120 let »kalone« na Matajurju_Il 120° del campanile sul Matajur

Lieta 1901, 120 liet odtuod, so na varhu Matajura požegnili vesak turam v čast Kristusu Odrešeniku in kapelo posvečeno Brezmadežni Devici Mariji. Od tekrat Matajurci pravijo varhu svojega brega »par Kaloni«. Parva svetovna vojska, strele, snieg in led so posule naj turam/kalono, naj cierkuco. Po drugi svetovni vojski je na pobudo mons. Paskvala Gujona matajurska fara, s pomočjo čedajskega planinskega društva CAI in alpinu, spet zazidala kapelo, ki jo je vidanski nadškof Giuseppe Zaffonato požegnu lieta 1962. Od tekrat je na varhu Matajurja senjam parvo nediejo šetemberja.

Takuo je biu 5. šetemberja Gorski praznik, ki ga parpravlja Gorska skupnost Nediških in Terskih dolin. Glavna točka je bla sveta maša opudan na varhu. Molu jo je po slovensko, italijansko in furlansko matajurski famoštar g. Božo Zuanella, ki je v pridgi poviedu, de je Matajur kraj meru in srečanja Slovencu, Furlanu in Italijanu. Pieu je zbor Planinska roža iz Kobarida.

V programu lietošnjega gorskega praznika sta bla pohoda do varha iz Špietra in iz vasi Matajur, ki sta ju vodila nediška in čedajska sekcija CAI, izlet z električnimi kolesi od Muosta do Laz v organizaciji društva Vallimpiadi, medtem ko so pred kočo Pelizzo na Lazeh pliezali na artificialni stieni.

Posebno liep uspeh je imeu koncert pred kočo Planinske družine Benečije Dom na Matajure. Fanika Coren na violončelo in Matteo Parillaud na ramoniko sta zagodla beneške, balkanske in ruske viže.

Že v saboto je pro loko Nediške doline pejala na pohod po Matajuru in je biu na Lazeh koncert skupine Nival e i Ciuffi ribelli.

Nel 1901, 120 anni fa, sulla cima del Matajur sono stati benedetti il campanile dedicato a Cristo Redentore e la cappella dell’Immacolata. Nel locale dialetto sloveno, da allora gli abitanti di Montemaggiore/Matajur chiamano la cima del monte «par Kaloni».

Negli anni successivi la prima guerra mondiale, i fulmini, la neve ed il ghiaccio hanno danneggiato sia il campanile sia la chiesetta. Dopo la seconda guerra mondiale la Parrocchia di Montemaggiore, su iniziativa di mons. Pasquale Gujon, ha fatto ricostruire l’edificio sacro in collaborazione col Cai di Cividale e gli alpini. La nuova cappella è stata benedetta dall’arcivescovo di Udine, Giuseppe Zaffonato, nel 1962. Da allora ogni prima domenica di settembre in cima al Matajur è festa.

Così è stato anche il 5 settembre, con la Festa della montagna organizzata dalla Comunità di montagna del Natisone e Torre. A officiare la Messa delle 12.00 in cima al monte, in sloveno, italiano e friulano, è stato il parroco di Montemaggiore, don Natale Zuanella. La celebrazione è stata arricchita dai canti del coro «Planinska roža» di Kobarid.

Quest’anno il programma della Festa ha visto la partenza di due camminate alla volta della cima del Matajur, con partenza da San Pietro/Špietar e Montemaggiore. A organizzarle sono state le sezioni Cai delle Valli del Natisone e di Cividale. Il circolo «Vallimpiadi» ha curato, invece, l’organizzazione di una gita su e-bike da Ponte San Quirino/Muost alla località Laze, mentre nei pressi del rifugio «Pelizzo», sempre in località Laze, si è potuto praticare arrampicata su parete artificiale.

Molto successo ha riscosso il concerto che si è svolto davanti al rifugio della Planinska družina Benečije, il «Dom na Matajure». Fanika Coren e Matteo Parillaud hanno suonato melodie della Slavia, balcaniche e russe.

Già sabato la Pro loco «Nediške doline» ha organizzato una passeggiata sul Matajur e, sempre in località Laze, si è svolto un concerto del gruppo «Nival e i Ciuffi ribelli».

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp