16 Settembre 2019 / 16. september 2019

V spomin na Milka Matičetova
Ricordando Milko Matičetov

Nella prestigiosa sede del Slovenski etnografski muzej/Museo etnografico sloveno di Ljubljana, martedì, 3 settembre il primo canale della radio slovena ha organizzato una serata culturale dedicata alla Val Resia. La serata si è svolta per la regia di Simona Moličnik, conduttrice della trasmissione radiofonica Slovenska zemlja v pesmi in besedi, che è stata trasmessa in diretta sul canale radiofonico Radio SLO 1 dalle 20.00.

La serata, dal tema Moj jezik ne stanuje v ustih/La mia lingua non rimane chiusa dalle mie labbra è stata organizzata in ricordo dell’etnologo ed etnografo Milko Matičetov, nel centenario della sua nascita. Nato il 10 settembre 1919 a Kopriva, sul Carso sloveno, l’accademico Milko Matičetov per le sue ricerche ha più volte visitato la Val Resia, diventandone non solo estremo conoscitore ma anche sincero amico tanto che, con l’amministrazione comunale guidata da Luigi Paletti, negli anni Novanta fu insignito della cittadinanza onoraria.

Uno dei suoi meriti è stato quello di aver fatto conoscere la Val Resia nell’odierna Slovenia attraverso numerose raccolte di liriche e favole. La più famosa di queste opere è sicuramente Zverinice iz Rezije.

Questo libro contiene, infatti, le favole con protagonista la volpe di Resia che furono, negli anni Ottanta, anche animate e trasmesse dall’allora televisione di Lubiana. Almeno due generazioni poterono, così, conoscere ed apprezzare le favole della vallata resiana.

Alla serata hanno preso parte una delegazione del Gruppo folkloristico Val Resia (composta da Mara Paletti, Luciano Rodaro, Sandro e Simone Quaglia), la poetessa Silvana Paletti e la nota cantante di musica popolare slovena Bogdana Herman. Oltre alla musica e al ballo tradizionali di Resia, durante la serata sono stati eseguiti anche alcuni antichi canti tipici, tra cui Da lipa ma me püstila e Lipaj ma na Banërina. Alcuni di questi canti descrivono la morfologia della vallata o le varie essenze arboree ed erbacee e dimostrano come i resiani un tempo credevano che tutto avesse un’anima.

Alla serata è intervenuto un centinaio di invitati, tra cui anche il ministro per gli Sloveni d’oltreconfine e nel mondo, Peter Jožef Česnik, che a fine serata si è intrattenuto con la delegazione resiana, complimentandosi per la trasmissione. (Sandro Quaglia)

V Slovenskem etnografskem muzeju v Ljubljani se je v torek, 3. septembra, odvijala večerna prireditev o Reziji. V režiji Simone Moličnik so jo predvajali v živo na valovih Radia SLO1, sicer v okviru oddaje »Slovenska zemlja v pesmi in besedi«.

Prireditev z naslovom »Moj jezik ne stanuje v ustih« so organizirali v spomin na narodoslovca in narodopisca Milka Matičetova ob stoletnici njegovega rojstva. Matičetov, ki se je rodil 10 septembra 1919 v Koprivi, je večkrat obiskal Rezijo in postal njen poznavalec in ljubitelj. Z njo je navezal zelo tesne stike,toliko, da je ga kasneje Občina Rezija izvolila za častnega občana.

V današnji Sloveniji Rezijo poznajo tudi zaradi njega, saj je objavil več pesniških zbirk in pravljic. Najbolj znana knjiga je verjetno »Zverinice iz Rezije«.

V okviru večera so nastopili nekateri člani rezijanske folklorne skupine (Mara Paletti, Luciano Rodaro, Sandro in Simone Quaglia), pesnica Silvana Paletti in slovenska pevka Bogdana Herman. Občinstvo je lahko poslušalo rezijansko petje in glasbo in si ogledalo rezijanski ples.

Med prisotnimi na prireditvi je bil tudi minister Republike Slovenije za Slovence v zamejstvu in po svetu, Peter Jožef Česnik.