5 Dicembre 2019 / 5. december 2019

Zbuogam, nadškof Pietro Brollo
Addio all’arcivescovo Pietro Brollo

Tudi v Benečiji, Reziji in Kanalski dolini se je 5. dičemberja razšerila šalostna novica, de je ponoči umaru upokojeni videnski nadškof msgr. Pietro Brollo. V nediejo je biu dopunu 86 liet. Slovenci v videnski nadškofiji so ga dobro poznali in so ga imieli zelo radi ku duhovnika, pomožnega škofa in nadškofa. S prijaznostjo, nasmehom in lepo besedo je znu priti v sarce vsakega človieka. Zadnji krat je biu med Benečani 20. luja 2014, kar je par Svetim Štuoblanku darovau sveto mašo ob 25-lietnici smarti g. Maria Laurenciga. Tudi tekrat je poudaru močno povezavo med viero in kulturo. Z zelo iskrenimi besiedami se je zavzeu, da bi se ohranila naša kultura in naš jezik. Pokazu se je zelo ganjen kadar je slišu Evangelij po slovensko in so se v njim zbudile vse tiste misli in skarbi, ki videjo na isti barkici Slovence in Furlane, de bi znali zaries ohraniti, kar je njih značilnost in ki muora postati njih ponos. Jezik je naša identiteta in naša duša, ki jo na moremo zatajiti ali zgubiti, brez de bi zgubili same sebe. Msgr. Pietro Brollo se je rodiu v Tolmeču 1. dičemberja 1933, v duhovnika je biu posvečen lieta 1957 v škofa pa lieta 1985. Biu je videnski pomožni škof do lieta 1996, kàr je šu za škofa v Belluno-Feltre. Lieta 2000 je biu imenovan za videnskega nadškofa. Našo nadškofijo je vodu do lieta 2009.

Grande cordoglio anche in Benecia, Resia e Valcanale per la morte, nella notte tra il 4 e 5 dicembre, dell’arcivescovo emerito di Udine, mons. Pietro Brollo. Il defunto presule era molto amato anche tra gli sloveni dell’arcidiocesi di Udine, che ebbero modo di conoscerlo soprattutto come vescovo ausiliare e quindi arcivescovo. Innumerovoli sono state infatti le sue visite nelle valli. L’ultima il 20 luglio 2014 a San Volfango, quando presiedette la concelebrazione nel 25° della morte di don Mario Laurencig. Anche in quell’occasione sottolineò la necessità dell’inculturazione della fede ed esortò i fedeli ad amare e conservare la lingua slovena. Nato a Tolmezzo il 1° dicembre 1933, fu ordinato sacerdote nel duomo del capoluogo carnico il 17 marzo 1957, fu insegnante e poi rettore del Seminario arcivescovile di Udine fino al 1976. Quindi fu arciprete ad Ampezzo e Gemona. Divenne vescovo ausiliare e vicario generale dell’Arcidiocesi di Udine nel 1985. Nel 1996 è stato chiamato a guidare la diocesi di Belluno-Feltre. Il 28 ottobre del 2000 fu eletto arcivescovo di Udine, incarico che ricoprì fino al 20 agosto 2009.