30 Maggio 2014 / 30. maj 2014

Par maši častimo Boga v domačem jeziku
Attacco politico alla messa in sloveno

Kduo bi mislu, de bo naša maša po slovensko v Špietru dobila takuo velik pomien, de še v časopisih že pišejo o nji. Ne nimar veselo an parjateljsko, a pišejo. Tuole je že kjek nenavadnega za nas, ki smo nimar zapuščeni, pozabljeni an zanemarjani. Tele krat nam je dau velik pre- stor benečanski list La voce del Friuli Orientale. Se niesmo čakali tajšnega zanimanja, zak’ na dielamo nič posebnega, ku moliti buj lepuo, ki se more, sveto mašo po slovensko. Kar se dà zastopiti, ljudem, ki pišejo tist list, tuole nie všeč, a muorejo vsi zastopiti, de mašo molemo, ne de bi bli kajšnemu všeč ampak, de bi častili Boga an grede oživieli naš izik sigurni, de je tuole tudi Bogu všeč. Pokazati sveto mašo v drugi podobi, tuo je v političnem smislu, je stara an strohnjena politika, dobra samuo za puhe skriti. Našo mašo so pokazali v veliki vinjeti, kjer videmo mašnika, ki z vzdignjeno roko truca, de bo Benečija nazaj spadala pod matično domovino. Vierniki na poslušajo, pravijo samuo, de na zastopijo nič. Kuo muore biti tuole? V tisti vinjeti je pa vič čudnih rečì. Parvo, cierku je nabito puna, z mladimi, odraslimi an starejšimi ljudmì, kar je njeki nenavadnega v naših dneh. A mi se vselimo tajšne velike udeležbe, vsaj v sanjah. Viera an pobožnost bi bile šele žive med nami an bi bilo lepuo, de bi tuole na bla samuo sanjà, ampak tudi liepa resnica. Kar pa se bere v tisti vinjeti, po- trebuje kajšno kritično oceno. Parvo, je napisana v literarni slovenščini an v slovenskem dialektu. An ne brez napak v obeh govoricah. Se na piše »z« slovensko, ampak »s« slovensko. Potlè v narečju se prave »zastopen« ne »zatopen«. Tuole nie majhnega pomiena, zak’ če hočes imieti uspeh v tvoji iniciativi, na moreš se stuort smejati, zak’ kritika postane komedija. Potlè, vinjeta kaže narobe pravo podobo naše Benečije, saj v nji pridgar an poslušauci se na zastopejo, četudi nucajo isti slovenski izik, adan v literarni, drugi v narečni obliki. Vemo pa, de se v resnici obie govorici zastopejo lepuo, takuo ki se gaja vsaki dan. Če pokažemo tolo risbo slovenskemu učitelju iz Gorice, na bo imeu nobedne težave zastopiti, kar je napisano, zak’ zna guoriti literarno an narečno, an je tele narečje slovenske matere. Zatuo mi parporočamo vsiem našim slovenskim družinam, posebno če pošijajo otroke v dvojezično šuolo, naj guoré doma v narečju, takuo de bojo otroci ohranili domači izik an ga bojo obogatieli s tistim standard, ki se ga uče v suoli. Nazadnjo, na stuojmo se uarniti na staro politiko, ki je priet so- vražila naš slovenski izik v celoti, sada pa pravi, de brani narečje, ki naj bi bluo drugi neslovenski izik. Vemo, de je težkuo ustaviti tajšno politiko, ki nam priča, de smo zaries nasrečan narod an nasrečni ljudjè, zak’ namest, de bi se pomagali, nucamo vso muoč, de bi zadušili, še kar je slovenskega in originalnega ostalo. Žalostno je!

Chi lo avrebbe mai detto che la nostra messa in sloveno a San Pietro al Natisone avrebbe ottenuto un’importanza tale, da suscitare l’interesse dei giornali? Non lo fanno sempre in maniera positiva e amichevole, però scrivono su quest’argomento. È qualcosa di inusuale per noi che siamo sempre stati abbandonati, dimenticati e maltrattati. Questa volta a darci grande spazio è il bollettino valligiano «La voce del Friuli orientale». Non ci saremmo mai aspettati un interessamento del genere, visto che non facciamo niente di speciale, se non celebrare, meglio che possiamo, la santa messa in sloveno. Per quello che ci è dato capire, questo non è gradito ai responsabili di quel bollettino, ma noi celebriamo la messa non per piacere a qualcuno, ma per onorare Dio e anche per far rivivere la nostra lingua, cosa che, ne siamo sicuri, a Dio è gradita. Mettere la messa sotto una luce politica, è una prassi vecchia e marcia, buona solo per nascondere i ghiri. La nostra messa è rappresentata in una grande vignetta, in cui si vede il celebrante che va predicando con la mano alzata che la Slavia tornerà di nuovo sotto l’ala della madre patria. I fedeli non ascoltano, dicono solo che non capiscono niente. Come può essere? In quella vignetta ci sono parecchi elementi che non tornano. Per prima cosa la chiesa è strapiena di giovani, adulti e anziani, fatto abbastanza insolito al giorno d’oggi. Ma noi siamo contenti di questa grande partecipazione, anche se solo nei sogni. Fosse così, la fede e la devozione sarebbero ancora vive e sarebbe bello se questo non fosse solo un sogno, ma la realtà. Bisogna dare un giudizio critico, però, a ciò che si legge in quella vignetta. Per prima cosa i fumetti sono in sloveno standard e in dialetto. E non senza errori madornali in entrambe le varianti. Non si scrive, infatti, «z slovensko», ma «s slovensko». Poi in dialetto si dice «zastopen», non «zatopen». Non sono errori di poco conto, perché se si vuole raggiungere lo scopo, non bisogna cadere nel ridicolo, altrimenti la critica diventa una commedia. Inoltre, la vignetta dà un’immagine distorta della chiesa della nostra Slavia. Il sacerdote e i fedeli usano la stessa lingua slovena; il primo nella variante letteraria, i secondi in quella dialettale; ma i fedeli dicono di non capire il celebrante. Sappiamo, però, che le due varianti si intendono bene: lo constatiamo ogni giorno. Se mostrassimo questo disegno a un maestro sloveno di Gorizia, questi non avrebbe nessuna difficoltà a capire cosa c’è scritto, perché sa parlare sia lo sloveno letterario, sia quello dialettale, che è di matrice slovena. Per questo noi vorremmo suggerire a tutte le nostre famiglie slovene, soprattutto se mandano i figli alla scuola bilingue, di parlare a casa in dialetto, in modo tale che i bambini conservino la parlata locale e la possano arricchire con quella standard che imparano a scuola. Come ultima cosa, esortiamo a non ricadere alla vecchia politica che prima si è opposta alla nostra lingua slovena nella sua totalità e che ora dice di voler tutelare il dialetto, insinuando che si tratti di una lingua non slovena. Sappiamo che è difficile fermare questa politica. Essa testimonia come siamo veramente un popolo sfortunato e delle persone sfortunate che, invece di aiutarsi tra di loro, usano tutte le loro forze per soffocare ciò che è rimasto di sloveno. Questo è davvero molto triste!

 

Marino Qualizza