31 Luglio 2020 / 31. julij 2020

Pravljica znotraj vasi
Una favola dentro al borgo

Stolvizza/Solbica

A Stolvizza/Solbica, caratteristico paesino ai piedi del monte Canin, ritorna l’appuntamento, ormai tradizionale, dedicato alle favole e fiabe della Val Resia.

Ogni anno il Museo della gente della Val Resia, in collaborazione con il Circolo culturale resiano Rozajanski dum e l’associazione ViviStolvizza, propone un percorso all’interno del paese o nelle immediate vicinanze dedicato ad un particolare racconto. Lo scorso anno la fiaba proposta è stata quella del «Figlio del conte» del castello di Moggio Udinese, una leggenda che porta a ricordare la figura storica del conte palatino Kocel/Cacellino. Questi donò il suo castello al Patriarcato di Aquileia, con la richiesta, però, che sullo stesso sito si costruisse un’abbazia. Lo scorso anno sono stati ricordati i 900 anni della dedicazione della chiesa abbaziale di Moggio Udinese. Così anche in Val Resia, che era parte del feudo abbaziale, si è voluto ricordare tale evento storico con questa leggenda.

Quest’anno, invece, viene proposta una favola che vede protagonisti un bambino ed un coniglio. Si tratta di una delle favole presentate nell’ambito della mostra «Od puvijala dardu karsta/Dalla nascita al Battesimo/Od rojstva do krsta» che è allestita da questo mese al Museo della gente della Val Resia, sempre a Stolvizza.

Il percorso parte proprio da questo punto e si sviluppa lungo la borgata Les, concludendosi nella piazzetta del paese. La sua inaugurazione si è svolta sabato, 25 luglio, nel pomeriggio ma, per motivi legati alla situazione sanitaria attuale, non c’è stata la tradizionale presentazione, con la lettura e l’illustrazione del racconto.

Il Museo invita tutti, quindi, a conoscere questa favola, che sarà in esposizione fino a fine agosto. (Sandro Quaglia)

Ta-na Solbici asočacjun »Muzeo od tih rozajanskih judi« wkop ziz taa rozajonska čirkola »Rozajanski dum« ano taa solbaška asočacjun »Zïvisolbica« w saböto, 25 dnuw avošta, na jë pražantala pravico »Otrök ano zec«. Isa to jë na stara pravica ano na bo napïsana pa tu-w katalogo kazanja »Od puvijala dardu kärsta – Dalla nascita al battesimo – Od rojstva do krsta«, ki na jë na vïdanjë tu-w »Muzeo od tih rozajanskih judi,« ki se nalaža ta-na Solbici tu-w Plocavi ïši, od pundijka dardo petka 10.00-13.00/14.00-16.00 ano w saböte ano nadëje 14.00-16.00. Isa pravica na jë ristrontana po vasi (ta -na Lazo) ano baside so napisane po rozajonski, po bolški, po laški ano po inglëški. (s. q.)