Ekonomsko stanje Nediških dolin_La classifica di Confartigianato

Gospodarska, ekonomska situacija in kakovost življenja, se pravi, kuo se živi v Nediških in Terskih dolinah je zlo težka. To na žalost potrjuje tudi zadnja raziskava Confartigianato videnske pokrajine, ki je pregledala, kuo se živi in kuo gredo ekonomske aktivnosti v vseh 135 kamunah videnske pokrajine. Najslavš na žalost se živi pru v kamunih Nediških in Terskih dolin. Na zadnjih desetih mestih splošne raziskave, ki združujejo podatke ekonomskih aktivnosti in kakovosti življenja, je šest kamunu prù telega teritorija. Na zadnjem mestu, se pravi na 135., je kamun Dreka, Sriednje je na 134., Sauodnja na 131., Garmak na 129., Tipana pa je na 128. Mestu in Podbuniesac na 127. Teli rezultati, zak’ naši kamuni so na zadnijh mestih kategorije kakovosti življenja in ekonomskih aktivnosti. Kar se tiče kakovost življenja je kamun Prapotno na 128. mestu, Podbuniesac na 129., na 130. Sauodnja, 131. Garmak, 132. Tipana, 133. Sriednje in zadnji med vsemi kamuni videnske province je pru Dreka, ki je na 135. Kar se pa tiče ekonomske aktivnosti, se prave možnosti, de bi ljudje ustanovili podjetje (facilità d’impresa), med zadnjimi desetimi kamuni so Dreka, ki je na 127. mestu, Sauodnja na 129. in na 133. pa Sriednje. Zadnja dva kamuna na 134. in na 135. mestu sta pa Preone in Ligosullo, ki sta v Karniji. Kateri kamuni so pa na parvih mestih? Presenetljivo (sorprendente) je, de na parvih mestih lestvice so tisti kamuni, ki so pod kilometerskem vidiku zelo blizu Nediškim dolinam, ampa na podlagi tele raziskave se zdi, de so deleč ciela svetlobna lieta. Narlieuš se živi v Mojmagu, v San Giovanni al Natisone in v Premarjagu. V parvih desetih mestih izjema je kamun Amaro, ki je v Kariniji, v gorskem teritorju. Na parvih mestih kar se tiče kakovost življenja so kamuni Remanzag, Campoformido, Mojmag in Premarjag; kar se pa tiče ekonomske aktivnosti na prvem mestu je San Giovanni al Natisone, na drugem Mojmag in na četartem Manzan. Premarjag je na 8. mestu. Rezultati tele raziskave nam povedo, de je videnska pokrajina razdeljena: na eni strani so kamuni gorskega območja, v katerih je standard življenja zelo nizak, na drugi strani pa so kamuni v furlanski nižini, ki so bogati. Edina izjema v kategoriji ekonomskih aktivnosti je kamun Treppo Carnico, ki je gorski kamun, ampa je na 6. mestu. Kaj je pa pregledalo Confartigianato, ki združuje vse obartniške dejavnosti, de bi imeli tele rezultate? De bi viedeli, kjer se narlieuš živi, so pogledali seviede, dost je starih ljudi, ki žive v kamunu, dost žensk in dost mož je. Seviede so pogledali tudi, dost sudu imajo ljudje, če imajo avto ali ne, če plačajo Rai in če dajo 5‰ (cinque per mille) kamunu ali ne. Blizu tuolega pa so pogledali tudi, če nardijo ločeno izbiro odpadkov (raccolta differenziata). De bi viedeli pa, kje se laže razvijajo ekonomske aktivnosti, so pogledali, kje so podjetja, ki se ukvarjajo s tehnologijo, z italijanskimi in s kumetuški pardielki, dost podjetij je v kamunu v primerjavi s številom ljudi, ki tam žive, dost mladih tam diela; dost so velika ta podjetja in dost kumetuških podjetij je.

 

La classifica generale indica in Moimacco il comune della provincia di Udine dove si vive meglio, seguono San Giovanni al Natisone e Premariacco; si vive peggio, invece, (partendo dal basso) nei comuni di Drenchia, Stregna e Ligosullo. Se si considerano, invece, le migliori condizioni per fare impresa il primo posto va a San Giovanni al Natisone seguito da Moimacco e Chiopris Viscone; le peggiori vengono registrate a Ligosullo, Preone e Stregna. Se, infine, si prendono i dati del solo indicatore di benessere della popolazione il comune migliore risulta Remanzacco, seguito da Campoformido e Moimacco; la classifica dal basso è guidata da Drenchia, Stregna a Rigolato.
Questo dice l’indicatore messo a punto dall’Ufficio studi di Confartigianato Udine con la collaborazione del Dipartimento di scienze economiche e statistiche dell’Università  di Udine che ha misurato, lavorando su dati ufficiali e aggiornati, il grado di «benessere» dei 135 comuni della provincia di Udine prendendo in considerazione due voci: il benessere generale della popolazione e quello relativo alla facilità di fare impresa, misurati attraverso 16 variabili disponibili a livello comunale, abbastanza aggiornate e di fonte ufficiale.
I comuni di pianura a est di Udine si contendono il primato nelle classifiche di benessere e possibilità di sviluppo economico, mentre a brevissima distanza chilometrica sono i comuni della Slavia (con alcuni carnici) a guidare la classifica negativa. Questi dati mettono in evidenza innanzi tutto il fallimento della politica (regionale e nazionale) per lo sviluppo della montagna, se questa è mai esistita e abbia avuto un carattere di serietà, concretezza di interventi, di consistenza e durata di investimenti. Infatti, l’abisso, che separa Moimacco da Drenchia, non è giustificabile se non con scelte politiche di sviluppo economico del tutto sbilanciate e dissennate.
Moimacco dista da Drenchia 26,9 km che in macchina si percorrono in una buona mezz’ora. Ebbene quei pochi chilometri rappresentano un divario incolmabile in termini di giustizia sociale e distributiva, di attenzione e di tutela delle aree più deboli ed esposte.  Quei 32,01 punti che separano Moimacco (108,92) e Drenchia (76,91) nella classifica che fa la media tra il benessere socio-economico e la facilità di fare impresa mettono a nudo non solo le squilibrate scelte politiche, ma anche l’incapacità di politici e amministratori a livello di comprensorio di escogitare una strategia e un porcorso di valorizzazione delle risorse del territorio, delle ricchezze storiche e culturali della comunità e una volta individuati di fare fronte comune nei rapporti con gli enti superiori. Si è, invece, preferito enfatizzare e strumentalizzare le questioni linguistiche e confinarie anche quando i dialetti erano stati definiti sloveni dall’unico organismo che aveva la competenza di farlo, i confini erano stati fissati ed è arrivato anche il tempo del loro crollo. In questi giorni le nuove amministrazioni comunali stanno iniziando il loro impegno quinquennale. Da queste colonne lanciamo un caloroso invito: non scavate altri fossi, non innalzate altri muri divisori tra la nostra gente su questioni già risolte e regolate da leggi dello Stato italiano e della regione Friuli-Venezia Giulia, cercate piuttosto di colmare l’abisso che tragicamente divide (questa volta sì) il vostro comune da Moimacco.

 

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp