16 Settembre 2019 / 16. september 2019

Večjezična šola v celi dolini
Scuola plurilingue in tutta la valle

Il nuovo anno scolastico in Valcanale inizia con un’ottima notizia: sono stati stanziati all’Uti del Canal del Ferro-Val Canale gli 80.000 euro che il Consiglio e la Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia avevano stanziato a dicembre, nell’ambito della legge di stabilità per il 2019, per sostenere il progetto di sperimentazione plurilingue nell’ambito dell’Istituto omnicomprensivo di Tarvisio. Ricordiamo che, accanto all’italiano, secondo il progetto sono lingue d’insegnamento anche sloveno, tedesco e friulano. Ai bambini è insegnato anche l’inglese.

I fondi saranno ripartiti tra le associazioni Kanaltaler Kulturverein e Don Mario Cernet, che pagheranno rispettivamente gli esperti di lingua tedesca e slovena. A darne notizia sono gli assessori all’istruzione dei Comuni di Malborghetto-Valbruna e Tarvisio, Alberto Busettini e Barbara Lagger. Il contributo permetterà di estendere il progetto plurilingue anche ai plessi scolastici del comune di Tarvisio. Spiega Busettini: «La sperimentazione proseguirà alle scuole d’infanzia e primaria di Ugovizza, dove è iniziata già due anni fa su iniziativa del Comune di Malborghetto- Valbruna, e prenderà il via anche per i bimbi iscritti all’ultimo anno delle scuole d’infanzia di Tarvisio Città, Tarvisio Centrale e Camporosso, nonché nelle prime classi delle scuole primarie di Tarvisio Città e Tarvisio Centrale». Allo scopo è già stata reperita una seconda esperta di lingua tedesca e si sta lavorando al reperimento del secondo esperto di lingua slovena.

«Grazie al contributo, la presenza di tutti gli esperti linguistici nell’ambito del progetto plurilingue sarà garantita fino a giugno», spiega da Malborghetto-Valbruna l’assessore Busettini.

Ricordiamo che nell’ambito dell’Istituto omnicomprensivo di Tarvisio sono attive scuole d’infanzia e primarie anche a Pontebba e Chiusaforte. Coi fondi regionali lì dovrebbe essere potenziato il tedesco. «Ogni lingua è un patrimonio e sarebbe auspicabile fosse insegnato anche lo sloveno, ma bisogna tenere conto delle richieste dei singoli plessi», spiega Lagger.

Anche per l’anno scolastico 20192020, tuttavia, si pone il problema della copertura finanziaria per insegnare lo sloveno nelle classi non interessate dalla sperimentazione plurilingue. La problematica interessa i gruppi piccoli e medi delle scuole d’infanzia menzionate, nonché la classe quinta a Ugovizza e le classi dalla seconda alla quinta nelle scuole primarie di Tarvisio Città e Tarvisio centrale. «Al momento è possibile garantire l’insegnamento dello sloveno nelle classi non interessate dal progetto plurilingue solo fino a dicembre », precisa Busettini. Fin d’ora sarà necessario lavorare per reperire le risorse utili a farlo proseguire fino a giugno, quindi.

Busettini e Lagger stanno lavorando affinché la Commissione scientifica per la scuola plurilingue, composta da esperti di Vienna, Lubiana e Udine, si riunisca di nuovo a Tarvisio a novembre, magari con la partecipazione dell’assessore regionale all’Istruzione, Alessia Rosolen, e di un componente della Commissione paritetica Stato-Regione.

«Col recente cambio di governo, ci troviamo a discutere della questione col terzo ministro», nota Lagger. «La tematica è seguita dalla Commissione paritetica, che ad oggi risulta sospesa. Intanto chiederemo altri 80.000 euro per il prossimo anno scolastico, però è evidente che non vanno attinti solo dai fondi della minoranza slovena, ma anche da quelli della minoranza tedesca, se non da altri capitoli del bilancio regionale relativi all’istruzione».

Medobčinska zveza za Železno in Kanalsko dolino je z Dežele Furlanije-Julijske krajine prejela 80.000 evrov, ki sta jih deželni odbor in deželni svet že decembra lani namenjala poskusnemu večjezičnemu pouku v okviru Večstopenjskega zavoda Trbiž. Novico sta nedavno sporočala odbornika za šolstvo Občin Naborjet-Ovčja vas in Trbiž, Alberto Busettini in Barbara Lagger.

V okviru projekta sta ob italijanščini učni jeziki tudi slovenščina, nemščina in furlanščina. Otroci se učijo tudi angleščine.

Sredstva bo Medobčinska zveza za Železno in Kanalsko dolino namenjala nemškemu društvu Kanaltaler Kulturverein in slovenskemu Združenju Don Mario Cernet, ki bosta neposredno plačala strokovnjake za nemški in slovenski jezik.

Zelo spodbudno je, da bodo s prispevkom večjezični projekt v letošnjem šolskem letu širili še v šolska poslopja Občine Trbiž. Projekt poskusnega večjezičnega pouka so prvič pred dvema letoma izvajali v otroškem vrtcu in osnovni šoli v Ukvah. Tam se bo nadaljeval za zadnji letnik v otroškem vrtcu in bo vključil prvi, drugi, tretji in četrti razred v osnovni šoli. V letošnjem šolskem letu ga bodo razširili še na zadnje letnike v otroških vrtcih na Trbižu, na Centralnem Trbižu in v Žabnicah ter v prve razrede osnovnih šol na Trbižu in na Centralnem Trbižu. V ta namen so že izbrali dodatno strokovnjakinjo za nemški jezik; dodatno strokovnjakinjo za slovenščino še iščejo.

Z deželnim prispevkom bodo stroške za strokovnjake za jezik krili od oktobra do konca šolskega leta. S tem, da v okviru Večstopenjskega zavoda Trbiž delujejo še otroški vrtci in osnovne šole na Tablji in v Klužah, bodo tam verjetno okrepili pouk nemščine.

Po sklenitvi nove vladne koalicije v Rimu, bosta Laggerjeva in Busettini z vprašanjem večjezičnega pouka morala seznaniti še novega ministra za šolstvo, Lorenza Fioramontija.

Težave se pa kot po ustaljeni navadi v zadnjih letih obetajo za razrede, v katerih večjezičnega pouka ne izvajajo. Za prvi in drugi letnik vrtcev v Ukvah, Žabnicah, na Trbižu in na Centralnem Trbižu, za peti razred ukovške osnovne šole, in za razrede od drugega do petega v osnovnih šolah na Trbižu in na Centralnem Trbižu so na razpolago sredstva, da bi slovenščino tedensko poučevali le do decembra. Finančno kritje za mesece od januarja do junija bo treba še najti.