29 Novembre 2019 / 29. november 2019

Dežela FJK za večjezično šolo
La Regione con la scuola plurilingue

I membri della commissione scientifica e i rappresentanti della amministrazioni comunali della Valcanale con l’assessore regionale all’Istruzione, Alessia Rosolen/Člani znanstvene komisije in predstavniki občinskih uprav Kanalske doline z deželno odbornico za šolstvo, Alessio Rosolen

Regionalizzare il sistema scolastico o elaborare e sottoscrivere un accordo quadro tra tutti gli enti coinvolti, che possa fare da cappello al progetto d’insegnamento plurilingue. Oppure entrambi. Queste sono le proposte emerse alla seconda riunione della Commissione scientifica internazionale per una scuola plurilingue in Valcanale, che si è svolta nella sala consiliare del Comune di Tarvisio/Trbiž lunedì 25 e martedì 26 novembre.

Alla riunione hanno presenziato i membri della commissione Alexandra Krause dell’Università di Vienna, Davide Zoletto dell’Università di Udine e Walter Tomada del Centro di documentazione sull’insegnamento della lingua friulana. Assente per altri impegni, invece, il membro dell’Università di Lubiana (nonché presidente del Centro culturale sloveno Planika), Nataša Gliha Komac.

La riunione, che ha rappresentato un’occasione per delineare lo stato dell’arte circa la sperimentazione d’insegnamento plurilingue nell’ambito dell’Istituto omnicomprensivo di Tarvisio, ha visto anche la partecipazione dei promotori, gli assessori all’istruzione dei Comuni di Tarvisio e Malborghetto-Valbruna, Barbara Lagger e Alberto Busettini, della dirigente dell’Istituto omnicomprensivo di Tarvisio, Doris Siega, delle insegnanti Donatella Sacchet e Annamaria Tributsch, che hanno presentato una panoramica delle attività svolte finora e delle loro ricadute e criticità, nonché di Walter Bandelj, presidente della Confederazione delle organizzazioni slovene-Sso. Per l’anno scolastico in corso, grazie a un contributo di 80.000 euro stanziato dal Consiglio e dalla Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia in base alla legge di tutela della minoranza slovena, il progetto plurilingue non è più attuato solo nel plesso scolastico di Ugovizza, ma anche negli ultimi anni dei plessi d’infanzia e nei primi di quelli primari del Comune di Tarvisio. Il contributo sarà assegnato anche per il prossimo anno scolastico e il progetto si estenderà alle classi successive. Ricordiamo che, accanto all’italiano, secondo il progetto sono lingue d’insegnamento anche sloveno, tedesco e friulano. Ai bambini è insegnato anche l’inglese.

I fondi sono ripartiti tra le associazioni Kanaltaler Kulturverein e Don Mario Cernet, che pagano rispettivamente gli esperti di lingua tedesca e slovena.

Nell’ambito dei lavori, la giornata di lunedì è stata riservata allo studio di aspetti positivi e criticità sulla base dell’attività in più lingue svolta finora; la mattinata di martedì è stata, invece, riservata al confronto della commissione con le associazioni linguistiche Don Mario Cernet e Kanaltaler Kulturverein.

Nella giornata di lunedì, alla presenza dei sindaci di Tarvisio, Renzo Zanette, Malborghetto-Valbruna, Boris Preschern, e Pontebba, Ivan Buzzi, è intervenuta alla riunione anche l’assessore regionale all’Istruzione, Alessia Rosolen. Per portare a casa il risultato di una scuola plurilingue per la Valcanale punta alla regionalizzazione del sistema scolastico. Il procedimento ora è fermo in attesa del rinnovo della Commissione paritetica Stato-Regione.

Come proposto dalla dirigente scolastica, Doris Siega, su suggerimento della direttrice dell’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia, Patrizia Pavatti, una strada che potrebbe creare ulteriore sostegno attorno al progetto potrebbe essere la sottoscrizione di un accordo quadro tra gli enti coinvolti nella sperimentazione plurilingue.

Il progetto plurilingue, del resto, sembra essere già noto al nuovo ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, che l’ha citato in un’intervista al Corriere della Sera. Non da ultimo, il progetto  è stato portato anche all’attenzione del ministro sloveno degli Esteri, Miro Cerar, nell’ambito della recente seduta del Comitato congiunto Friuli-Venezia Giulia-Slovenia, che si è svolta a Capodistria/Koper il 19 novembre. Il presidente della Regione Fvg, Massimiliano Fedriga, ha spiegato a Cerar che il progetto gode del sostegno dell’amministrazione regionale.

W. Tomada, D. Zoletto e A. Krause/W. Tomada, D. Zoletto in A. Krause

Regionalizacija šolskega sistema ali pripravljanje in podpisovanje dogovora med vsemi ustanovami, ki sodelujejo pri večjezičnem poučevanju. Ali oba. To so predlagali v okviru druge seje Mednarodne znanstvene komisije za večjezično šolo v Kanalski dolini, ki se je v ponedeljek, 25., in torek, 26. novembra odvijala v občinski dvorani na Trbižu. Seje so se udeležili člani komisije Alexandra Krause z Univerze na Dunaju, Davide Zoletto z Univerze v Vidnu in Walter Tomada s Centra za dokumentacijo o poučevanju furlanskega jezika. Odsotna zaradi drugih obveznosti je bila članica z Univerze v Ljubljani in predsednica Slovenskega kulturnega središča Planika, Nataša Gliha Komac.

Seje sta se udeležila tudi pobudnika Mednarodne znanstvene komisije, odbornika za šolstvo Občin Trbiž in Naborjet-Ovčja vas, Barbara Lagger in Alberto Busettini, ter ravnateljica Večstopenjskega zavoda Trbiž, Doris Siega. Učiteljici Donatella Sacchet in Annamaria Tributsch sta predstavili dosedanje dejavnosti v okviru večjezičnega pouka. Na seji je bil tudi predsednik Sveta slovenskih organizacij, Walter Bandelj.

V okviru seje je večkrat prišla do izraza potreba po večjem doprinosu s strani slovenskega univerzitetnega sveta. Na to potrebo so opozorili tako člani same znanstvene komisije kot tudi odbornika za šolstvo Občin Trbiž in Naborjet-Ovčja vas.

Vsako leto je zapleteno tudi zagotavljati potrebne strokovnjake za slovenski jezik, ki v slovenskem jeziku poučujejo ob prisotnosti italijanskega učnega osebja.

S prispevkom Dežele Furlanije Julijske krajine v višini 80.000 evrov se večjezični pouk za letošnje šolsko leto nadaljuje v otroškem vrtcu in osnovni šoli v Ukvah; razširil se je tudi v zadnje letnike otroških vrtcev in prve razrede osnovnih šol v celi Kanalski dolini. Dežela bo namenjala prispevek za nadaljevanje projekta v naslednjem šolskem letu, sicer spet na podlagi zakona za slovensko manjšino.

Z deželnim prispevkom Združenje Don Mario Cernet in nemško društvo Kanaltaler Kulturverein plačata strokovnjake za poučevanje v slovenščini in nemščini.

V ponedeljek popoldne se je seje Mednarodne znanstvene komisije udeležila tudi deželna odbornica za šolstvo, Alessia Rosolen, ki je ob prisotnosti županov Kanalske doline potrdila podporo Dežele Furlanije Julijske krajine v prizadevanjih za stalno rešitev za večjezično šolo v Kanalski dolini. Morebitni poti sta regionalizacija šolskega sistema in urejanje dogovora med vključenimi ustanovami.

Da Dežela Furlanija-Julijska krajina zelo podpira postopek za ustanovitev večjezične šole v Kanalski dolini, je sam predsednik Dežele, Massimiliano Fedriga, izrazil slovenskemu ministru za zunanje zadeve, Miru Cerarju, ob zasedanju skupnega odbora Furlanija-Julijska krajina-Slovenija. Slednji se je odvijal 19. novembra v Kopru.

Nedavno je večjezični pouk v Kanalski dolini omenjal še italijanski minister za šolstvo, Lorenzo Fioramonti, sicer v izjavi za italijanski dnevnik Corriere della Sera.