3 Aprile 2021 / 3. april 2021

V slovenščini v vaseh nad Ahtnom
In sloveno a monte di Attimis

All’ingresso delle più grandi frazioni montane del comune di Attimis in cui il dialetto sloveno è ancora vivo e parlato, nei giorni scorsi sono stati posti cartelli aggiuntivi sotto a quelli col toponimo italiano, riportanti il toponimo in dialetto sloveno.

Sui nuovi cartelli possiamo leggere, così, Porzus/Porčinj, Subit/Subid e Forame/Malina.

L’iniziativa del Comune segue all’apposizione, effettuata nei mesi scorsi attraverso un appalto gestito dall’Uti del Torre, di cartelli bilingui coi toponimi in italiano e friulano nelle frazioni in pianura. Contemporaneamente, nelle frazioni in cui il dialetto sloveno è parlato, l’Uti del Torre aveva fatto installare cartelli col solo toponimo in italiano.

L’installazione dei cartelli aggiuntivi coi toponimi in dialetto sloveno guarda alla valorizzazione del trilinguismo sul territorio comunale, dove accanto all’italiano sono parlate anche le locali varianti di friulano e sloveno, ufficialmente riconosciute.

Peccato che i cartelli aggiuntivi riportanti il toponimo in dialetto sloveno, a differenza di quelli che nelle frazioni di pianura già riportano i toponimi in italiano e friulano, non siano a norma di legge. Riportano, infatti, il toponimo in dialetto sloveno con minore dignità grafica rispetto al toponimo italiano.

V največjih gorskih vaseh občine Ahten je pred kratkim občinska uprava dala postaviti manjše dodatne napise s toponimi v krajevnem slovenskem narečju.

Na novih tablah lahko tako beremo Porzus/Porčinj, Subit/Subid in Forame/Malina.

V prejšnjih mesecih so v okviru posega, ki ga je izvajala Terska medobčinska unija, postavili italijansko-furlanske dvojezične table v vaseh, ki se v občini nahajajo v nižini. V gorskih vaseh, kjer je še živo domače slovensko narečje, so hkrati postavili table s samim italijanskim toponimom.

Občina Ahten si z dodatnimi napisi prizadeva, da bi vrednotila občinsko trijezičnost saj poleg italijanščine na občinskem ozemlju govorijo še slovenščino in furlanščino, ki sta uradno priznani.

Škoda, da postavljeni dodatni napisi ne upoštevajo zaščitnih zakonov, saj je slovenski toponim grafično manjši v primerjavi z italijanskim.