Elektrovod vse buj blizu_Elettrodotto sempre più vicino

Veliki, lahko bi rekli pošastni čezmejni elektrovod, je vse buj blizu. Tarka na naša vrata potle, ki je v pandiejak, 14. otuberja Evropska komisija potardila seznam 130 energetskih prioritetnih projektu v Evropski Uniji. Škoda je med njimi tudi povezava iz Okroglega do Vidna, ki bi vederbala Rečansko dolino – gre za teritorije kamunu Dreka, Sriednje in Podutana – in zadušila vsako mo¡nost turističnega razvoja. Projekt, za kater sta zainteresirani električni dru¡bi Terna iz Italije in Eles iz Slovenie, je predlagala Republika Slovenija, četudi elektrovod zbuja velike skarbi tudi v sosiednjim Posočju. Od elektrovoda iz Okroglega v Vidan se je začelo guoriti že lieta 2005. Po protestih, informativnih vičerih, srečanjih s predstavniki vlade Furlanije Julijske krajine in Republike Slovenije je bla Dežela oznanila, de ga bojo spejali po petim evropskim prometnim koridorju, se pravi po trasi hitre želieznice (ferovije), ki jo mislijo narditi po Krasu in južnji Furlaniji. Zatuo se je vse zdielo riešeno. Dvie lieti odtuod je pru Dom odkriu in objavu novico, bluo je 15. novemberja 2011, de Terna in Eles imata šele v pameti čezmejni elektrovod iz Kranjske do Vidna skuoze Posočje in Nediške doline. Tuole je sprožilo novo zanimanje tudi par drugih medijah na italijanski in slovenski strani. Šindiki in župani so vprašali pojasnila v Tarstu in Ljubljani, a nieso imieli odgovora. Našemu petnajstdenviku je 26. marca 2012 uspelo iz Direktorata za energijo par slovenski Vladi dobiti potrditeu, de projekt za povezavo Okroglo-Ljubljana zaries obstaja na trasi, ki bi šla po naših dolinah. Luja lietos so o daljnovodu parparvli informativni vičer v Špietru, na katerim so predstavniki lokalnih uprau iz Benečije in Posočja izrazili voljo, de se bojo pruoti elektrovodu kupe borili. Hmalu je tudi Kmečka zveza parpravla dokument, v katerim je jasno napisala, de bi taka energetska infrastruktura dala zadnji žlah kmetijstvu in turizmu v Nediških dolinah. Šetemberja je tolminski župan Uroš Brežan v Državnem svetu, katerega je član, dau pobudo, naj se za povezavo iz Okroglega v Viden gledajo alternativne rešitve, ki bi na takuo močnuo škodovale okolju (ambientu). Elektrovod bo težkuo ustaviti, saj gre za velike ekonomske interese. Zadost je pomisliti, de bo Evropska Unija za projekte, ki jih je sparjela ku prioritetne, namenila skor 6 milijard evru. Pru sigurno pa je, de je še buj močan interes naših ljudi v Benečiji in Posočju obvarvati zdrau in liep teritorij, na katerim žive in na katerim bojo živieli njih otroci. Zgodovina kaže, de muoč majhanih ljudi, če so kupe in dielajo pametno, lahko premaga tudi te narbuj žleht velikane.

Il fantasma elettrico che terrorizza le Valli del Natisone si sta materializzando. Sempre più concretamente. Un altro passo, forse quello decisivo, verso la realizzazione dell’elettrodotto transfrontaliero da Okroglo a Udine attraverso il Posočje (alta valle dell’Isonzo) è stato compiuto lunedì 14 ottobre a Bruxelles. La Commissione Europea, infatti, su proposta della Slovenia, ha inserito la discussa iniziativa di Eles e Terna nell’elenco del 130 progetti energetici prioritari, che nel periodo 2014-2020 potranno accedere ai 5,8 miliardi di euro di fondi europei nell’ambito dello strumento per il collegamento dell’Europa. La notizia dell’approvazione dell’elenco non ha mancato di suscitare reazioni nella Slavia come nell’alta valle dell’Isonzo, dato che la costruzione dell’elettrodotto transfrontaliero avrebbe un forte impatto ambientale su entrambi i territori e potrebbe rappresentare il colpo di grazia agli sforzi per lo sviluppo turistico delle Valli del Natisone. Preoccupa il fatto che i 130 progetti energetici avranno diritto a una corsia preferenziale nell’accesso ai fondi europei e una forte riduzione nei tempi di assegnazione. «Non sono contrario aprioristicamente a un’opera del genere, ma non deve essere realizzata in un territorio che non la può sostenere. La mia posizione coincide con quella dei sindaci che chiedono di non farlo passare attraverso le Valli del Natisone, perché la conformazione territoriale è tale che un’opera del genere andrebbe a stravolgere tutto il sistema, costringendo a dire addio anche a quel minimo di richiamo turistico che oggi c’è», ha commentato a Radio Spazio 103 Giuseppe Sibau, consigliere regionale di Autonomia responsabile e per 14 anni sindaco di San Leonardo. Lo stesso Sibau, nella serata informativa tenutasi a fine luglio a San Pietro al Natisone, aveva promesso un’interrogazione sull’argomento alla Giunta regionale, ma finora non è stata depositata. Si è mosso, invece, il sindaco di Tolmino, Uroš Brežan, che tramite il Consiglio di Stato (la Camera alta del Parlamento sloveno), della quale è membro, ha inviato una puntuale richiesta di spiegazioni al Governo sloveno. Il progetto di elettrodotto transfrontaliero a metà degli anni Duemila aveva provocato una fortissima reazione – raccolta di firme, manifestazioni, opposizione delle amministrazioni locali – sia sul versante italiano che su quello sloveno. La vicenda sembrava essersi chiusa positivamente nell’autunno 2007, con l’allora assessore regionale alle Infrastrutture, Lodovico Sonego, che aveva assicurato che la nuova linea elettrica transfrontaliera ad altissima tensione sarebbe stata interrata lungo il tracciato della linea ferroviaria del quinto corridoio europeo. Esattamente due anni fa, però, Aldevis Tibaldi, portavoce del comitato che da anni si batte contro la linea elettrica aerea nella Bassa Friulana, aveva informato che la Slovenia aveva trasmesso al governo italiano il suo piano energetico nazionale, comprendente anche la linea Okroglo-Udine, da realizzare in collaborazione tra le rispettive società di trasporto, Terna ed Eles. La notizia, rilanciata proprio dal Dom, ha fatto suonare il campanello d’allarme sia sul versante italiano che su quello sloveno. Ancor più dopo che, nella primavera del 2012, fonti governative di Lubiana hanno confermato al nostro quindicinale l’esistenza del progetto e la volontà di far passare la linea attraverso Posočje e Valli del Natisone. Ora, dopo la recente decisione della Commissione Europea, il megaelettrodotto è molto più di una minaccia. Al quotidiano lubianese «Delo» l’operatore energetico Eles ha rivelato – la notizia è del 22 ottobre – di aver concordato con Terna già due anni fa l’ingresso della linea ad altissima tensione in Italia sul Kolovrat, a sud di Solarje.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp