16 Settembre 2019 / 16. september 2019

Europeada brez Benečanov
Europeada, Slavia fuori dai giochi

Alessio Codromaz

Ai calciatori delle valli del Natisone e del Torre, di Resia e della Valcanale non è garantita la possibilità di partecipare ai Campionati europei delle minoranze linguistiche che si svolgeranno dal 20 al 28 giugno 2020. La Federazione italiana gioco calcio ha, infatti, chiuso le porte della rappresentativa della minoranza slovena in Italia agli atleti che non militano in formazioni espressione della minoranza slovena. E in provincia di Udine tali squadre non ci sono.

L’esclusione viene considerata un’ingiustizia da Alessio Codromaz di San Pietro al Natisone, 25 anni, difensore, che all’europeo ci tiene a partecipare, eccome. Ma è in forza al Brian Lignano (già Brian Precenicco fino allo scorso campionato di Eccellenza), dunque una squadra non della minoranza. Lui però della comunità slovena si sente parte. Sarebbe come escludere dalla nazionale azzurra un calciatore italiano che milita in un campionato estero.

«La decisione della Figc del Friuli Venezia Giulia non è per niente giusta. Fa parte della minoranza anche chi è sloveno e gioca da un’altra parte. In questo modo viene preclusa un’opportunità a molti ragazzi», commenta.

Codromaz, studente del corso di laurea magistrale in Banca e finanza a Pordenone, è fratello di Roberto, difensore della Triestina, in serie C. Alessio è difensore centrale. Ha giocato in Slovenia, tre anni a Nova Gorica e un anno a Tolmin, poi è ritornato a giocare in Italia, sempre in Eccellenza.

Parlando della sua appartenenza alla minoranza slovena, dice: «Ho frequentato l’istituto comprensivo bilingue di San Pietro al Natisone dall’asilo fino alle medie. Parlo lo sloveno, anche con un compagno di squadra, e ho la doppia cittadinanza. Quella slovena l’ho ottenuta nel 2016».

L’«Europeada», così si chiama il campionato europeo di calcio delle minoranze linguistiche, è promosso dall’Unione federale delle nazionalità europee (Fuen) e si gioca ogni quattro anni. Il titolo di campione, sin dalla prima edizione, è detenuto dal Südtirol/Alto Adige. Nel 2016 è stato ospitato a Bolzano ed è stato organizzato dai sudtirolesi di lingua tedesca e ladina. L’edizione 2020 si giocherà in Carinzia per l’organizzazione degli sloveni d’Austria. Il motto è: «Insieme unici, celebriamo insieme l’unicità della nostra diversità in Europa».

«Penso che sarà un’occasione fondamentale. Non ci sono molte persone che capiscono le diversità: io in Italia sono sempre stato chiamato “sloveno”, in Slovenia, invece, “tujec”, straniero. La questione delle diversità rappresenta un tema molto importante e sarebbe bello confrontarsi con quelle di altri paesi. Mattia Cendou mi aveva accennato alla possibilità di poter giocare con altri ragazzi della minoranza slovena di Trieste e di Gorizia e mi è sembrato bello poter partecipare, perché quando ci si può unire è sempre un’opportunità per crescere», sottolinea Codromaz.

La sua speranza, come quella di altri valligiani nelle sue condizioni, è al momento delusa dalla Figc regionale. Ma la comunità slovena darà battaglia per poter schierare nella sua rappresentativa i suoi migliori calciatori, indipendentemente dalle squadre nelle quali militano.

Nogometaši iz Benečije, Rezije in Kanalske doline se ne bodo lahko udeležili evropskega nogometnega prvenstva jezikovnih manjšin. »Europeada« bo naslednje leto od 20. do 28. junija v Celovcu. Italijanska nogometna zveza FIGC iz Furlanije Julijske krajine trenutno ne dovoljuje, da bi ekipo slovenske manjšine v Italiji (»Žile«) sestavljali tudi nogometaši, ki ne nastopajo za slovenska društva. Nogometaši iz Benečije, Rezije in Kanalske doline so na ta način prikrajšani, saj v videnski pokrajini slovenskih nogometnih društev ni.

Na primer Alessio Codromaz iz Špietra, ki je star 25 let in se ima za Slovenca, zaradi odločitve zveze FIGC nima pravice, da bi zastopal slovensko manjšino v Italiji. Obiskoval je dvojezično šolo v Špietru od otroškega vrtca do srednje šole; od leta 2016 je poleg italijanskega pridobil še slovensko državljanstvo. Vpisan je v magistrski študijski program druge stopnje bančništva in finančništva v Pordenonu. Na nogometni ravni je igral tri leta v Novi Gorici in eno sezono v Tolminu; trenutno igra za moštvo Brian Lignano v elitni ligi. Njegov brat Roberto igra za člansko ekipo Triestina v prvi nogometni ligi.

»Odločitev zveze FIGC iz Furlanije Julijske krajine nikakor ni pravična. Pripadnik slovenske manjšine je tudi Slovenec, ki igra drugje. Tako raznim fantom preprečijo priložnost,« je izjavil Alessio Codromaz.

Slovenska skupnost v Italiji si bo pa prizadevala, da bi pomagala njemuin drugim nogometašem v podobni situaciji.

»Europeada« je člansko evropsko nogometno prvenstvo jezikovnih skupnosti, ki je nastalo v sklopu zveze FUEN (Federativne zveze evropskih narodnosti). Odvijala se je leta 2008, 2012 in 2016. Vse tri Europeade so doslej osvojili Južni Tirolci.

Naslednje leto se bo odvijala na Koroškem, sicer v organizaciji Slovencev v Avstriji pod geslom: »Skupno enkratni – skupaj praznujmo enkratnost raznolikosti v Evropi.« V Celovcu naj bi poleg domačih koroških Slovencev in Slovencev v Italiji nastopilo nadaljnjih 22 manjšin.