Pesem miru 7. marca v Čedadu_Canti di pace il 7 marzo a Cividale

Pesem miru webSpomini, melodije, vsakdanjost, upanja narodov, ki so doživeli prvo svetovno vojno, bodo vezna nit koncerta»Cjantis di Pâs – Canti di Pace – Pesem Miru«, ki bo v soboto, 7. marca v cerkvi sv. Frančiška v Čedadu (ob 20.30). Predstavitev koncerta je bila v ponedeljek, 2. marca, v palači Belgrado; dogodek prireja Pokrajina Videm, partner projekta »Pot miru – Zgodovinske poti prve svetovne vojne od Alp do Jadrana. Program čezmejnega sodelovanja Italija – Slovenija za obdobje 2007-2013« (vodilni partner Pokrajina Gorica). »To je bogat glasbeni dogodek – je na predstavitvi povedala pokrajinska odbornica za kulturo Francesca Musto – s skrbno izbrano vsebino, besedili, glasbo in priredbami ter glasbeniki, ki bodo na njem nastopili. Koncert želi predstaviti vsakdanje življenje Furlanov in Slovencev pred in med prvo svetovno vojno, z ljudskimi motivi, ki se med tu živečimi narodi prenašajo iz roda v rod«. »Izbrane skladbe – je povedal umetniški vodja Rudy Fantin – povezujejo osebe, ki so vojno doživele z današnjo generacijo, ki je te melodije prejela in jih predstavlja v moderni priredbi. Pevci zbora FVG Gospel Choir, ob spremljavi glasbenikov Big Banda in Simfoničnega orkestra RTV Slovenija, bodo predstavili klasične skladbe furlanske tradicije (kot Cisilute, Joi ce buino l’ago frescjo di Ludario, Se jo vês di maridâmi), Zorzijevo Une Mari, ki je nastala ob blagoslovitvi kostnice v Redipulji, slovensko Marija, skoz življenje ter ljudsko iz Nadiških dolin Oj, božime ali Sdrindulaile«. Večer bo povezoval Andrea Flego, zbor bo vodil Alessandro Pozzetto, orkester pa Paolo Paroni, ki se je komaj vrnil iz New Yorka, kjer je vodil NY Ballet pri izvedbi Romea in Julije Sergeja Prokof’eva. Za priredbe in umetniško vodstvo je poskrbel Rudy Fantin; sodelovali pa bodo tudi nekateri priznani jazz glasbeniki: tenorsaksofonist Nevio Zaninotto, kontrabasist Alessandro Turchet, tolkalec Luca Colussi, kitarist Roberto Colussi in pianist Luca Zanon. »Ta koncert – je povedal župan Občine Čedad Stefano Balloch – je še dodatna priložnost, da prebivalci naših krajev lahko bolje spoznajo obdobje prve svetovne vojne«.

Pensare alla Pace, all’interno delle celebrazioni riguardanti la Grande Guerra, è una sfida importante: si tratta di ripensare al quotidiano, in particolare, ai momenti di serenità, agli incontri, alle situazioni sociali, collettive, ai propri silenzi, alle speranze…in altre parole, alla via di fuga che l’animo umano può trovare nelle situazioni peggiori, per non farsi sopraffare dalla vita. Quei momenti di spensieratezza in circostanze tutt’altro che tranquille, riemergeranno attraverso la voce, le parole, le melodie e gli arrangiamenti inediti e originali proposti nel concerto “Cjantis di Pâs – Canti di Pace – Pesem Miru” che si svolgerà sabato 7 marzo a Cividale del Friuli nella chiesa di San Francesco (inizio alle 20.30). Oggi – lunedì 2 marzo – a palazzo Belgrado la presentazione dell’iniziativa che rientranell’ambito delle attività realizzate dalla Provincia di Udine nel quadro della partecipazione al progetto “Pot Miru – Sentieri storici della Prima Guerra Mondiale dalle Alpi al Adriatico. Programma per la cooperazione transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013” (lead partner la Provincia di Gorizia). “Si tratta di un evento musicale di alto spessore – ha affermato l’assessore provinciale alla cultura Francesca Musto – sia per i contenuti, i testi, le musiche e gli arrangiamenti, sia per gli interpreti coinvolti. Il messaggio contenuto in quest’occasione è già esplicitato nel titolo dell’evento, che di anni terribili, vuol far riaffiorare il vivere quotidiano della comunità friulana e di quella slovena. Brani popolari e classici che si contraddistinguono da una particolare forza comunicativa visto che sono giunti fino a noi tramandati praticamente di generazione in generazione”. Sulla proposta musicale si è soffermato nel corso della presentazione, Rudy Fantin direttore artistico e autore degli arrangiamenti. “I brani con le parole, i suoni, le voci e gli strumenti, di oggi e di ieri, che hanno animato il ballo, i riti, gli incanti, ci riportano sia alla generazione legata al conflitto sia a quelle di oggi cui quelle melodie sono arrivate, tramandate nel tempo e preservate dall’oblio. Le voci dell’FVG Gospel Choir, sorrette dai musicisti  della Big Band e dall’Orchestra Sinfonica della RVT Slovena, reinterpreteranno in chiave contemporanea i grandi classici della tradizione friulana (ad esempio “Cisilute”, “Joi ce buino l’ago frescjo di Ludario”, “Se jo vês di maridâmi”), o riscopriranno brani come “Une Mari” di G.Zorzi, scritto per il battesimo del sacrario militare di Redipuglia (1923). Non mancheranno i brani sloveni come Marija, skoz življenje di I.Hladnik, o brani della tradizione, cantati nelle Valli a seconda della lingua di famiglia, dove Sdrindulaile diventa Oj božime, assumendo un significato completamente diverso”.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp