Venerdì santo a Cravero_la Via Crucis per il paese

Il tema della Passione e Resurrezione di Nostro Signore, nel periodo quaresimale e pasquale, viene proposto con una serie di concerti denominato «Paschalia», che si svolgono in diverse località del Friuli Venezia Giulia, ed anche a Treviso, Bolzano, Venezia e Milano. A questa seconda edizione ha aderito e contribuito all’organizzazione anche il coro «Tri doline/Tre valli» di Cravero, che presenterà anche altri brani inerenti alla Via Crucis.

La sacra rappresentazione denominata «O pridite, stvari» avrà luogo proprio a Cravero il Venerdì Santo, 6 aprile, alle ore 16. Inizierà nella chiesa parrocchiale, percorrerà alcune viuzze della parte alta del paese (Gorenj konec), per concludere nella chiesa di Santa Lucia.

I canti, che saranno eseguiti nel corso del rito, sottolineeranno i momenti salienti della Kri¡ova pot/Via Crucis come il «Pojmo, le pojmo za naœin Jezusan», che darà inizio al percorso. Alla seconda stazione, nella quale si contempla Gesù caricato della croce, il brano «O sveti kri¡» evidenzierà la sofferenza del Figlio di Dio fatto uomo e chiamato a redimere l’umanità.

Di seguito, «Pesem od žalosti Marije» farà emergere il dolore della madre di Gesù. Con le note dell’«Ave Verum» di Mozart ci si immedesimerà nei momenti della crocifissione e dell’agonia, mentre la morte in croce verrà suggellata con il «Lacrimosa» ancora di Mozart.

La chiesetta di Santa Lucia è stata scelta per concludere la sacra rappresentazione non a caso. Infatti, gli antichi affreschi nell’abside raffigurano i momenti precedenti alla salita sul Golgota quali la lavanda dei piedi agli Apostoli, la preghiera nell’orto del Getsemani, il bacio di Giuda, Pilato intento a lavarsi le mani, la flagellazione, il pianto delle donne ed altre scene che invitano a meditare sulla Passione. Infatti, e va evidenziato a chiare lettere, l’iniziativa del coro «Tri doline/Tre valli» non vuole essere uno spettacolo di circostanza, ma una rappresentazione di testimonianza della fede.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp