16 Marzo 2018 / 16. marec 2018

»Dreške pierhe« na Ojčinco na Briegu
Decoriamo le uova a Clabuzzaro

D8pierhiruštvo Kobilja glava v nedeljo, 25. marca (na Ojčinco), od 14. ure napriej, naprav’ na Briegu/Klabučaru v dreškem kamunu, pri gostilni »Al Kolovrat«, tradicionalno delavnico za dekoracijo pierhu (dreške pierhe), se pravi naravnih velikonočnih jajc. Tehnika dekoracije je »praskanka«. Jajca se pofarbajo med kuhanjam, natuo se z adnim nozičjam popraska farba, takuo de ostane tazdol diženj, ki se ga čé narest. Trieba je ahtat, de se na ice ubije! Tala tehnika je popunoma naravna an tudi otroc’ jo morejo lahko pravat, če majo blizu kakega velikega, de jim pomaga. Tala navada, k’ se jo je bluo malomanj pozabilo, se je ponovila že kako lieto nazaj s pomočjo skupine žen Kobilje glave. Tudi lietos bojo gospe iz Poljubinja pri Tolminu pokazale, kuo v sosednji vasi parpravljajo pirhe s tehniko »batik«. Adne jajca, ki jih je nardila Lucia Trusgnach-Škejcova iz Ocneberda, kup’ z nje drugim’ umetniškim dielam’, bojo razstavljene od 6. obrila v Beneški galeriji v Špietru.

Nella Domenica delle Palme, il 25 marzo, alla trattoria «Al Kolovrat» di Clabuzzaro/Brieg (in comune di Drenchia/Dreka) il circolo Kobilja glava organizza dalle 14.00 il tradizionale laboratorio di decorazione delle uova di Pasqua («pierhe»).

La tecnica di decorazione tipica a Drenchia è quella «a graffio» («praskanka»). Le uova vengono colorate durante la cottura, dopodiché il colore viene graffiato con un taglierino, in modo che sull’uovo resti il disegno desiderato. Bisogna fare attenzione a non uccidere l’uovo! Questa tecnica è del tutto naturale e anche i bambini, aiutati da un adulto, vi si possono cimentare. Finita quasi nel dimenticatoio, già da qualche anno questa usanza ha ripreso vigore grazie al gruppo delle donne del Kobilja glava. Anche in questa edizione alcune signore di Poljubinj (in comune di Tolmin) mostreranno come nel paese vicino le pierhe vengano preparate con la cera colorata, secondo la tecnica del «batik». Alcune uova realizzate da Lucia Trusgnach-Škejcova di Oznebrida/Ocneberdo, assieme a altre sue opere, saranno in esposizione fino al 6 aprile alla Beneška galerija di San Pietro al Natisone/Špietar.