L’on. Serena Pellegrino con la Sso_Poslanka Pellegrino z vodstvom SSO

Pellegrino SSONella sede della Comunità montana Torre, Natisone e Collio a San Pietro al Natisone, venerdì 28 febbraio ha avuto luogo un lungo e cordiale incontro tra il consiglio direttivo regionale della Confederazione delle organizzazioni slovene (Sso) e l’on. Serena Pellegrino deputata di Sinistra, ecologia e libertà (Sel) alla Camera, accompagnata dal consigliere provinciale Fabrizio Dorbolò e dal consigliere comunale di Udine Andrea Sandra. Il presidente della Sso, Drago Štoka, ha presentato alla parlamentare la Confederazione, evidenziandone l’ispirazione ideale e la proficua attività in tutte e tre le province nelle quali sono insediati gli sloveni. «Siamo un’organizzazione della società civile e vogliamo tenere aperto un canale di dialogo con tutti gli interessati. La nostra comunità è riconosciuta e tutelata da trattati internazionali», ha detto, chiedendo all’on. Pellegrino particolare attenzione ai tentativi di modificare la legge 38/2001, normativa raggiunta con tanta fatica e ancora lontana dalla piena attuazione. Quindi il presidente si è soffermato su questioni di stretta attualità. In particolare ha evidenziato la spinosa questione della nomina del nuovo presidente del Teatro stabile sloveno avvenuta a maggioranza, con i rappresentanti di Regione, Provincia e Comune di Trieste che si sono schierati al fianco di una delle organizzazioni principali slovene. «Riteniamo che ciò non sia in linea con lo statuto del teatro, in quanto esso stabilisce che la presidenza debba essere frutto di un accordo tra le tre componenti slovene presenti nel consiglio di amministrazione. Perciò la Sso ha congelato la propria partecipazione all’organismo», ha detto Štoka, che ha poi affrontato il sistema di finanziamento delle organizzazioni della comunità slovena. «L’assessore regionale Gianni Torrenti – ha spiegato – ha espresso l’intenzione di modificare l’attuale sistema, dando spazio al finanziamento di progetti. Noi siamo convinti che si debba tenere conto in primo luogo dell’attività ordinaria, del lavoro capillare sul territorio e delle istituzioni che hanno dipendenti. La nostra confederazione presenterà alla Regione una dettagliata proposta». Nel dibattito sono emerse diverse perplessità sul sistema dei progetti, in quanto esso potrebbe favorire la discrezionalità nella ripartizione dei fondi. A tal proposito il presidente della Sso per la provincia di Udine, Giorgio Banchig, ha posto l’accento sulla pesante discriminazione della componente di ispirazione cattolica nel recente riparto dei fondi straordinari 2013 per Slavia, Resia e Valcanale. «Collaboriamo con tutti, il nostro apporto alla comunità in termini ideali e di attività è notevole, direi indispensabile al suo sviluppo, come dimostra la realizzazione del museo multimediale Smo, eppure la nostra presenza è appena tollerata», ha affermato. «La sentenza di morte per gli sloveni della provincia di Udine è stata emessa quasi 150 anni fa. Se siamo ancora vivi e vitali lo dobbiamo in primo luogo all’opera e ai sacrifici dei sacerdoti sloveni, dei quali le nostre associazioni sono eredi». Nel suo intervento, l’on. Pellegrino ha posto in evidenza l’impegno di Sel a favore dei diritti civili, tra i quali quelli delle minoranze linguistiche hanno un posto rilevante. Quanto agli sloveni, ha evidenziato che parecchi esponenti della comunità sono molto attivi nel partito e lo sollecitano a lavorare sulle questioni aperte. «Il nostro impegno – ha detto – non è finalizzato a un tornaconto elettorale, piuttosto al riconoscimento dei diritti delle persone e delle comunità. Non ci può essere sulla minoranza slovena il monopolio di alcune forze politiche o di singoli parlamentari». Impegnandosi a verificare le criticità emerse nel corso dell’incontro, la parlamentare ha preannunciato anche interventi sulla questione della corretta grafia dei nomi e cognomi sloveni sui documenti personali. Tra l’altro, rispondendo a una sollecitazione del presidente provinciale Sso di Gorizia, Walter Bandelj, ha detto di considerare una sorta di ghettizzazione il fatto che le carte d’identità bilingui abbiano un colore diverso da quelle monolingui e inaccettabile che il testo in sloveno sia stampato in un corpo più piccolo rispetto a quello in italiano. Da parte sua, il consigliere provinciale Fabrizio Dorbolò, ha ribadito che Sel vuol dare voce e rappresentanza alla comunità slovena. In questo senso, ha espresso la necessità di seguire attentamente la trasformazione delle Province in enti elettivi di secondo grado, soprattutto nella definizione dei collegi elettorali, in modo da garantire la presenza di consiglieri sloveni. «Mentre a Trieste e Gorizia non dovrebbero esserci problemi, a Udine i rischi sono davvero grandi. Ci vorrebbe un collegio apposito».

V petek, 28. februarja se je na sedežu Gorske skupnosti Terskih in Nediških dolin ter Brd izvršni odbor SSO srečal s Sereno Pellegrino, poslanko stranke SEL, ki sta jo spremljala Fabrizio Dorbolò, svetnik v vidmeskem pokrajinskem svetu ter Andrea Sandra svetnik videmskega občinskega sveta. Predsednik SSO Drago Štoka je poslanki predstavil krovno organizacijo, pri čemer je podčrtal idejno usmeritev in plodno delovanje v vseh treh pokrajinah, kjer živijo Slovenci. “Smo organizacija civilne družbe in želimo imeti odprt dialog z vsemi dejavniki v našem prostoru. Naša skupnost je priznana in zaščitena na podlagi mednarodnih pogodb” je povedal Štoka in prosil poslanko Pelleginovo za posebno pozornost pri poizkusih spremembe zakona 38/2001, ki je bil dosežen z velikim trudom in je še daleč od tega, da bi bil v polnosti udejanjen. Predsednik Štoka se je nato zaustavil na aktualnih odprtih vprašanjih. Omenil je tudi vprašljivo imenovanje nove predsednice Slovenskega stalnega gledališča, kjer so predstavniki Dežele FJK, Pokrajine in Občine Trst podprli izbiro ene izmed slovenskih organizacij. “Prepričani smo, da to ni v skladu z določili statuta gledališča, kajti ta določa, da predsednik mora biti sad dogovora med tremi slovenskimi komponentami, ki so prisotne v upravnem odboru. Zaradi tega je SSO zamrznil svojo prisotnost v organizaciji” je povedal Štoka in se nato osredotočil na sistem financiranja slovenskih organizacij. “Deželni odbornik Gianni Torrenti – je razložil – je izrazil namen, da se sedanji sistem financiranja spremeni, tako da se bo del sredstev dodelil na podlagi projektov. Prepričani pa smo, da je potrebno najprej upoštevati redno dejavnost, kapilarno delovanje na teritoriju in ustanove, ki imajo zaposleno osebje. SSO bo Deželi predstavil podroben predlog”. V razpravi je bilo izraženih več dvomov o sistemu, ki sloni na projektih, ker ta bi lahko bil nepravičen pri dokončni razdelitvi sredstev. Na to temo je pokrajinski predsednik SSO za Videmsko Giorgio Banchig razložil, kako je bila diskriminirana katoliška stran pri razdelitvi izrednih sredstev za leto 2013, ki so bila namenjena Benečiji, Reziji in Kanalski dolini. “Sodelujemo z vsemi, naš doprinos skupnosti, kar se tiče vrednot in delovanja je velik, rekel bi nenadomestljiv za njen razvoj, kot to dokazuje uresničitev multimedijskega muzeja SMO, in kljub temu je naša prisotnost le tolerirana”, je dejal Banchig. “Smrtna obsodba za Slovence v videmski pokrajini je bila razglašena pred skoraj 150 leti. Če smo danes še živi in dejavni je to prvenstvena zasluga delovanja in žrtvovanja slovenskih duhovnkov, katere dediči so naše organizacije”.V svojem posegu je poslanka Pellegrino postavila v ospredje zavzemanje stranke SEL za civilne pravice, kjer imajo poseben pomen pravice jezikovnih manjšin. Kar zadeva Slovence, pa je poudarila, da je več pripadnikov manjšine dejavnih v stranki in jo spodbujajo, da se zavzema za vprašanja, ki so še odprta. “Naša skrb – je rekla – ne išče volilne računice, temveč priznavanje pravic osebam in skupnosti. Slovenska manjšina ne more biti monopol nekaterih političnih komponent ali posameznih parlamentarcev”. Poslanka je obljubila, da bo preverila kritična stanja, ki so ji bila predstavljena med srečanjem in obljubila, da bo posegla pri vprašanju pravilnega zapisovanja imen in priimkov na osebnih dokumentih. Na spodbudo goriškega pokrajinskega predsednika SSO Walterja Bandlja, je priznala, da predstavlja različna barva dvojezične izkaznice neke vrste getizacijo in je nedopustno, da je slovenski tekst tiskan z manjšimi črkami od italijanskega teksta. Pri tem je posegel tudi pokrajinski svetnik Fabrizio Dorbolò, ki je poudaril, da stranka SEL želi omogočiti slovenski narodni skupnosti razpoznavnost in predstavništvo. V tem smislu je izrazil nujnost, da se pozorno spremlja spremembo pokrajin v drugostopenjske ustanove, še posebno pri določitvi volilnih okrožij, tako da bo zagotovoljena prisotnost slovenskih svetnikov. “Medtem ko v Trstu in Gorici naj ne bi bilo težav, v Vidmu so tveganja velika in zato je potrebno imeti posebno okrožje”.

 

 

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp