Za gorska območja z zakonom_Una legge per le aree montane

Kraj Ta na kazon v Terski dolini/Località Ta na kazon in Val Torre

La Regione farà una nuova legge per il territorio montano, in primo luogo quello più penalizzato, quello meno sviluppato, che non dispone di strutture e promozione turistica. «Bisogna dare una spinta alla montagna più malmessa, che è la nostra, quella delle valli del Natisone e del Torre, e la montagna bassa del Pordenonese», afferma il consigliere regionale Giuseppe Sibau, di Iesizza, fortemente impegnato sulla questione. «Con altri colleghi consiglieri che vivono in zona montana, lo scorso 15 febbraio, abbiamo consegnato una bozza all’assessore Stefano Zannier. Spetta ora a lui metterla a confronto con le proprie idee e, condividendola con gli altri assessori interessati, decidere cosa modificare e aggiungere. Certamente l’obiettivo è di portare il testo in aula entro l’anno», fa sapere Sibau.

Conforta il fatto che l’assessore provenga proprio da un tipo di montagna come la nostra, per cui conosce in prima persona le problematiche. «Ha le idee chiare, su questo. Infatti, si pone l’obiettivo di alzare il livello della qualità della vita della montagna che oggi è messa peggio. Non gli interessa dare ulteriori risorse a chi comunque ha sempre avuto, ad esempio la Valcanale, e continua a presentare richieste che vengono soddisfatte», spiega il consigliere valligiano.

Con Zannier c’è l’accordo sul principio che i fondi che verranno dati debbano essere utilizzati per migliorare le situazioni di quelle frazioni montane che si stanno spopolando. A tal proposito Sibau fa un esempio: «Se diamo centomila euro al Comune di San Leonardo e vengono investiti a Scrutto o a Merso, la montagna non ha beneficiato di niente. Quindi le risorse devono essere finalizzate alle frazioni che negli ultimi venti, trenta anni hanno subito un maggiore spopolamento, naturalmente quelle in quota. L’idea è di mettere in atto delle iniziative affinché qualcuno sia invogliato ad andare ad abitare o insediare un’attività in quei paesi. Le premesse ci sono. Si pensi alla potenzialità della forestoterapia».

Fondamentale è, però, la questione identitaria. Ecco perché, si legge nella bozza, «la Regione riconosce nei valori dalla cultura tradizionale della montagna e dalle culture locali il mezzo fondamentale per rendere la gente di montagna consapevole delle proprie origini e della propria identità». (Ezio Gosgnach)

Pred dramatično demografsko, socialno in gospodarsko sliko goratega predela Furlanije Julijske krajine, v deželnem svetu in vladi se zavzemajo za specifičen zakon, ki naj bi bil pisan na kožo najbolj zapostavljenemu območju, kakor sta Benečija in Rezija. Med glavnimi pobudniki je deželni svetnik Giuseppe Sibau, ki je doma v Nediških dolinah, v vasi Jesičje.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp