31 Gennaio 2020 / 31. januar 2020

Na Njivici Adrianin bar še vztraja
A Vedronza il bar di Adriana resiste

Il municipio di Lusevera/Županstvo v Bardu

Cala ancora la comunità dell’Alta Val Torre. Al 31 dicembre del 2019, infatti, la popolazione registrava un numero di residenti pari a 600 e 4 anime. Una ulteriore riduzione rispetto all’anno precedente. Al 31 dicembre del 2018, infatti, all’Ufficio Anagrafe erano registrate 600 e 16 persone. Tenendo conto dell’andamento demografico degli ultimi 10 anni – con sporadici aumenti –, si teme purtroppo che il 2020 in corso porti la soglia della popolazione sotto le 600 unità.

Il rapporto tra maschi e femmine è sempre sbilanciato sul colore rosa. Al momento, infatti, le donne sono 315 contro i 289 maschi. Nel 2018 le femmine erano 315, quindi stabili, contro i 301 «colleghi» maschi. Le frazioni restano comunque tutte abitate, compresa Pers/Breg che, nonostante le difficoltà dovute all’interruzione della strada per maltempo, conserva il suo unico residente. La borgata più popolosa è quella di Pradielis/Ter, seguita da Vedronza/Njivica e Lusevera/Bardo. Restano stabili anche i cittadini stranieri. Con l’unica novità che i migranti, richiedenti asilo, temporaneamente ospitati nell’ex albergo di Vedronza, sono stati trasferiti in un altro comune.

Sul fronte aperture e chiusure di attività produttive, commerciali o di esercizi pubblici, c’è la volontà di Dina Battoia, storica oste dell’Alta Val Torre, di mantenere aperto il bar di Pradielis; nei mesi scorsi si temeva infatti in una chiusura della sua osteria. A darle una mano ci sarebbero due giovani ragazze. Dina, a 90 anni, resta una figura di riferimento importante per la comunità locale, in particolare per la fascia anziana.

Resiste anche Adriana, l’ostessa di Vedronza, con il suo piccolo bar quasi fronte Municipio. E rimane costante anche la presenza del panificio a Pradielis. La borgata che conta più trattorie e ristoranti resta Villanova delle Grotte/Zavarh, per la sua vocazione spiccatamente turistica, dovuta alle cavità. Tre i locali che accolgono gli appassionati delle escursioni nel cuore della terra. Purtroppo, invece, ha chiuso la storica osteria La Zucule, gestita con tanta passione per tanti anni da due fratelli, sempre al limitare della borgata di Villanova delle Grotte. Per quanto riguarda il ristorante di Musi, la struttura è chiusa ma i gestori hanno aperto un nuovo locale, più rustico, sul modello della baita di montagna, nel cuore di Tanamea. (Paola Treppo)

Število prebivalcev v gornji Terski dolini upada. 31. decembra 2019 je tam bilo 604 stalnih prebivalcev; 31. decembra 2018 jih je bilo 616.

Na občinskem ozemlju je zdaj 315 žensk in 289 moških; leta 2018 je bilo prav tako 315 žensk, a 301 moških. Občani bivajo v vseh vaseh, vključno z Bregom.

V Teru je še naprej odprt bar gospe Dine Battoia. 90-letni gospe pomagata dve deklici. V vasi obratuje tudi pekarna.

Prav tako vztraja na Njivici bar gospe Adriana. Največ gostiln in restavracij je v Zavarhu. Na žalost so zaprli gostilno La Zucule.

Tudi restavracijo v Mužacu so zaprli; njena upravitelja sta vsekaor odprla gostilno v kraju Ta na meji.