È uscito il “Dom" del 31 ottobre_Izšla je nova številka "Doma"

È uscito il nuovo numero (19 del 31 ottobre 2012) del quindicinale Dom. La copertina è dedicata alle festività di inizio novembre (il nome “Vahti” accomuna Tutti i santi e Commemorazione dei fedeli defunti) che sono molto sentite tra gli sloveni della provincia di Udine. Il direttore, mons. Marino Qualizza, sottolinea che mai come in quei giorni le chiese e i cimiteri nelle Valli si riempiono. «In realtà a Drenchia – scrive – c’è altrettanta gente nella festa della Ro¡inca/Assunta. E le due ricorrenze hanno qualcosa in comune, perché ci ricordano la vita eterna e la risurrezione». Nell’editoriale, dedicato alla recente Conferenza regionale sulla minoranza slovena, Giorgio Banchig chiede agli esponenti politici della Regione, che non mancano di sottolineare l’importanza degli sloveni per l’autonomia del Friuli Venezia Giulia e per i rapporti con la Slovenia, di far seguire agli elogi i fatti, cioè di impegnarsi concretamente per risolvere i problemi della nostra comunità, in questo momento fortemente penalizzata dai tagli ai finanziamenti operati dal Governo.

L’approfondimento è dedicato sempre alla conferenza tenutasi a Gorizia, ponendo l’accento sulla pesante riduzione dei fondi previsti per lo sviluppo dei comuni della provincia di Udine nei quali è insediata la minoranza slovena. «Di questo – si legge nel commento – va ringraziato in primo luogo il consigliere regionale Roberto Novelli (Pdl) che da anni conduce una battaglia a testa bassa contro i finanziamenti dello Stato alla minoranza slovena».

Tra gli altri argomenti trattati con rilievo dal Dom del 31 ottobre, si segnalano la presentazione del 30° «Senjam beneške piesmi» (festival della canzone della Slavia), le anticipazioni da parte dell’Afam sulla gestione del nuovo osservatorio astronomico sul Matajur, la drastica riduzione dell’illuminazione pubblica sul territorio del comune di Taipana, la web tv dell’Azienda sanitaria Alto Friuli che parla anche in sloveno. L’ultima pagina è dedicata, come di consueto, alla presentazione di tutti gli appuntamenti di rilievo nelle valli del Natisone e del Torre, in Val Resia e Valcanale fino a metà novembre.

 

Izšla je druga oktoberska številka petnajstdenevnika Dom. Prva stran je posvečena prazniku Vseh svetih in dnevu spomina na verne duše, ki jih v Benečiji označujemo s skupnim imenam “Vahti”. Ob tej priložnosti se v rojstne kraje vrača veliko število domačih ljudi, ki so se preselili v Furlanijo, širom po Italiji in evropskih državah. “Toliko vernikov vidimo v cerkvah samo ob Rožinci (Marijinem vnebozetju) sredi avgusta – povdarja v svojem članku odgovorni urednik msgr. Marino Qualizza –. Vsekakor imasta ta dva praznika nekaj skupnega, ker nas spominjata na večno življenje.”

V novi številki Doma je v ospredju nedavna deželna konferenca o zaščiti slovenske manjšine. Pišemo o zatnem klestenju sredstev za slovenske ustavove, ki ga je opravila italijanska vlada. Za kar 30 odstotkov so znižali prispevke za razvoj občin v videnski pokrajini, kjer živijo Slovenci.

Med drugimi temami, ki jih obravnavamo v Domu, je 30. Senjam beneške piesmi, festival sodobne glasbe, ki bo 10. in 11. novembra na Liesah, novi astronomski observatorij na Matajurju, izklop javne razsvetljave v občini Tipana kot varčevalni ukrep, digitalna televizija zdravstvene ustanove Zgornje Furlanije, pri kateri uporabljajo tudi slovenščino, in (na posoški strani) proslava ob 60-letnici Planinskega društva Kobarid. Na zadnji strani je pregled najpomembnejših prireditev v Benečiji, Reziji, Kanalski dolini in Posočju v prvi polovici novembra.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp