1816, l’anno senza estate e morto di freddo

 
 
Di seguito pubblichiamo alcune note sulla carestia che ha colpito il Friuli e le montagne della Slavia negli anni 1816 – 1817, tratte da Fame dall’anno 1816-17 di Attimis e Platischis con Note storiche relative, di Pietro Bertolla senior (Libro 2, Fondo mss Bertolla Archiv. Semin. Udine).

¥ 1816 – 3 marzo: Cudicio, Cancel- liere del Censo di Faedis, con sua Circolare chiede ai Parrochi e Vicari del Distretto l’elenco dei miserabili, degl’impotenti al lavoro, che non han risorse.

¥ 1816 – 21 marzo: Cudicio al Vicario di Attimis Sebastiano Adami: Domanda il risultato delle questue praticate fra gli agiati a benefizio dei poveri.
Ordina, che in Chiesa sia a questo fine raccomandata con energia l’elemosina. Prega i Reverendi Sacerdoti a portarsi con il servente di Chiesa a questuare per le famiglie. Di tutto questo vuole il resoconto.
¥ 1816 – 21 marzo: Circolare di Cudicio affissa alla porta della Chiesa vicariale filiale di Attimis, di tal tenore: -Primo dovere dell’uomo è soccorrere ai suoi simili.
Come fa il Governo, così devono fare i benestanti, salvare dalla morte i miseri fratelli. Essendo comandante le questue, sarebbe di vergogna ai benestanti, di sconforto al Governo, il vedere un lieve risultato.-
I benestanti non sian tali; ma diano ai Parrochi o Curati la elemosina, e il tutto notato, si presenterà la nota alla Congregazione Provinciale, ossia Centrale.
¥1816 – 11 aprile: P. Pietro Zujani (da Vernasso, morì nel 1817) Cappellano di Platischis al Vicario Adami: – E’ venuto il soccorso, ma non per tutti. Quindi il Cappellano si raccomanda al Vicario, onde veda di provvedere a ben quarantasei individui-.

¥ 1816 – 21 aprile: Cudicio al Vicario dà la facoltà di disporre del fondo cassa formato con le questue eseguite per ordine dello stesso Cudicio.

¥ 1816-21 aprile: Si forma in Attimis una Commissione locale di Beneficenza.
Cudicio sceglie a membri della Deputazione di questa Commissione il Vicario Adami, P. Giovanni Martinuzzi, Domenico Martinuzzi Sindaco, Del Negro Giovanni, Zuliani Paolo Segretario. Nomina in alcune Frazioni Deputati sussidiari, dipendenti dalla Deputazione locale.

¥ 1816-25 aprile: Cudicio al Vicario.-Raccolga il Vicario le questue volontarie dei benestanti, ma non disponga d’esse senza ordini della Superiorità.
Sarà il Vicario responsabile delle ricevute offerte-.

¥ 1816-29 aprile: Cudicio al Vicario:-Parecchi Parrochi e Sindaci non assecondono le provide misure dell’Eccelso Governo. Consta essere più d’uno morti di fame -. Quindi il Cancelliere Cudicio scarica ogni responsabilità sul Vicario. Essendo il Vicario vicino ai miserabili può salvarli col dimandar soccorsi al Cancelliere Distrettuale, per cui mezzo la Delegazione provinciale provvederà.- Fino a migliori provvedimenti i Parrochi in tali casi sono obbligati a sostentare i poveri o col loro, o con quel dei benestanti. Fra poco si assegnerà qualche fondo di riserva da dispensarsi ne’ casi estremi. – Di tutto sarà data nota al Governo.
(3. continua)

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp