28 aprile 2017 / 28. april 2017

Klopi so se letos že pojavili
Quest’anno è già allarme zecche

6klopZauoj nenavadno gorkih dnevu v marcu so se lietos buj zagodà in v še buj velikim številu po naših dolinah parkazali klopi. Vič ljudi, ki so šli hodit po gorah al’ dielat na puoje, se je s srečalo z navarnostjo, ki jo parnašajo tele male žvince. Saj klopi – v nekaterih vaseh v Benečiji jim pravijo tudi pišurje – prenašajo virus, ki povzroča meningoencefalitis. Tela je zlo nevarna boliezan v glavi, nieke sorte meningitisa, ki se jo težkuo zdravi in lahko gre naprej celuo življenje. Zatuo se je klopu trieba varvati.

Klopi živijo v zaraščenih krajeh, kjer je vesaka trava in puno garmovja, kjer je puno te duje in te pitune žvine. Narbuj so aktivni na alpskim in predalpkim teritoriju, med 500 in 2000 metri vesako nad muorjam.

Narbuj pogostu se človek okuži z virusam meningoencefalitisa, če ga klop naliezi in pikne.

Klopni meningoencefalitis – v naših krajeh ga prenaša predvsem klop sorte »Ixodes ricinus« – se parkaže v liepih lietnih cajtah, od maja do otuberja. Parvi parmieri se lahko parkažejo že marca, narvič jih je v gorkih polietnih miesecah, luja in vošta. Riedko se boliezen pojavi v novemberju al’ dičemberju, še posebno če zima nie huda, predvisem zauoj stika s stejo v hlievu.

Boliezan ima dvie faze. V te parvi se zanaki meningoencefalitisa parkažejo od 7 do 14 dni po okužbi: človek se slabo čuje, ga bole mišice, ima trešiko, ga boli glava, riče, ga boli v trebuhu in ima grižo. Tela faza gre naprej do šest dni.

Potlé se zdi, de je človek ozdraveu, saj niema problemu al’ ga samuo nomalo glava boli. Tuole gre naprej do dva tiedna.

V drugi fazi, ki se začne z vesako temperaturo in rikanjam, človieka močnuo glava boli, včasih pade celuo v nezavest. Potriebno ga je peljati v špitau, kier zdravljenje gre naprej puno cajta. Težkuo je, de boliezen peje do smrti. Pa posledice močnuo vplivajo na kvaliteto življenja. Po zdravljenju v špitalu je potriebna rehabilitacija. Klopni meningoencefalitis lahko parnese kognitivne motnje dielovanja centralnega živčnega sistema, ki grejo naprej puno cajta.

Narbuj velikemu partu bouniku močnuo glava boli, se moti, se težkuo koncentrira, ima depresije, motnje v dielovanju avtonomnega živčnega sistema ter motnje razpoloženja in sluha. Nekateri bouniki se težkuo gibajo, parkaže se lahko celuo misična atrofija.

Vse tuole pomieni, de so klopi zlo navarni. Na smie se jim pustiti, de pridejo na kožo. Zatuo je dobro, kàr se gre hodit v naravo al’ dielat na puoje, se parmierno oblieči in obuti. Narbuojš je imieti duge bargeške in rokave, gladko obuteu, bargeške potisnjene v obuteu in podobno.

Nuca se lahko tudi mazilo/repelent, ki s svojim smradam odganja mrčes in sevieda tudi klope. Na smiemo pa pozabiti, de repelent diela le nomalo ur, zato se je treba vičkrat namazati al’ pošpricati. Glih tako se je treba nimar pregledovati, de varžemo proč klope, ki še lezejo po telesu, in priet ku moremo odstranimo tiste, ki so se že šli pod kožo.

Po vrnitvi damu, se lepuo pregledamo, gremo pod tuš in se umijemo glavo. Oblačila dobro očedimo in jih operemo.

Če ušafamo klopa, ga priet ku moremo previdno varžemo proč.

Če pa čujemo parve simptome boliezni, se muoremo hitro oglasiti par miedihu. (E. G.)

Complici le giornate insolitamente calde di marzo, quest’anno sono comparse più presto e in maggior numero le zecche. Molti tra coloro che sono andati a camminare in montagna o a lavorare nei campi si sono imbattutti nel pericolo rappresentato da questi animaletti. Infatti le zecche, che in Benecia sono chiamate sia «klopi» sia «pišurje», possono trasmettere il virus della meningoencefalite, una malattia molto pericolosa per l’encefalo. Si tratta di una specie di meningite, curabile con molta difficoltà e che può protrarsi per tutta la vita. Per questo è necessario guardarsi bene dalle zecche.

Le zecche vivono in luoghi incolti, dove l’erba è alta, con molti cespugli e animali selvatici. Sono presenti soprattutto nelle zone alpine e prealpine, tra i 500 e i 2000 metri di altitudine.

Nella maggior parte dei casi l’uomo contrae il virus della meningoencefalite dopo essere stato morso e infettato da una zecca.

La meningonecefalite da zecca (TBE) – che nelle nostre zone è trasmessa soprattutto dalla zecca «Ixodes ricinus» – è una malattia che si manifesta nella bella stagione, da maggio a ottobre. I primi casi casi possono presentarsi già a marzo, ma il loro picco è nei mesi caldi dell’estate, a luglio e agosto. Raramente la malattia si presenta a novembre o dicembre, solitamente solo quando l’inverno non è rigido in attività legate alla stalla.

La meningoencefalite si manifesta in due fasi. I  sintomi della prima si presentano tra i 7 e i 14 giorni successivi all’infezione: il paziente avverte malessere, dolore muscolare, ha febbre, cefalea, mal di stomaco e diarrea. Tale fase prosegue fino a 6 giorni.

Dopodiché sembra che il paziente sia guarito, perché non presenta sintomi o avverte solo un po’ di mal di testa. Tale stato prosegue fino a due settimane.

Nella seconda fase, che inizia con febbre alta e vomito, il paziente avverte forte mal di testa e a volte perde addirittura conoscenza. È necessario portarlo in ospedale, dove il ricovero prosegue per diverso tempo. È difficile che la malattia porti alla morte, ma le conseguenze condizionano molto, in prospettiva, la qualità della vita. Dopo il ricovero in ospedale va effettuata terapia riabilitativa. La meningoencefalite da zecca può portare a disturbi del sistema nervoso centrale, che si trascinano per molto tempo.

La maggior parte dei pazienti avverte mal di testa, disorientamento, si concentra con difficoltà, ha depressione, disturbi nel funzionamento del sistema nervoso autonomo e disturbi dell’umore e all’udito. Alcuni pazienti si muovono con difficoltà; può comparire anche atrofia muscolare.

Tutto ciò dimostra la pericolosità delle zecche: non va loro permesso di giungere alla pelle. Ogni volta che si va a camminare nel verde o a lavorare nei campi è, quindi, necessario portare indumenti e scarpe adeguati. La raccomandazione è di indossare pantaloni lunghi e maglie con maniche lunghe; scarpe lisce; pantaloni infilati nelle scarpe e così via.

Si possono anche anche utilizzare repellenti, che col proprio odore respingano gli insettie, ovviamente, anche le zecche. Non va dimenticato, però, che i repellenti hanno efficacia solo per alcune ore, dopodiché vanno nuovamente e ripetutamente applicati. Parimenti va prestata attenzione a rimuovere eventuali zecche che si posino sul corpo e a togliere il prima possibile quelle che lo stiano già mordendo.

Al rientro a casa bisogna ispezionarsi attentamente, fare una doccia e lavare la testa, nonché ripulire e lavare i vestiti.

Nel caso in cui venga individuata una zecca, bisgona sbarazzarsene quanto prima.

In caso vengano, invece, avvertiti i primi sintomi della malattia, è necessario recarsi il prima possibile dal medico.