EZTS za območje ob tromeji_Un Gect per la zona dei tre confini

Srečanje na Cernetu/L’incontro al Cernet

La Valcanale, a ridosso del confine con Austria e Slovenia, ha certo rappresentato un esempio di compresenza linguistica e culturale molto ben prima che si concretizzasse il sogno di un’Europa unita. E ora che la sperimentazione minisiteriale plurilingue sta partendo, un nuovo impulso potrebbe essere fornito dalla nascita di un Gect che comprenda i comuni a ridosso del triplice confine, tra Friuli-Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia.

È quanto emerso all’incontro che il ministro della Repubblica di Slovenia per gli Sloveni delle minoranze autoctone e nel mondo, Matej Arčon, ha avuto coi rappresentanti della comunità slovena valcanalese, accompagnato dalla segretaria di Stato Vesna Humar e dal console generale di Slovenia a Trieste, Gregor Šuc. La giornata è iniziata con la visita dell’Associazione Združenje don Mario Cernet a Valbruna/Ovčja vas.

Negli ulteriori spazi occupati dal sodalizio, dove stanno poco a poco sistemando l’archivio ereditato dal defunto don Mario Gariup, la presidente Anna Wedam e alcuni membri del direttivo e soci hanno potuto presentare al ministro i temi che stanno a cuore alla settantina di associati. Tra le iniziative figurano senza dubbio l’insegnamento dello sloveno nelle scuole della valle e il mantenimento della tradizione dello sloveno in ambito religioso. Tutti i soci cercano in vari modi di contribuire a nuove opportunità per una sempre migliore convivenza nella Valcanale, in cui si parlano anche tedesco, italiano e friulano. Molto apprezzato è stato il fatto che il ministero dell’Istruzione sloveno, in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale per il Fvg, abbia messo a disposizione due insegnanti di sloveno per attuare appieno la sperimentazione plurilingue ministeriale.

Nella seconda parte della visita della delegazione guidata da Arčon in Valcanale, nella sala polifunzionale di Ugovizza/Ukve si è svolto un incontro, organizzato dal Centro/Središče Planika e coordinato dal suo vicepresidente Rodolfo Bartaloth, tra i rappresentanti della comunità slovena valcanalese, enti e organizzazioni della minoranza slovena in Fvg (tra cui Kmečka zveza, Unione regionale economica slovena, i direttivi provinciale e regionale di Skgz e quello provinciale di Sso) e Carinzia e sin-daci ed enti dei vicini comuni della Gorenjska e dello Zgornje Posočje. L’idea presentata dal ministro Arčon, che valuta la sperimentazione plurilingue a scuola come un’ottima precondizione, è stata quella di istituire un Gruppo europeo di cooperazione territoriale dei tre confini. I sindaci delle vicine zone della Slovenia e i partecipanti all’incontro hanno mostrato un certo interesse per la proposta. Va verificato cosa ne pensano i sindaci da parte italiana e carinziana. (Luciano Lister)

Srečanje v večnamenski dvorani v Ukvah/L’incontro nella sala polifunzionale di Ugovizza

Veliko priložnosti bi lahko ponudila ustanovitev Evropskega združenja za teritorialno sodelovanje ob tromeji, ministrsko eksperimentirnje večjezičnega pouka, in z njim pouk v vseh jezikih, ki zaznamujejo Kanalsko dolino, predstavlja zanimiva in spodbudna predpostavka. Tako misli minister Republike Slovenije za Slovence v zamejstvu in po svetu, Matej Arčon, ki je v ponedeljek, 27. novembra, prišel ibiskat slovensko skupnost v Kanalski dolini. Spremljala sta ga državna sektretarka na Uradu za Slovence v zamejstvu in po svetu, Vesna Humar, in generalni konzul Republike Slovenije v Trstu, Gregor Šuc.

Najprej je obiskal prostore Združenja Cernet v Ovčji vasi, kjer so ga sprejeli predsednica Anna Wedam in nekateri člani. V delno urejenih razširjenih prostorih, ki so ga opremili tudi s pomočjo Urada za Slovence v zamejstvu in po svetu, so člani izpostavili še posebej prizadevanja za pouk slovenščine v okviru večjezičnega ppuka v krajevnih šolah in prizadevanja za ohranjanje duhovne oskrbe v slovenskem jeziku.

Obisk se je nadaljeval s srečanjem, ki ga je organiziralo Središče Planika v večnamenski dvorani v Ukvah. Sestanka so se udeležili deželno in pokrajinsko vodstvo SKGZ-ja in pokrajinsko vodstvo SSO-ja ter predstavniki Združenja Cernet, SDGZ-ja, Kmečke zveze, Slovenske gospodarske zveze iz Celovca, Gornjesavskega muzeja Jesenice ter predstavniki Občin na zgornjem Gorenjskem in v Posočju. Vabilu so se tako odzvale Občine Gorje, Bovec, Kobarid in Kranjska Gora. Prav to srečanje se je zaključilo s predlogom ministra Arčona, da bi ustanovili Evropsko združenje za teritorialno sodelovanje ob tromeji. Treba bo preveriti, kaj o tem mislijo župani iz Kanalske in Železne doline in na Koroškem. Srečanje se je zaključilo s tiskovno konferenco, ki se je odvijala v prostorih Središča Planika.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp