22 Ottobre 2019 / 22. oktober 2019

Za Božjo besiedo in naše ljudi
Per la parola di Dio e la nostra gente

Benečani so hvaležni g. Antonu Cuffolo za vse, kàr je nardiu in zapustu. Mašo zadušnico je v saboto, 12. otuberja, v Lazeh vodu msgr. Marino Qualizza ob somaševanju g. Boža Zuanelle. Pieu je zbor Naše vasi iz Tipane, pod vodstvom Davida Tomasetiga.

»Minilo je že 60 let odkar nas je zapustu gaspuod Anton in potlé še gaspuodje Cramaro, Cracina, Birtig, Laurencig, Cernoia, Qualizza iz Dolenjega Barnasa in drugi – je poviedu med pridgo monsinjor Qualizza – vsi teli so dobil’ ime, de so Čedarmaci, pride reč tisti ljudje malo zapuščeni, ampà ki so dielali, se trudil’ in se boril’. Zaki? De Božja beseda v tajšnim jeziku, ki se muore zastopit, bi bla oznanjena le napri.«

»Šli so pred poglavarje, pred mogočne ljudi, včasih so se bal’, včasih so trepetal’, ma na zadnjo so pokazal’, kaj pride reč živiet za Božjo besiedo, za našo kulturo, za naš jezik, za našo domovino.«

Tudi gaspuod Zuanella je poviedu ganljiu spomin o pre Antonu. »Jest sam se rodiu blizu Laz, v Bijačah. Šu sam v seminar lieta 1952. Kajšan misli, da seminarja se ni plačalo, de je bluo vse gratis. Ne, so muorli plačat naši očeti in matere, tisti krat nie bluo sudu. Tri dni priet, ku sam šu v seminar, me je g. Cuffolo poklicu tle v Laze in mi je dau bušto z denarjam za moje študije. Za me je biu pravi dobruotnik. A niesan mogu prit za njega pogreb, ker iz seminarja so nas pustil’ na pogreb samuo, kàr je umarla nona al’ nono.« Odkod je gaspuod Cuffolo ušafu tele sude? »Zbierali so jih naši dieluci v Belgiji, in gor so dielali tu minah. Gaspuod Reven je zbieru tele sude in jih pošiju Antonu Cuffolu. De smo ratali mašniki, se muoramo zahvalit tudi našim dielavcam in drugin Slovencam v Belgiji, Ameriki in drugod.«

Po maši je navuoda gaspuoda Cuffola, munja Antonia Cuffolo iz kongregacije hčera Sv. Evsebija iz Vercellia, podala spomine od strica. Poviedala je na primer, kakuo gaspuod Antonio Cuffolo nie želeu, de so ga klicali »don«, ker izvira iz »dominus«, niti »monsinjor« mu je bilo všeč. Rajš »pre Anton«.

Ganljivo je bilo tudi čuti, kakuo je biu povezan z svojimi ljudmi. »Nimar mi je pravu – je poviedala –, de pastier muora zmieram ostati med suojimi oučicami, zato je odloču, de bo šu vsierode parnogah, s pomočjo palce, takuo de bi na mou iti takuo daleč.« Sestra Antonia je natančno opisala zadnje dni življenja svojega strica. 12. otuberja 1959 zvičer je letiela v cierku v Lazeh in začela moliti rožar. Počaso so vaščani, ki jim je pre Anton nimar pomagu in jih poslušu, napunli cierku in v molitvi še zadnji krat objeli svojega pastirja. (Veronica Galli)

I beneciani sono riconoscenti a don Antonio Cuffolo per tutto ciò che ha fatto e lasciato. Sabato, 12 ottobre, nella chiesa di Lasiz/Laze è stata celebrata una Messa in sua memoria, presieduta da mons. Marino Qualizza e concelebrata da don Natale Zuanella. Il rito è stato arricchito dai canti del coro Naše vasi di Taipana/Tipane, diretto da Davide Tomasetig.

«Sono passati già 60 anni da quando don Antonio ci ha lasciato e, dopo di lui, anche don Cramaro, Cracina, Birtig, Laurencig, Cernoia, Qualizza di Vernasso/Dolenj Barnas e altri ancora – ha detto mons. Qualizza nell’omelia –; tutti sono stati definiti Čedermaci, ovvero persone un po’ lasciate da parte, ma che hanno lavorato, si sono date da fare e si sono battute. Per cosa? Perché si continuasse a annunciare la Parola di Dio in una lingua tale che si potesse capire». «Si sono recati davanti ai capi, ai potenti; a volte hanno avuto paura, altre hanno trepidato, ma alla fine hanno mostrato cosa voglia dire vivere per la Parola di Dio, per la nostra cultura, per la nostra lingua, per la terra su cui siamo di casa».

Anche don Zuanella ha portato un ricordo toccante di don Antonio. «Sono nato vicino a Lasiz, a Biacis. Sono entrato in seminario nel 1952. Qualcuno pensa che il seminario non lo si pagasse, che fosse tutto gratis. No, dovevano pagare i nostri padri e le nostre madri e allora non c’erano soldi. Tre giorni prima che andassi in seminario, don Cuffolo mi chiamò qui a Lasiz e mi diede una busta col denaro per i miei studi. Per me fu un vero benefattore. Ma non potei venire al suo funerale, perché ci permettevano di lasciare il seminario per i funerali solo quando morivano la nonna o il nonno». Da dove aveva tirato fuori don Cuffolo quei soldi? «Li aveva raccolti la nostra gente che lavorava in Belgio, nelle miniere. Don Reven raccoglieva quei soldi e li inviava a Antonio Cuffolo. Se siamo diventati sacerdoti, dobbiamo ringraziare anche i nostri lavoratori e gli altri sloveni in Belgio, in America e altrove».

Dopo la Messa la nipote di don Cuffolo, suor Antonia Cuffolo della congregazione delle Figlie di Sant’Eusebio a Vercelli, ha condiviso alcuni ricordi dello zio, ricordando, ad esempio, come non volesse essere chiamato «don», perché derivante da «dominus», e come non amasse «monsignor». Preferiva «pre Anton».

Toccante è stato anche sentire del suo legame con la propria gente. «Diceva sempre – ha raccontato –, che un pastore deve sempre restare tra le sue pecorelle, quindi aveva deciso che sarebbe andato ovunque a piedi, con l’aiuto del bastone, in modo che non avrebbe potuto andare così lontano». Suor Antonia ha descritto con precisione gli ultimi giorni di vita di suo zio. La sera del 12 ottobre 1959 si affrettò nella chiesa di Lasiz e iniziò a pregare il rosario. Pian piano gli abitanti del paese, che don Antonio aveva sempre aiutato e ascoltato, riempirono la chiesa e abbracciarono per l’ultima volta, nella preghiera, il loro pastore.