5 Ottobre 2020 / 5. oktober 2020

Tele dan ostane v zgodovini
Una data da appuntare sul calendario

Kaduo bi se biu čaku, de se bo na Tarčmunu praznovalo Parvo sveto obhajilo desetih otruok, ki se že tri lieta parpravljajo na tele velik an nepozabljiv praznik. Tuole se vprašamo resnično, zak’ se je v samem začetku zdielo, de telo Parvo obhajilo bo mogoče, saj so venašali von vse zakone, vse zapuovedi an prepuovedi, de se teli otroci muorajo parpraviti v svojih farah. Sigurno bi bluo takuo, če bi bli teli otroci adne same fare an de bi obiskali adno samo šuolo. Naspruotno an veselo, so vsi učenci dvojezične šuole v Špietru. Prù dvojezičnost je svetovala staršam, naj se njih sinuovi dvojezično učijo tudi Božij navk. A kar se je zdielo takuo pametno an modro, je bluo kajšnemu nerazumljivo an je teu, de bi učenje naredili edino v italijanskem jeziku. Po nekaj težav, videnski nadškof nie ne prepoviedu ne parpustu dvojezičnega katekizma, an je gospuod Božo Zuanella, ki je dau cerkveno domovino telim otrokam, imeu fraj roke. Takuo sta skarbni učiteljici Anita an Vesna mogli napraviti lepuo dielo an doseči tele cilj, tele traguard, ki je za nas Slovence v Benečiji zlò pomemben. Tudi zato, ki so bli teli otročiči par slovenski maši ob sabotah v Špietru, kadar se je moglo maševati, ankrat na miesac kupe s svojimi starši. Višno, de v nobedni fari niso imieli take lepe parprave na Parvo sveto obhajilo z udeležbo tudi staršu, kar je zlò važna an dragocena rieč. Pred lieti so se vsi beneški otroci učili po slovensko Božij navk. Jest viem, de nas je v moji fari v Podutani famoštar Cracina učiu dvojezično. Pred drugo svetovno vojsko so v vsieh naših farah an kaplanijah učili po slovensko, saj smo imieli – an v arhivijh je šele – Slovenski katekizem, ki so ga bli napravili naši duhovniki pod nadzorom msgr. Trinka. A tisti so cajti, ki se že izgubljajo v zgodovini. An se takuo zgubljajo, de kajšni šele donas tardé, de tle par nas na poznamo slovenskega jezika. Takuo gredo reči. Pa bodimo veseli. 27. šetemberja bomo veselo praznovali tele dan, ki naj ostane zaries v naši zgodovini, kot neparčakovani dar. Kadar se zdi, de vse gre narobe, iz Nebes nas milo pogleda ljubi Kristus, ki ga čemo lepuo praznovati, de bo zaries naš parjatelj an tako naj ostane. Kjer je Kristus je tudi veselje, ki ga želmó živiet kupe an pokazati današnjemu svietu. S Tarčmuna pogled gre na sirši sviet, na Laško ravnino, na Matajaur, na Stato goro. Tele je naš sviet an v njim želimo veselo an pametno živieti. (Marino Qualizza)

 

“Quattro gatti”, è il titolo del libro scritto, l’anno scorso, da un giovane prete di Belluno per descrivere la situazione numerica della sua e di tante comunità cristiane di questi tempi. Quatto gatti, sì, ma non per deprimerci, piuttosto per prendere posizione, contando sulle capacità di ognuno. Ci sono e non vanno perse in inutili e improduttive lamentele sulla iniquità dei tempi. Così rinasce e prende vigore una comunità che sembrava al tramonto. Mi pare che quanto detto valga anche per la nostra Benecia. I numeri sono in discesa, ma forse hanno toccato il fondo, e noi non siamo rassegnati. Guardiamoci attorno e vediamo la realtà. Sembrava che la nostra cultura stesse per scomparire ed è sorta, quasi per incanto, la scuola bilingue, con una adesione e partecipazione stupefacente. La liturgia in sloveno era quasi del tutto scomparsa con la morte dei sacerdoti che la celebravano, ed ecco che è spuntata la messa in sloveno. Dopo gli sporadici tentativi di don Božo e del sottoscritto, si è stabilizzata la celebrazione nel cuore della Benecia, a San Pietro. E quando il catechismo dei bambini era unicamente monolingue e lo sloveno un ricordo del passato, alcuni saggi genitori della Bilingue hanno chiesto il ripristino del passato. Così è avvenuto, anche se con qualche difficoltà, e si è arrivati al bel traguardo della prima comunione di dieci bambini che per primi hanno terminato la loro preparazione. La domenica del 27 settembre dobbiamo puntarla sul calendario, perché segna un punto di arrivo dopo un appassionato Tour. E non solo questa, ma tutte le conquiste sopra ricordate. Ad esse dobbiamo aggiungere anche la presenza di due periodici, uno settimanale, l’altro quindicinale, che denotano la vivacità culturale della nostra gente. Ma l’elenco non è terminato, perché comprende tante altre iniziative, degne di attenzione e di sostegno, come la compagnia teatrale ed i diversi gruppi corali che allietano le nostre feste. Dunque, non è il caso di lagnarci, ma di fare festa per godere di quanto abbiamo fatto e incentivarlo ulteriormente. Ancora una volta, però, bisogna evitare quel comportamento di autopunizione, mostrato all’ultimo Referendum. Se c‘era qualcuno che doveva votare no al Referendum, erano proprio i comuni sloveni di Gorizia, Trieste e Udine, per esprimere la loro preoccupazione in vista di una improbabile elezione di un rappresentante sloveno. Niente da fare. Masochisticamente ci siamo dati la zappa sui piedi. Bisogna tornare allo spirito positivo dei quattro gatti, e subito. (Marino Qualizza)