1 Giugno 2017 / 1. junij 2017 fotogallery

Obnovili bodo plestiško cerkev
Chiesa in ristrutturazione a Platischis

10chiesa PlatischisSarà una festa speciale quella dedicata alla Madonna, il 25 agosto prossimo, per la comunità di Platischis/Plestišča. Dopo anni di chiusura, infatti, riaprirà al culto la chiesa del paese.

Prima che i funzionari dei vigili del fuoco disponessero il divieto di accesso per problemi di sicurezza, infatti, questa splendida chiesa era stata curata in ogni dettaglio dalla popolazione: dalla cassetta in legno delle offerte, decorata e dipinta, alle balaustre, al fonte battesimale, ai tessuti ricamati che abbellivano l’altare. Tutto restaurato. La chiesa è stata edificata con tanti sacrifici dalla gente del paese che, come ricorda il diacono, don Diego Mansutti, «si è tolta il pane dalla bocca per avere la sua chiesa, dove riunirsi e pregare». L’edificio sacro è stato migliorato sempre con donazioni e raccolte fondi promosse dal consiglio pastorale.

Adesso sono arrivati i contributi necessari per la messa in sicurezza del tetto e dei soffitti in particolare, quelli che presentavano le problematiche statiche maggiori. Il cantiere, che aprirà a breve, prevede anche la tinteggiatura delle pareti. Intanto la comunità si è messa all’opera per pulire gli interni. Se i tempi saranno rispettati, il 25 agosto la chiesa sarà riaperta al culto. Anche se mancano ancora all’appello una preziosa croce, i candelabri e arredi sacri trafugati lo scorso anno e mai rinvenuti.

Don Diego vuole realizzare anche un altro sogno: quello di riuscire, sempre per la festa della Madonna, a ristrutturare e rimettere nella sua sede originaria l’altare maggiore, trovato a pezzi vicino alla chiesa, distrutto dal terremoto. Qui, però, mancano ancora i fondi necessari: se per il cantiere del tetto sono stati messi a disposizione circa 150mila euro, dall’8 per mille e con uno stanziamento della Regione, per l’altare si cercano offerte e aiuto dalla comunità e da altri enti e sponsor privati. (P. T.)

V Plestiščah bodo letos 25. avgusta posebno praznovali Mater Božjo. Po večletnem zaprtju bo vaška cerkev spet dostopna vernikom.

Preden so gasilci iz varnostnih razlogov prepovedali dostop, se je domače prebivalstvo zelo potrudilo za to čudovito cerkev in vse obnovilo. Cerkev so zelo požrtvovalno zgradili vasnjani, ki so se odpovedali kruhu, da bi imeli cerkev, kjer bi se lahko združili in molili. Na to je opozoril diakon, g. Diego Mansutti. Cerkev so v Plestiščah vedno izboljšali z darovanji, ki jih je spodbudil župnjiski svet.

Zdaj so na voljo potrebna sredstva, da bi popravili streho in strop, ki sta s statičnega vidika bila v zelo slabem stanju. Gradbena dela bodo kmalu stekla in bodo tudi pleskali stene. Za zdaj je skupnost začela očistiti notranje prostore. Če bodo upoštevali predvidene časovne roke, bo tako vernikom 25. avgusta cerkev spet dostopna.

Drugače se nič še ne ve o starih cerkvenih predmetih, ki so jih kradli v cerkvi, medtem ko je ta bila zaprta. Še posebej dragoceni so bili procesijski križ in svečniki iz 18. stoletja.

Sanja gospoda Mansuttija je tudi, da bi po 40 letih od potresa obnovili kameni oltar, ki ga je sam v kosih zbiral in shranil. Potrebna sredstva vsekakor še manjkajo in zato prosijo za pomoč bodisi domačo skupnost bodisi druge ustanove in zasebne sponzorje.