30 Giugno 2017 / 30. junij 2017

Arhitektura Slovencev bo na spletu
L’architettura slovena su internet

1arhitektureV sredo, 22. junija, so v Čedadu na konferenci za medije predstavili projekt Arhitekture slovenske prisotnosti na spletu, katerega je nosilec Združenje Blankin; partnerji so Združenje cerkvenih pevskih zborov Gorica, Mladi v odkrivanju skupnih poti, Sklad Mitja Čuk, Združenje Cernet, občina Števerjan, občina Sovodnje ob Soči, občina Naborjet-Ovčja vas.
Vrednost projekta je 27.000 evrov. Od tega je deželnih sredstev: 25.000 evrov, lastnih sredstev pa 2.000 evrov.
Na konferenci sta uvodno spegovorila predsednik združenja Blankin Giorgio Banchig in arhitekt Renzo Rucli. Podrobnosti projekta je predstavil koordinator Albert Devetak.
Arhitekture so umetnost in tehnika gradnje stavb ter posegi, ki vplivajo na oblikovanje okolja bodisi, kar se tiče njegovega videza bodisi, kar se tiče njegove funkcionalnosti.
Cilj projekta je seznaniti čim širšo publiko z arhitekturami slovenske prisotnosti, da bi pri čimveč ljudeh vzbudili radovednost si jih ogledati in zanimanje, da spoznajo njihove ustvarjalce oziroma ljudi, ki so zgodovinsko in kulturno tesno vezani na tiste stvaritve, tj. slovensko manjšino.
Projekt predvideva posebno spletno stran v štirih jezikih (slovenščina, italijanščina, nemščina in angleščina). Možna bo uporaba v živo in virtualno potovanje. Prilagojena bo tudi za osebe s posebnimi potrebami.
Za promocijo bodo pripravili štirijezični reklamni spot, logotip, štirijezično zgibanko, tiskovne konference, osveščanje preko spleta (razne spletne strani, družabni mediji) in preko medijev (članki, sporočila itd.
Sorodna slovenska društva so vabljena k sodelovanju pri pripravi/idejni zasnovi reklamnega spota, pri pripravi/idejni zasnovi logotipa in pri iskanju in pripravi materiala za spletno stran, pomoč pri delu na terenu.
Slovenske šole v Italiji so vabljene k sodelovanju pri pripravi/idejni zasnovi reklamnega spota, pri pripravi/idejni zasnovi logotipa in pri iskanju in pripravi materiala za spletno stran: vsak študent za kraj, od koder prihaja.
Vključeni bodo turistični operaterji (gostinci, turistične agencije in prevozna podjetja) na območju, kjer živi slovenska manjšina. Vabljeni bodo, naj na njihove spletne strani vključijo tudi povezavo na stran projekta, na kateri bodo tudi povezave spletnih strani turističnih operaterjev, ki bodo pristopili k pobudi. Tako bodo obiskovalci teh krajev oz. tisti, ki bi si jih želeli ogledati, takoj zvedeli, katera turistična agencija ali katero avtobusno podjetje prireja izlete v te kraje, kje lahko turist najdepogostitev, kje lahko prespi itd.
Za vsako območje je dodeljen odgovorni/izvedenec, ki zelo dobro pozna področje: arhitekt Renzo Rucli za vidensko, arhitektinja Marta Lombardi za goriško in absolventka arhitekture Neža Kravos za tržaško. Zunanji svetovalec je kustos Pokrajinskih muzejev v Gorici dr. Saša Quinzi. (U. D.)

La popolazione di lingua e cultura slovena nel corso dei secoli ha impresso un carattere unico e inconfondibile al territorio nel quale è insediata in Friuli Venezia Giulia. Per scoprire dal vero o virtualmente le tracce che ha lasciato e continua a lasciare, da Tarvisio/Trbiž a Muggia/Milje, basterà un click sullo smartphone, sul tablet o sul personal computer. È questo l’obiettivo del progetto «Architetture slovene in internet» ideato dell’associazione «don Eugenio Blanchini» e sostenuto dalla Regione con i fondi per la minoranza slovena.
«La nostra architettura rappresenta un tesoro che va valorizzato e fatto conoscere», ha affermato il presidente del «Blanchini», Giorgio Banchig, nella conferanza stampa di presentazione del progetto, lo scorso 21 giugno nella sede del sodalizio culturale a Cividale.
Il progetto non si riferisce esclusivamente all’architettura vera e propria, ma a tutti quegli interventi che incidono sulla fisionomia dell’ambiente, sia nell’aspetto che nella funzionalità. Il fine è informare il più ampio pubblico sulle architetture della presenza slovena, per suscitare nei più la curiosità di visitarle e l’interesse verso la comunità slovena.
A tal proposito, Renzo Rucli, architetto e coordinatore delle ricerche per la provincia di Udine, ha messo in evidenza i tre elementi caratteristici per la Benecia, cioè il paesaggio rurale, ormai in gran parte compromesso dall’abbandono dell’attività agicola e dallo spopolamento; l’architettura contadina, ancora ben conservata; il patrimonio architettonico ecclesiastico, rappresentato in primo luogo dalle chiesette tardogotiche (scuola di Škofja Loka) disseminate in gran numero su tutto il territorio. Il progetto è stato presentato dattagliatamente dal coordinatore Albert Devetak. Per raggiungere l’obiettivo prefissato, in primo luogo saranno messe in evidenza le architetture più caratteristiche e interessanti della presenza slovena, presenti sul territorio in cui risiede la nostra minoranza e che si estende dal Mar Adriatico alle Alpi Giulie. Saranno catturati, con immagini e filmati, i punti di interesse architettonico evidenziati. Laddove sarà possibile e opportuno, si ricorrerà anche alla tecnica fotografica e alla ripresa con droni. In questo modo sarà possibile osservare queste peculiarità da una prospettiva insolita e molto interessante, che permette di cogliere con uno sguardo quanto la foto comune non può mostrare.
Tutto il materiale sarà visibile sul sito internet, al quale si potrà accedere da computer, cellulare e tablet. Alle immagini sarà allegato il relativo testo esplicativo; la base musicale sarà soprattutto sotto forma di canto; in questo modo gli utenti non si limiteranno a osservare le testimonianze della presenza slovena, ma ascolteranno anche la sua voce. La presentazione delle peculiarità summenzionate sarà adeguata alle persone portatrici di handicap.
Il sito internet sarà in quattro lingue: sloveno, italiano, tedesco e inglese, per raggiungere un pubblico il più ampio possibile. Per visitare dal vero le architetture della presenza slovena dal tablet o dallo smart-phone muniti di GPS, si potrà accedere all’applicazione. Agendo sul tasto si avrà l’indicazione delle più vicine mete raggiungibili. Gli utenti potranno osservare virtualmente le architetture di presenza slovena, direttamente da casa, sul sito internet.
Il progetto dovrà essere concluso entro il 31 dicembre di quest’anno. Lead partner è l’associazione «don Eugenio Blanchini». I partner sono «Združenje cerkvenih pevskih zborov» di Gorizia/Gorica, il gruppo «Mladi v odkrivanju skupnih poti» di Trieste/Trst, la fondazione «Mitja Čuk» di Trieste, l’associazione «don Mario Cernet» di Valbruna/Ovčja vas, i Comune di San Floriano del Collio/Števerjan, Savogna d’Isonzo/Sovodne ob Soči e Malborghetto-Valbruna/Naborjet-Ovčja vas.
Il valore del progetto è di 27.000 euro (25.000 euro di fondi regionali e 2.000 euro di fondi propri).