17 Gennaio 2020 / 17. januar 2020

Nediške doline so zapuščene
Le Valli sono lasciate a loro stesse

Msgr./Mons. Livio Carlino

Kristjani imajo dužnuost jasno pokazati svojo viero in se brigati za dobro življenje ljudi. »Mi se na smiemo bati tudi poviedati, katere so vse primarne, vsakdanje potriebe našega teritorija, majhanih vasi v Nediških dolinah, ki močnuo tarpé pomanjkanje puno reči, na posebno vižo za se zdraviti in se zatuo muorajo obarniti na privatne ustanove.« Globoko in močno pridgo je ob tradicionalni maši velikega meča (messa dello spadone), za Svete trije kralje, imeu čedajski famoštar msgr. Livio Carlino, ki je tudi dekan za Nediške doline.

Poslušali so jo tudi predsednik Furlanije Julijske krajine Massimiliano Fedriga in številni drugi politiki, med katerimi je bla tudi senatorka slovenskega jezika Tatjana Rojc.

Msgr. Carlino je na posebno vižo zaskarbljen, kaj bo s čedajskim špitalam po novi regionalni reformi zdravstva, a je s svojimi besiedami šú buj glaboko in jau, de je trieba zavrieči politiko, ki ima par sarcu buj zaslužek in pobieranje glasu na volitvah ku človieškuost.

»Mi na potrebujemo ovc, ki bi hodile za nami, brez de bi mislile. Potrebujemo pa ljudi, ki znajo misliti s svojo glavo, ki nečejo vzdigati zidou ampa podperjajo tiste politike, ki zaries dielajo za dobro vsieh ljudi, brez gledati na partite in intereše samuo nekaterih,« je poudaru dekan.

Monito alle coscienze quello rivolto dal decano di Cividale, mons. Livio Carlino, durante l’omelia pronunciata in occasione della Messa dello spadone di lunedì, 6 gennaio, a Cividale.

I cristiani hanno il dovere di mostrare con chiarezza la propria fede e di avere cura che la gente viva bene. Così, non si deve avere timore di dire quali siano le necessità primarie dei piccoli paesi delle Valli del Natisone, che soffrono molto per la mancanza di svariate cose, soprattutto dal punto di vista dell’assistenza sanitaria e che devono, quindi, rivolgersi a enti privati. Mons. Livio Carlino conosce bene la situazione delle Valli del Natisone, visto che ne è il decano, oltre a essere parroco a Cividale.

La coraggiosa omelia è stata pronunciata alla presenza di diversi esponenti del mondo politico intervenuti alla tradizionale Messa celebrata a Cividale in occasione della festività dell’Epifania del Signore. Tra questi, anche il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e la senatrice di lingua slovena Tatjana Rojc.

Mons. Carlino, che nutre timori per ciò che sarà dell’ospedale di Cividale dopo la nuova riforma sanitaria regionale, ha espresso la convinzione che sia necessario rifiutare la politica che ha maggiormente a cuore il profitto e l’accumulo di voti alle elezioni rispetto al sentire umano.

Non servono, infatti, pecore che vengano al seguito senza pensare, ma persone che sappiano pensare con la propria testa, che non vogliono alzare muri, che sostengono quei politici che lavorano davvero per il bene di tutti, senza guardare ai partiti e agli interessi esclusivi di alcuni, ha esortato ancora mons. Carlino.