13 Luglio 2022 / 13. julij 2022

Novi oltar za cerkev v Ovčji vasi
Nuovo altare per la chiesa di Valbruna

Novi oltar z ikono/Il nuovo altare con l’icona

Da inizio luglio nella chiesa di Valbruna/Ovčja vas ha trovato posto il nuovo altare, decorato da un’icona della Ss. Trinità, cui la chiesa è intitolata.

A realizzarlo è stato Giovanni Keil (vulgo Jok), uno dei falegnami del paese. A dare la notizia è stato lo stesso parroco, don Alan Iacoponi, durante la Messa di sabato, 2 luglio.

Giovanni Keil cura spesso la manutenzione di quanto in chiesa è fatto in legno. Già da tempo, al suo arrivo un paio d’anni fa, Giovanni aveva detto a don Iacoponi di voler fare un altare degno della chiesa di Valbruna, a sostituzione di quello vecchio. Una volta realizzato, ha voluto dedicarlo alla memoria di suo fratello Tommaso, scomparso qualche mese fa.

«In lunghezza e altezza questo altare è disegnato cercando di rispettare la sezione aurea, che rispetta un po’ i canoni della natura stessa e si dice sia lo stampo di Dio nella natura, perché tutti i fiori, le stelle e le galassie rispondono a quel numero aureo e magico che è 1,618», ha spiegato don Iacoponi.

Nel nuovo altare è, tra l’altro, incastonata un’icona della Ss. Trinità, affidata a don Iacoponi quando è partito da Gemona. «Un’icona è una preghiera. Il materiale adoperato per realizzarla è totalmente naturale. Per poterla scrivere si compie un percorso di digiuno e preghiera; ogni particolare ha un senso e un perché». Quella che decora il nuovo altare è la riproduzione di un’icona molto antica della Ss. Trinità, realizzata dal russo Andrej Rublëv intorno al 1420. A destra dello spettatore c’è la figura dello Spirito, con dietro la roccia da cui scaturisce l’acqua, immagine di vita e spirito. A sinistra c’è il Padre e dietro di lui la casa del Padre; in mezzo c’è il Figlio, che guarda al Padre ed è raffigurato anche un calice con un pezzo d’agnello, perché Gesù è agnello immolato. In basso c’è il buco della tomba vuota, il Sepolcro, mentre dietro il Figlio c’è la raffigurazione dell’albero della vita.

Dal basso, quindi, vediamo la morte, la resurrezione e la vita.

In riferimento alla guerra in Ucraina, alcuni hanno ritenuto inadeguata un’immagine idealmente legata a Mosca. A riguardo, Iacoponi ha ricordato un episodio legato a Giovanni Paolo II. «Nel 2001 i talebani avevano distrutto i Buddha di Bamiyan con dell’esplosivo. Riguardo alle statue, che non erano cattoliche, Giovanni Paolo II disse che quando una cultura distrugge un’altra cultura, allora non si può chiamare cultura. Dobbiamo smettere di leggere Tolstoj o altri perché sono russi? La cultura è cultura e fa parte del patrimonio dell’umanità».

Al termine della funzione religiosa il diacono Corrado Colutta, attivo anche all’ufficio per i beni culturali della diocesi di Udine, ha consegnato un piccolo regalo a Giovanni Keil a nome di don Sandro Piussi, direttore dello stesso ufficio diocesano per i beni culturali ecclesiastici. Si tratta di una candela con tre stoppini, come la Trinità, che ricorda l’amore e la luce di Dio.

Prima di invitare i fedeli a un momento conviviale, don Iacoponi ha annunciato altre novità per la chiesa di Valbruna in autunno. Don Sandro Piussi aveva incaricato Giovanni di salvare i due vecchi altari laterali lignei della chiesa, che erano stati ritrovati insieme a don Mario Gariup e che stavano marcendo. Giovanni Keil li ha ricostruiti integrando i pezzi mancanti e nei prossimi mesi saranno ricollocati nella chiesa di Valbruna, di cui sono patrimonio. (Luciano Lister)

Il diacono Corrado Colutta, don Alan Iacoponi e Giovanni Keil/Diakon Corrado Colutta, g. Alan Iacoponi in Giovanni Keil

V soboto, 2. julija, je v cerkvi Svete Trojice v Ovčji vasi župnik Pastoralnega sodelovanja Trbiž, gospod Alan Iacoponi, blagoslovil novi oltar, ki ga je izdelal vaški mizar Giovanni-Hanzi Keil, vulgo Jok.

Na željo, da bi za oško cerkev izdelal novi oltar, je Keil župniku Iacoponiju namignil že takoj po prihodu slednjega na Trbiž konec leta 2019. Zdaj je mizar Keil oltar izdelal v spomin na svojega pokojnega brata, Tommasa Keila, ki je umrl pred nekaterimi meseci. Novi oltar nadomešča prejšnji, ki so ga hitro postavili po liturgični reformi leta 1968.

Pred blagoslovom novega oltarja, ki ni posvečen, saj ima cerkev v Ovčji vasi že stari posvečeni oltar z oltarno sliko Svete Trojice, je gospod Iacoponi razložil, da so novi oltar po višini in dolžini izdelali po zlatem rezu, razmerju, ki ga lahko enačimo s številko 1,618.

Ta je po nekaterih božji kalup v naravi, saj tudi cvetje, zvezde in galaksije odgovarjajo razmerju 1,618 m, je razložil Iacoponi.

Tudi novi oltar krasi med drugim ikona Svete Trojice, ki so gospodu Iacoponiju podarili ob njegovem odhodu iz Gumina, preden je prevzel mesto župnika na Pastoralnem sodelovanju Trbiž.

Ikona je molitev. Izdelajo jo s povsem naravnimi materiali, v postu in molitvi. Na upodobitvi ima vsaka malenkost nek smisel. Ikona na novem oškem oltarju reproducira starodavno ikono ruskega meniha Andreja Rublëva iz začetka 15. stoletja.

Pred nami so tri figure, na desni strani je Sveti duh, z goro, od katere izvira voda, to je življenje in duh. Na levi strani je Bog Oče in za njim Očetov dom. Na Boga Očeta je obrnjen osrednji lik, to je Sin; za njim vidimo drevo življenja. V spodnjem delu slike opazimo tudi luknjo, to je prazni božji grob. Na sliki so tako upodobljeni smrt, vstajenje in življenje.

Zaradi vojne med Ukrajino in Rusijo so nekateri namignili, da bi lahko ikona, ki je nekako povezana z Moskvo, lahko bila neprimerna. Iacoponi je pa spomnil na leto 2001, ko so talibani v Bamjanu porušili kipe Bude. Čeprav niso bili izraz katoliške vere, je takratni papež Janez Pavel II. ocenil, da vsake kulture, ki poruši drugo kulturo, ne smemo imenovati kulture. Spraševal se je, ali bi morali na primer nehati z branjem Tolstojevih del, samo ker je ruski avtor.

Ob koncu Maše so pred manjšo pogostitvijo mizarju Giovanniju Keilu v imenu gospoda Sandra Piussija, ravnatelja urada za cerkvene kulturne dobrine na videnski nadškofiji, podarili svečo s tremi stenji, ki spominja na Trojico, božjo ljubezen in svetlobo.

Župnik Iacoponi je tudi napovedal, da bosta predvidoma jeseni oško cerkev spet krasila dva stara lesena oltarja, ki ju je gospod Piussi spet našel že pred leti, skupaj s pokojnim vaškim župnikom Gariupom. Giovanni Keil ju je obnovil; v naslednjih mesecih bodo spet viden del vaškega izročila.