31 Ottobre 2019 / 31. oktober 2019

Dolenje med Romani in Slovani
Dolegna tra mondo romanzo e slavo

Fabrizio Mascarin, Giorgio Banchig, Maurizio Puntin e Lauro Iacolettig/Fabrizio Mascarin, Giorgio Banchig, Maurizio Puntin in Lauro Iacolettig

Grande partecipazione a Dolegna del Collio/Dolegne dal Cuei/Dolenje v Brdih per la serata di presentazione del volume «L’antica pieve di Prepotto – Toponomastica e onomastica».

Pubblicato dall’associazione Don Eugenio Blanchini e dalla cooperativa Most nel 2015, il volume è frutto del lavoro di Maurizio Puntin e Lauro Iacolettig, che in esso hanno preso in esame i toponimi del territorio a Est di Cividale di cui, alla fine del XVIII secolo, aveva competenza l’antica pieve di Prepotto. Il libro è corredato dalle fotografie di Oddo Lesizza, originario di quell’area. Venerdì, 25 ottobre, un folto pubblico si è riunito nell’ex scuola del paese. Durante la serata, moderata dall’assessore alla cultura del Comune di Dolegna, Fabrizio Mascarin, i partecipanti hanno potuto ascoltare le relazioni di Giorgio Banchig, cultore di storia locale e presidente dell’associazione Blanchini, e Maurizio Puntin, esperto di toponomastica.

Il territorio di cui fino al 1753 ebbe competenza l’antica pieve di S. Giovanni Battista a Prepotto si estendeva sugli odierni territori comunali di Prepotto, Dolegna del Collio e parte del comune di Brda, oggi in Slovenia.

Il pubblico in sala/Občinstvo v dvorani

Dagli studi dei nomi di luogo di Corno di Rosazzo è emerso come nel Basso Medioevo il confine linguistico tra mondo romanzo, con il friulano, e mondo slavo, con lo sloveno, fosse localizzato diversi chilometri più a ovest, correndo fra Corno, a maggioranza friulana, e Noax e Gramogliano, slave.

Cartello in italiano e friulano/Tabla v italijanščini in furlanščini

Oggigiorno nel comune di Dolegna il friulano è parlato in tutte e sette le frazioni, mentre lo sloveno è presente soprattutto a Mernico/Mernic/Mirnik, Scriò/Scriù/Skrljevo e Restozina/ Restocine/Rastočno.

Iscrizione in sloveno al cimitero di Mernico/Napis v slovenščini na pokopališču v Mirniku

Alla presentazione del volume, organizzata dall’Associazione Blanchini, dalla Cooperativa Most e dal Comune di Dolegna del Collio, è intervenuto anche Lauro Iacolettig, coautore del libro. In armonia col plurilinguismo presente sul territorio, la serata è stata arricchita in musica dai cori Lis vôs dal Nadison di San Giovanni al Natisone e Fantje izpod Grmade di Duino, che hanno cantato rispettivamente in friulano e sloveno. Oltre al sindaco di Dolegna, Carlo Comis, hanno partecipato anche i sindaci di Prepotto, Stregna, San Pietro al Natisone e San Leonardo nonché il presidente della Sso, Walter Bandelj. (Luciano Lister)

Številno občinstvo se je udeležilo predstavitve knjige z naslovom »Starodavna prafara v Prapotnem – Toponomastika in onomastika«, ki se je odvijala v petek, 25. oktobra, v Dolenjah v Brdih.

Knjiga, ki sta jo leta 2015 objavili Združenje »Don Eugenio Blanchini« in Zadruga Most, sta pripravila Maurizio Puntin in Lauro Iacolettig. V njej obravnavata toponime z ozemlja vzhodno od Čedada, ki je v 18. stoletju po večini spadalo k širokemu območju starodavne plebanske cerkve v Prapotnem. Knjigo okrasijo še fotografije Odda Lesizze, ki prihaja iz Idarske doline.

25. oktobra sta v dvorani bivše dolenjske osnovne šole spregovorila domači zgodovinar in predsednik Združenja »Blanchini«, Giorgio Banchig, ter strokovnjak za toponomastiko, Maurizio Puntin. Večer je moderiral odbornik za kulturo Občine Dolenje, Fabrizio Mascarin.

Na ozemlju Občine Dolenje dandanes govorijo furlansko v vseh sedmih vaseh; slovensko še posebej v Mirniku (v italijanščini Mernico), na Skrljevem (Scriò) in v Rastočnem (Restozina).

Predstavitve knjige, ki so jo organizirali Združenje »Blanchini«, Zadruga Most in Občina Dolenje v Brdih, se je udeležil tudi soavtor, Lauro Iacolettig. Ob upoštevanju domače večjezičnosti sta večer glasbeno obogatila še zbor »Lis vôs dal Nadison« iz kraja San Giovanni al Natisone, ki je nastopil v furlanščini, in zbor »Fantje izpod Grmade« iz Devina, ki je zapel v slovenščini. Med prisotnimi v dvorani so bili še domači župan Carlo Comis ter župani Občin Prapotno, Sriednje, Špietar in Svet Lenart in predsednik Sveta slovenskih organizacij, Walter Bandelj.