31 Agosto 2018 / 31. avgust 2018

Razred več na dvojezični šoli
Classe in più alla scuola bilingue

Začetek novega šuolskega lieta je pred vrati. Na teli strani so podatki vpisanih v vartcih, primarnih in srednjih šuolah v Nediških in Terskih dolinah, v Reziji in Kanalski dolini.
Kar sparva pride per oči je, de v vartcih v Nediških dolinah kar naprej pada število vpisanih, saj je 12 otruok manj ku lanske lieto.
Glede primarnih šuol ima dvojezična šuola šest otruok vič. Adnojezična primarna naj v Špietru naj v Gorenj Miersi pa jih kupe štreje 13 manj ku lanske lieto.
Sriednja šuola pa je zrastla za šest otruok vič takuo na dvojezični takuo na adnojezičnih šuolah v Špietru in v Gorenj Miersi. Naj podčrtamo, de parvič v suoji desetlietni zgodovini sta na dvojezični sriednji šuoli dva parva razreda, v katerih je vse kupe vpisano 28 učencu.
Na adnojezičnem vičstopinskem inštitutu v Špietru (ki ima pod sabo vartce v Ažli, v Gorenj Miersi in v Podbuniescu, primarne šuole in srednje šuole v Špietru in v Gorenj Miersi) bo nova direktorca Carla Ferrari, potlé ki je Nino Ciccone šu v penzijo. Ostala bosta vartac in primarna šuola v Tipani z vse kupe 21 vpisanih. Tela je dobra novica, saj gre za important znak, ki daje gorskemu kamunu novo upanje in muoč za naprej. Naj dodamo tudi, de na šuoli v Tipani in na Njivici so že vič liet ure učenja slovenskega izika, v katerih gledajo ohranit in valorizat domačo slovensko besiedo. Trošt je, de se učenje slovenskega izika arzširi in utardi tudi v drugih šuolah na teritoriju, kjer vaja daržavni zakon za slovensko manjšino 38/2001.

L’inizio del nuovo anno scolastico è alle porte. Riportiamo i dati degli iscritti negli asili, nelle scuole primarie e medie delle Valli del Natisone, del Torre, di Resia e della Valcanale.
La prima cosa che notiamo è che negli asili delle Valli del Natisone il numero degli iscritti continua a calare, visto che ci saranno 12 bambini in meno rispetto all’anno scorso.
Per quanto riguarda la scuola primaria, la scuola bilingue avrà 6 bambini in più. La scuola primaria con lingua d’insegnamento italiana, sia a San Pietro/Špietar che a Merso Superiore/Gorenja Miersa, invece, ne conta complessivamente tredici in meno rispetto all’anno scorso.
Gli iscritti alla scuola media, invece, aumentano di 6 bambini, sia nella scuola bilingue che in quelle con sola lingua d’insegnamento italiana di San Pietro e Merso Superiore. Sottolineiamo che, per la prima volta nella sua decennale storia, la scuola bilingue avrà due classi prime, alle quali sono complessivamente iscritti 28 alunni.
All’istituto comprensivo con lingua d’insegnamento italiana di San Pietro (che comprende l’asilo di Azzida/Ažla, di Merso Superiore e di Pulfero/Podbuniesac, oltrechè le scuole primaria e media di San Pietro e Merso superiore) sara Carla Ferrari a succedere a Nino Ciccone, che è andato in pensione. Rimarranno l’asilo e la scuola primaria di Taipana, con un totale di 21 iscritti. Questa è una buona notizia visto che rappresenta, per il comune montano, un importante segnale di nuova speranza e forza per il futuro. Aggiungiamo anche che le scuole di Taipana/Tipana e di Vedronza/Njivica offrono già da diversi anni l’insegnamento dello sloveno, con cui puntano a custodire e valorizzare il dialetto sloveno locale. La speranza è che l’insegnamento dello sloveno si espanda e consolidi in altre scuole situate sul territorio interessato dalla legge nazionale di tutela della minoranza slovena 38/2001.