30 Giugno 2022 / 30. junij 2022

»Ješiške zgodbice« in upanje za jezik
Il libro di Ruttar e le Valli che sperano

Zahvalim vse in Buog dì, de bo še napri.« S telimi besiedami je Jur Zad Tih zaparu prežentacion svojih bukvi Ješiške zgodbice – Dikla Tina, ki so na začetku lietošnjega lieta paršle von par kooperativi Most. Natuo je povabu vse na pijačo in jedačo, vzeu v roke kitaro in se pardružiu godcu ramonike Janu in Nediškim puobam. Začeu je pravi senjam. Hitro so vsi, stari in mladi piel’. »Kolkor kapljič tolko let, Bog nam daj na svet živet,« so jo vzdignili. Odmievalo je ku voščilo za vas in celo Benečijo.

Ja, v nediejo, 26. junja, je bluo v Ješiču zaries veselo. Biu je praznik domačega jezika in kulture; praznik trošta, de se slovenska besieda obvarje in de bojo vasi spet pune življenja, kakor v lietih, ki jih je Jur takuo mojstrovsko opisu.

»V bukvah so zbrani spomini našega vsakdanjega življenja, podoba vsieh naših vasi v Nediških dolinah. Vič ku kajšan se vpraša, zaki so bukva napisane v samim našim domačem dialektu, brez traduciona po italijansko. Tuole je zakì, čejo bit čist dokument našega jezika, tistega ki so nam ga naši te stari zapustil’ ku premoženje. Na viem dost tistega jezika ostaja donas. Grede ki te stari nas zapuščajo, tela publikacija če povabit naše ljudi, de bi se spustil’ v svoje spomine, v tist sviet v katerim so preživiel’ svoje mlade lieta,« je poviedu Riccardo Ruttar, Jurjev brat, ki mu pomaga par prepisovanju.

Jurijeve zgodbice že danajst liet beremo na petnajstdnevniku Dom. V teli številki (na 14. strani) je objavljena 239. V bukvah jih je 90. 55 na tematiko vasice Ješiče, 35 pa o življenju gospe Tine, rojene v Ofijanu, in nje žalostne poti ku dikla v italijanskih miestih. »Trieba je valorizirat, oživiet in mantinjat, kar ostaja naše kulture in izvirnga jezika, kier naša zgodovinska duša ima v jeziku svoje identitarne kornine. Rad bi vidu nonuna, ki prebiera nevuodu Ješiške zgodbice, kier so paradigmatiče zgodbice vsake vasice v Benečiji. Vse tuole je zaries naše, vsakega od nas, ki se pogleda nazaj in zastope, de med valuorji, ki jih muore ohranit, so spomini in jezik narbuj dragoceni,« je jau Riccardo.

Predsednik regionalnega konseja Piero Mauro Zanin je pohvalu Jurija Zad Tih, pa tudi Dom in kooperativo Most. Pozvau je vse Benečane, naj ovarjejo domači slovenski jezik in takuo tudi avtonomijo Furlanije Julijske krajine.

V imenu šindika Svetega Lienarta Antonia Comugnara, ki je biu bolan, je pozdravila Michela Gus. Parsotna sta bla tudi šindik Špietra Mariano Zufferli, ki je tudi podpredsednik gorske skupnosti, in Dreke Francesco Romanut. Regionalni konsiljer Giuseppe Sibau, ki je Ješičan, je poviedu, de je bukva že prebrau. Nekatere zgodbe je že poznu, pa sada, je jau, bojo ostale v zgodovini. Posebo ganjen je biu za Tino, ki jo je dobro poznu.

»Kje je Jur ušafu muoč in navdih, de je napisu vse tuole?« se je vprašu direktor Doma msgr. Marino Qualizza. »Skor celuo življenje je biu proč od Ješičja, a nie nikul pozabu svoje vasi, svojih korenin in kraju, kjer se je rodiu. In posebno nie pozabu svojega jezika. V telih bukvah je vse naše življenje, zatuo smo mu hvaležni, zak’ je stuoru oživiet ne samuo Jesičje, pa celo Benečijo in ji dau trošt, de na umarje.« Tinina zgodba je msgr. Qualizzo zmisnila na vse dikle. »Venč part telih naših čeč je tarpielo, a so se varnile damu, napravle družino in rodile otroke. Takuo so dale novo upanje. Zaries jih je trieba počastit,« je jau.

Direktor Doma je na koncu parporočiu: »Imamo dvojezično šuolo, kjer se otroci učé literarni slovenski jezik. Nie zadost. Trieba je, de se v naših družinah guori po slovensko. Na smiemo pozabit svojega jezika, zak’ tela je naša zgodovina, tuole je naše življenje. Če zgubimo jezik zgubimo življenje. Niesmo vič tisti ljudje. Muormo ostati, kar smo in se še zbuojšat!« (Ezio Gosgnach)

Piero Mauro Zanin

Il primo presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia in visita a Iesizza di San Leonardo è stato inequivocabile nel suo appello ai paesani e a tutti i beneciani: «Tutelate la vostra lingua, perché è onore e orgoglio. Nello stesso tempo tutelerete la specialità della Regione, perché essa è tale grazie alle sue quattro lingue: sloveno, tedesco, friulano e italiano, altrimenti sarebbe ordinaria». Piero Mauro Zanin è salito nelle Valli del Natisone domenica, 26 giugno, per la presentazione del libro «Ješiške zgodbice – Dikla Tina», scritto da Giorgio Ruttar ed edito dalla cooperativa «Most». Si tratta della raccolta di una parte degli articoli pubblicati, con la firma Jur Zad Tih, sul «Dom» a partire dal 2011.

Dopo aver ringraziato l’autore e «Dom, Most, Slovit perché seppure tra tante difficoltà non si stancano mai di promuovere la lingua, la cultura e le tradizioni delle Valli», Zanin ha detto: «La “Divina commedia” si trova dappertutto, ma i fatti di Iesizza, se non li avesse scritti Giorgio, sarebbero andati persi. Questo libro è, quindi, testimonianza di amore per la propria terra e la propria storia. Una storia minore, se vogliamo, ma che ha fatto grande il Friuli, le Valli del Natisone, la regione. È la storia di gente con inculcati i valori ed è bene che li trasmettiamo ai nostri figli».

Il consigliere regionale Giuseppe Sibau, di Iesizza per origini e residenza, ha già letto il libro, ricevuto in regalo dall’autore. «Alcuni di questi fatti li avevo già sentiti, però nessuno aveva fatto questo lavoro di raccolta. Ora rimarranno nella storia», ha detto.

Per quanto riguarda la seconda parte, ha rivelato di aver conosciuto bene Tina, essendo stato alcuni anni in affitto in una sua casa a Udine: «Tra noi si era creato il rapporto che può instaurarsi tra valligiani che risiedono fuori del proprio territorio, ma che hanno un forte radicamento per le origini dalle quali provengono. Tina era una persona che, facendo la serva, si era fatta tre case a Udine e che con un minimo di sostegno avrebbe fatto grandissime cose grazie al suo cervello straordinario e alla sua enorme forza di volontà. Mi emoziono al suo ricordo».

Giuseppe Sibau

Sibau ha colto l’occasione per sottolineare l’importanza dell’ingresso delle valli del Natisone e del Torre nella strategia nazionale per le aree interne. «È un successo enorme. Nel 2017, quando è stato stilato il primo elenco, eravamo stati lasciati fuori. Poi nel 2019, nel grande incontro a San Pietro al Natisone, con quattro assessori regionali e diversi consiglieri, ho rivendicato la nostra appartenenza alle aree interne. Ho trovato ascolto nell’assessore Zannier, che si è subito messo al lavoro. Tre giorni fa il riconoscimento. Subito verranno stanziati quattro milioni di euro per migliorare la vita in queste valli e poi si potrà partecipare ai bandi europei».

A questo aveva fatto riferimento anche il presidente Zanin: «Il Piano nazionale di ripresa e resilienza ci dà un’indicazione, quando investe molto sulle aree interne. Esse sono una scommessa per il futuro a livello europeo, perché se le perdiamo, perdiamo gran parte della tenuta socio-economica di un territorio. Investire sulle aree interne significa investire anche per Cividale, Udine, Lignano …».

I saluti del sindaco di San Leonardo, Antonio Comugnaro, indisposto, sono stati portati da Michela Gus, felice «di vedere le persone riunite qui, in una frazione di montagna, a cercare di stare di nuovo insieme, come prima di quello che abbiamo vissuto, cantando, divertendoci, e avendo l’occasione di presentare un libro». Erano presenti pure il sindaco di San Pietro al Natisone e vicepresidente della Comunità di montagna, Mariano Zufferli, e il primo cittadino di Drenchia, Francesco Romanut. Ad allietare l’evento anche il coro «Nediški puobi» nel quale Giorgio Ruttar canta, la chitarra dell’autore, la fisarmonica di Jan e il canto corale di tutti i presenti.

Il libro è stato presentato da Riccardo Ruttar: «Vuole essere un documento del nostro linguaggio, di quello più autentico e originario, che ci è stato lasciato in eredità dai nostri progenitori. La nostra lingua del cuore, dell’anima, nella quale troviamo le nostre radici identitarie. Mi piacerebbe vedere un nonno che legge ai nipotini i fatterelli di Iesizza e l’avventura umana di Tina. Lingua e memoria sono i valori più preziosi».

Il direttore del «Dom», mons. Marino Qualizza, ha sottolineato che «non sono una novità scritti e libri nel nostro dialetto sloveno, ma in questo di Giorgio Ruttar lo stile e i contenuti sono assolutamente nuovi. Bravo Giorgio perché, pur essendo tutta la vita in giro per il mondo, non ha dimenticato la sua terra d’origine e la sua lingua – ha detto –. Adopera una lingua così bella, così ricca, con tante parole che avevo dimenticato e che grazie a lui ho riscoperto. Che sia di buon auspicio per tutti i valligiani». (E. G.)