scoperta di uno dei punti di maggiore attrattività sul territorio, il santuario di Monte Lussari.

Anche grazie al suo multilinguismo, che rende i contenuti fruibili in italiano, tedesco, sloveno e inglese, l’iniziativa ha già riscosso discreto interesse anche da parte di utenti carinziani e sloveni. Ricordiamo che attraverso a Maca con uno smartphone, delle cuffiette e avvalendosi della tecnologia QR è possibile accedere a informazioni e contenuti inerenti il Sentiero del Pellegrino, che da Camporosso/Zamline sale a Lussari, e sull’ambiente che lo circonda. Per accedere ai contenuti è sufficiente scannerizzare i codici riportati sugli appositi cartelli installati lungo il percorso nell’ambito del progetto. Tra il materiale di cui si può fruire, oltre a presentazioni figurano anche foto, racconti e approfondimenti. La tematica dei contenuti accessibili varia in base al colore del cartello sui cui il codice QR è riportato. Se il QR si trova su un cartello di colore giallo, i contenuti saranno a tematica storica, il colore verde è legato alla natura, il rosso allo sport mentre il celeste alle curiosità culturali. Ricordiamo che l’iniziativa è nata su idea e spinta di Stefano Floreanini, con cui hanno collaborato diversi sodalizi del territorio, generando una positiva sinergia. La versione slovena dei contenuti è stata curata dall’Associazione don Mario Cernet, mentre quella tedesca dal Kanaltaler Kulturverein. Al lato tecnico hanno collaborato Federico Liva e Enzo Barone, parte della squadra sono stati anche i sodalizi L’età dell’Acquario e Tree House, il Consorzio vicinale di Camporosso, il responsabile delle attività pastorali al santuario di Lussari, p. Peter Lah, nonché Monica Stroppolo della Tipografia tarvisiana. (l. l.)

Projekt MACA (»Museo a cielo aperto,« to je v slovenščini »Muzej na prostem«), ki razkriva staro romarsko pot do Svetih Višarij, je vse bolj priljubljen. Poleg italijanščine je dostopen tudi v slovenščini, nemščini in angleščini; s svojo večjezičnostjo je vzbujal pozornost tudi med Slovenci in Korošci. 

Poslušalce spominjamo, da lahko v okviru projekta MACA preko pametnega telefona, slušalk in kod QR na novo odkrivajo staro romarsko pot na Svete Višarje. S svojimi pametnimi telefoni obiskovalci berejo kode QR na kažipotih; tako imajo dostop do predstavitev, slik, pripovedi in posebnih vsebin.

Stefanu Floreaniniju, ki je za ta novi projekt dal pobudo in ki ga je vodil, so pri nastajanju MACA ob strani bile razne ustanove, med katerimi tudi Združenje Don Mario Cernet za vsebine v slovenščini in društvo Kanaltaler Kulturverein za vsebine v nemščini. Tehniško sta sodelovala Federico Liva in Enzo Barone, ob strani so bili še društvi L’età dell’Acquario in Tree House, Žabniška soseska, p. Peter Lah, ki je v svetišču na Sv. Višarjah odgovoren za pastoralne dejavnosti, ter Monica Stroppolo iz trbiške tiskarne Tipografia Tarvisiana.