20 Dicembre 2022 / 20. december 2022

Spomin na Božič v Černeji in Porčinju
Ricordando Natale a Cergneu e Porzus

I fedeli in chiesa a Cergneu/Verniki v cerkvi v Čarneji

Natale è alle porte. Lo si è potuto sentire quasi con mano alle Messe d’Avvento con concerto che si sono svolte a Cergneu Superiore/Černeja e Porzus/ Porčinj nell’ambito della rassegna corale organizzata dall’Associazione/Združenje don Eugenio Blanchini in collaborazione coi circoli del territorio e l’Unione dei cori parrocchiali sloveni di Trieste-Zcpz Trst.

Domenica, 4 dicembre, molti fedeli hanno sfidato pioggia e vento e riempito la chiesa di San Giacomo a Cergneu, per la Messa celebrata dal parroco, don Marco Visintini, e arricchita dai canti liturgici sloveni di un coro formato per l’occasione da diversi cantori della zona di Trieste/Trst. A dirigerli è intervenuto Tomaž Simčič.

Nell’omelia don Visintini ha sottolineato il valore della condivisione, che in qualche modo ha permeato anche il breve concerto seguito alla funzione religiosa, moderato da Federica Bergnach.

Salutando i presenti a nome dell’Associazione Cernedum anche in dialetto sloveno di Cergneu, Giacomo Capitan ha notato con orgoglio come l’occasione sia stata un momento importante per la comunità.

Dopo tanto tempo, infatti, il dialetto sloveno del paese è tornato a risuonare nella chiesa della propria comunità. Come ricordato dai rappresentanti dell’Associazione Blanchini, anche a Cergneu per molti secoli in chiesa accanto al latino hanno trovato spazio la predicazione e il catechismo in sloveno locale, come anche il canto liturgico e la preghiera – sebbene la comunità locale ne abbia quasi perso memoria. Lo spirito di uno dei monumenti di riferimento nella storia della lingua slovena, il famoso manoscritto di Cergneu (XV secolo), riprende l’atmosfera di convivenza linguistica sul territorio. Nel manoscritto, infatti, trovano spazio sloveno locale, latino e italiano di allora. La mattinata si è conclusa con un allegro momento conviviale, durante il quale molti membri della comunità hanno espresso il desiderio di potere vivere in futuro altri momenti nel segno del canto liturgico della tradizione.

Santa Lucia a Porzus/Sveta Lucija v Porčinju

Atmosfera raccolta e molti presenti anche a Porzus domenica, 11 dicembre, per la festa di Santa Lucia, patrona insieme a San Giovanni Battista della chiesa del paese. A officiare la celebrazione è intervenuto il padre saveriano Edi Foschiatto, che ha sostituito don Vittorino Ghenda, curatore pastorale a Porzus, a causa di un’indisposizione.

La funzione solenne, accompagnata dal canto liturgico sloveno del coro di voci femminili di Prosek-Kontovel/Prosecco-Contovello è stata resa particolarmente suggestiva dalla preghiera dell’Oća naš e dalla prima lettura nel locale dialetto sloveno, la stessa lingua in cui, nel settembre del 1853, Maria si rivolse a Teresa Dush. Anche qui, come a Cergneu, è seguito un breve concerto del coro e del duo Štoka, moderato da Romana Udovič dell’Associazione Blanchini.

Al saluto in tre lingue – sloveno porzusano, friulano e italiano – del presidente della Pro loco Amici di Porzus, Luciano Turco, ha fatto eco il messaggio di speranza dato dalle brevi traduzioni e recite in sloveno di due bambini non più residenti in paese ma originari di Porzus. I genitori in famiglia non parlavano più sloveno, ma ora i piccoli stanno frequentando una scuola con lingua d’insegnameno slovena.

Anche a Porzus il momento conviviale si è concluso con l’auspicio di ulteriori occasioni che profumino di tradizione come questa, nonché con la speranza di riuscire a risvegliare, tra gli anziani del paese, i ricordi del repertorio canoro del passato, così da poterlo ripristinare almeno in qualche occasione, prima che vadano persi gli ultimi anelli della catena del tempo.

Per l’Avvento 2022, intanto, la rassegna corale si concluderà domenica, 18 dicembre. Nella chiesa di Masarolis/Mažeruola alle 11.00 sarà celebrata una Messa con concerto, mentre in quella di Valbruna/Ovčja vas alle 15.00 si svolgerà un concerto in collaborazione con l’Associazione/Združenje don Mario Cernet. (Luciano Lister)

Prav lepo adventno vzdušje je zaznamovalo Maši s koncertom, ki ju je v nedeljo 4. in 11. decembra Združenje »don Eugenio Blanchini« organiziralo v sodelovanju s skupnostmi v Čarneji in Porčinju in Zvezo cerkvenih pevskih zborov Trst.

V nedeljo, 4. decembra, je v polni cerkvi Svetega Jakoba v Čarneji priložnostni zbor s Tržaškega s slovenskimi liturgičnimi pesmimi sodeloval pri Maši, ki jo je daroval g. Marco Visintini. Maši je sledil kratki koncert, s katerim so nekako oživeli spomin na nedavno preteklost, ko je v vasi, kjer se je rodil Černjejski rokopis, tudi vaško slovensko narečje zaznamovalo homilije, verouk, molitev in cerkveno petje. V imenu vaškega društva Cernedum je prisotne tudi v slovenskem černjejskem narečju pozdravil Giacomo Capitan. Med druženjem po Maši so razni člani skupnosti izrazili željo po nadaljnjih trenutkih, ki naj bi jih zaznamovalo tradicionalno slovensko petje.

Teden kasneje, v nedeljo, 11. decembra, so nato v Porčinju z Mašo in koncertom praznovali god vaške sozavetnice Svete Lucije. Pri Maši, ki jo je daroval ksaverijanski pater Edi Foschiatto, je sodeloval ženski pevski zbor Prosek-Kontovel. Dvojezično bogoslužje sta obogatila tako Oče naš kot berilo v porčinjskem slovenskem narečju, ki sta vernike spomnila na čas, ko je domači jezik sooblikoval versko življenje v vaški cerkvi. Prebral ju je predsednik društva Pro loco »Amici di Porzus«, Luciano Turco. Po kratkem koncertu sta v slovenščini pozdravila in nekaj pesmi recitirala otroka, ki imata korenine v Porčinju in ki zdaj hodita v šolo s slovenskim učnim jezikom. O koncertu v Porčinju je med drugim poročal Televizijski deželni dnevnik Rai v slovenskem jeziku.

Niz adventnih koncertov, ki jih je v Čarneji in Porčinju kot že v Brezjah in Čenijeboli organiziralo Združenje »don Eugenio Blanchini«, se bo zaključil v nedeljo, 18. decembra. Tisti dan bo ob 11.00 v cerkvi v Mažeruolah Maša s koncertom; ob 15.00 bo pa v cerkvi v Ovčji vasi koncert v sodelovanju z Združenjem »don Mario Cernet«.