Bubbico con gli sloveni a S. Pietro_Podminister v Špietru s Slovenci

IMG_3523Creatività connessa alla coscienza di luogo e alla capacità di essere tolleranti facendo della specificità un fattore di reciproco arricchimento, sono i tre termini in cui declinare la tutela e la valorizzazione di piccole realtà, quali le minoranze linguistiche. Lo ha sottolineato lunedì 20 aprile il viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico, nel corso della visita al centro multimediale Smo a San Pietro al Natisone. Accompagnato dalla deputata Tamara Blažina, sal senatore Carlo Pegorer e dal prefetto di Udine, Provvidenza Delfina Raimondo, Bubbico è stato accolto dal sindaco di San Pietro, Mariano Zufferli, (accompagnato dall’assessore Tiziano Manzini) e da una delegazione della minoranza slovena formata da Riccardo Ruttar per la Confederazione delle organizzazioni slovene-Sso, Luigia Negro presidente provinciale della Skgz, Bruna Dorbolò presidente dell’Istituto per la cultura slovena, Sonja Klanjšček dirigente dell’istituto comprensivo bilingue. Nel corso della riunione sono emersi tutti i temi che stanno a cuore alle organizzazioni slovene – Bubbico presiede il tavolo governativo per la minoranza slovena –, quali la corretta applicazione delle leggi di tutela, l’insegnamento bilingue, la collaborazione con la Slovenia… Ma è emerso in tutta la sua gravità in primo luogo il dramma dello spopolamento, che mette a repentaglio la stessa sopravvivenza fisica della Slavia e con essa di lingua e cultura slovene in provincia di Udine. Al termine dell’incontro, al quale hanno preso parte l’assessore regionale alla Cultura, Gianni Torrenti, e il capogruppo Pd in Consiglio regionale, Cristiano Shaurli, il viceministro ha annunciato in futuro una visita più approfondita alla comunità slovena. Per una migliore conoscenza della realtà locale, Ruttar lo ha omaggiato con i libri «Slavia-Benečija. Una storia nella Storia» e i «Moj dnevnik. La seconda guerra mondiale vista e vissuta nel ‘focolaio’ della canonica di Lasiz», pubblicate dalla cooperativa Most.

Podminister za notranje zadeve Filippo Bubbico je v ponedeljek, 20. aprila, v Špietru multimedijski center SMO in srečal župana občine Špietar Mariana Zufferlija (spremljal ga je odbornik Tiziano Manzini) in predstavnike slovenskih organizacij v videnski pokrajini. Podminister, ki predseduje vladnemu omzju za slovensko manjšino, je tako s prve roke spoznal Slovence iz Benečije, Rezije in Kanalske doline ter prisluhnil njihovim težavam in pričakovanjam. Delegacijo so sestavljali Riccardo Ruttar za SSO, Luigia Negro za SKGZ, Bruna Dorbolò za ISK in Sonja Klanšček, ravnateljica dvojezične večstopenjske šole. V ospredju je bilo dramatično vpadanje prebivalstva v Benečiji. Bubbico, ki so ga spremljali poslanka Tamara Blažina, senator Carlo Pegorer in videnska prefektinja Provvidenza Delfina Raimondo, je podčrtal pomembnost in vlogo jezikovnih manjšin ter izpostavil prizadevanja, da bi italijanski Parlament ratificiral evropsko listino o pravicah jezikovnih manjšin. Obljubil je, da bo spet prišel na daljši obisk. Ruttar je podministru podaril knjigo o zgodovini Benečije in Cuffolev dnevnik, da bi preko njih boljše spoznal Slovence v videnski pokrajini in vzroke sedanjih razmer. Na srečanju sta bila prisotna tudi deželni odbornik za kulturo Gianni Torrenti in nečelnik demokratske stranke v deželnem svetu Cristiano Shaurli.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp