Pomazani dvojezični smerokazi_Cartelli bilingui imbrattati

Pomazani smerokazi webPred kratkim je Družba Fvg Strade dala postaviti italijansko-slovenske smerokaze po cestah občine Naborjet-Ovčja vas, ki so v njeni pristojnosti. Smerokaze so postavili na podlagi državnega zaščitnega zakona za Slovence. Kmalu po postavitvi so jih neznane osebe pomazale. Mazače opozarjamo na dejstvo, da je to kaznivo dejanje, ki so ga že marca 2014 v Trstu kaznovali z zaporom na podlagi zakona Mancino, saj gre v tem primeru za diskriminacijo slovenske narodne skupnosti. Kanalskodolinska javnost pričakuje, da bodo pomazane napise čimprej očistili, ter še posebej da bodo pristojne oblasti v duhu že zdavnaj utrjenega sožitja med štirimi domačimi jezikovnimi skupnostmi in enakopravnosti dale postaviti smerokaze s krajevnimi imeni v italijanščini, furlanščini, nemščini in slovenščini.

Recentemente nel comune di Malborghetto-Valbruna/ Naborjet-Ovčja vas sono stati apposti indicatori di direzione bilingui (italiano-sloveno) lungo il tratto stradale di pertinenza di Fvg Strade. I cartelli, posizionati in attuazione delle leggi italiane di tutela della minoranza slovena in vigore nel comune, sono stati imbrattati a poco tempo dalla loro installazione. Ciò che può sembrare una bravata o un provocatorio atto di protesta può, tuttavia, portare al carcere. Nel marzo del 2014, il Tribunale di Trieste/Trst aveva condannato Andrea Franco e Lorenzo Degrassi – accusati di avere coperto con vernice, nell’aprile del 2012, le scritte in sloveno sui cartelli di San Giovanni della Tuba/Štivan – a 3 mesi e 15 giorni di reclusione con la condizionale. Il giudice Raffaele Morvay aveva applicato accanto al reato di danneggiamento della proprietà anche quello di discriminazione della minoranza slovena. I due avevano patteggiato. In base alla legge statale (38/01) di tutela della minoranza slovena, infatti, la convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale (legge 674/75) e il decreto in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa (legge 205/93) «si applicano anche ai fini di prevenzione e di repressione dei fenomeni di intolleranza e violenza nei confronti degli appartenenti alle minoranze linguistiche» (art. 23). L’opinione pubblica valcanalese si augura che i cartelli imbrattati vengano al più presto ripuliti. Nello spirito di rispetto dell’altro da tempo radicato tra le diverse componenti linguistiche della valle, spera inoltre che, per pari dignità di trattamento, sui cartelli posizionati vengano riportati i toponimi dei paesi anche nelle altre due lingue locali – friulano e tedesco – come già attuato in Valcanale su una parte degli indicatori di direzione presenti nella zona di Cave del Predil/Rabelj. (l.l.)

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp