1 Marzo 2019 / 1. marec 2019

Domači püst za dušo
Un carnevale per l’anima

Un carnevale «da vivere nell’anima» è il motto che, anche quest’anno, in Val Resia è stato scelto per pubblicizzare il püst, ovvero il carnevale tradizionale. La simpatica serie di eventi in conclusione del periodo carnevalesco prevede numerosi appuntamenti, tutti incentrati sul divertimento, ma con spazio a tradizione e cultura.

Fino ai terremoti del 1976 quasi tutti i paesi della vallata festeggiavano questo avvenimento in autonomia, ma con il drastico calo della popolazione del comune, in atto da decenni, l’antico rito propiziatorio con il ballo degli adulti è perpetuato solamente a San Giorgio/Bila.

In questi giorni, lungo le vie del paese, si sente spesso gridare Wöjmë püsta našaga, frase che dà coraggio e fa sperare che non solo le tradizioni, ma anche il dialetto sia parte integrante del vivere a Resia. Per il mantenimento di queste antiche usanze locali interviene, da anni, anche il locale plesso scolastico, che ancora conta la presenza della scuola d’infanzia, di quella primaria e di quella secondaria di primo grado. A scuola, durante i momenti a ciò dedicati, i ragazzi e i loro insegnanti preparano alcuni babac, ovvero i fantocci che rappresentano il carnevale, con cui partecipano all’ormai tradizionale concorso «E tu che babaz sei». La premiazione di quest’ultimo è in programma per venerdì, 1 marzo, alle ore 15.00 alla scuola primaria.

L’allegria impazzerà, invece, sabato, 2 marzo, dalle ore 20.00 nel salone dell’Associazione Sangiorgina e all’osteria Alla Speranza, dove tutti potranno danzare al suono della cïtira e della bünkula, gli strumenti tradizionali che da secoli accompagnano i momenti di allegria degli abitanti della vallata ai piedi del Canin. Sempre a San Giorgio, nel pomeriggio di domenica, 3 marzo, durante la püstawa nadëja, nell’antica piazzetta del borgo residenti e turisti potranno vedere le caratteristiche lipe bile maškere. Le tradizionali maschere bianche col copricapo colorato, con il loro incessante ballo, hanno il compito di risvegliare la natura dal lungo inverno. Te mali püst, invece, è il momento per i più piccoli e non solo, che verrà festeggiato, con tutti gli onori, lunedì 4 marzo a Stolvizza/Solbica, dove l’associazione Vivistolvizza organizzerà, dalle ore 14.00, anche simpatici momenti di allegria. Nella stessa giornata, al Museo della gente della Val Resia i bimbi potranno imparare a costruire con semplici materiali il fantoccio, nell’ambito di un apposito laboratorio. I balli per gli adulti proseguiranno nella sera del vilïki püst, martedì, 5 marzo, a San Giorgio, dove la sera dopo tutti i festeggiamenti carnevaleschi si concluderanno col tradizionale processo del babac al quale, anche per quest’anno, la comunità rigetterà tutte le colpe per gli eventi negativi accaduti. Dopo la sentenza capitale, lo stesso sarà messo al rogo e le sue ceneri sparse affinché di lui e delle colpe non rimanga nulla. (Sandro Quaglia)

Na koncu pustnega časa organizirajo v Reziji veliko dogodkov. Tam se domače navade in kultura prepletata z zabavo.
Do potresa leta 1976 je vsaka vas v občini sama organizirala pustovanje; dandanes organizirajo ples le v Bili.

V teh dneh se na bilskih ulicah pogosto sliši vzklik »Wöjme püsta našaga,« ki daje upanje, da bo še naprej tudi domače slovensko narečje del vsakdana v Reziji, tako kot navade.

V občinskem šolskem poslopju, kjer delujejo otroški vrtec, osnovna šola in nižja srednja šola, si med drugim prizadevajo, da bi vrednotili domače običaje. Tako na koncu pustnega časa v šoli pripravljajo otroci svoje babace, s katerimi se prijavijo na izbor za podelitev nagrade za najboljšega babaca (lutko) z naslovom »E tu che babaz sei.« Nagrajevanje bo letos v petek, 1. marca, ob 15.00 v osnovni šoli.

V soboto, 2. marca, od 20.00 se bo pa v dvoranah društva Associazione Sangiorgina in gostilne Osteria Alla Speranza praznovalo in plesalo ob zvoku cïtire in bünkule.

V nedeljo, 3. marca, na püstawi nadëji, bodo na bilskem trgu lipe bile makere.

V ponedeljek, 4. marca, bodo pa na Solbici praznovali Te mali püst; od 14.00 bo drutvo Vivistolvizza organiziralo praznovanje za otroke. V Muzeju rezijanskih ljudi bodo pa v okviru delavnice otroci lahko pripravili svojega babaca. V torek, 5. marca, na Vïlïkem püstu, bodo zvečer v Bili spet plesali; na koncu pustnih praznovanj bodo pa babaca obsodili in sežigali.