Do papeža za mašo v slovenščini_Fino al papa per la messa in sloveno

Ministrica za Slovence v zamejstvu in po svetu dr. Helena Jaklitsch se je 21. novembra preko videokonference srečala s škofom msgr. dr. Petrom Štumpfom, pristojnim za Slovence v zamejstvu in po svetu, ter predstavniki Slovencev iz Kanalske doline in Benečije, predsednico Združenja don Mario Černet Anno Wedam, urednikom časopisa Dom Eziom Gosgnachom ter predsednikom Združenja don Evgen Blankin Giorgiem Banchigem. Ministrica in sogovorniki iz Videnske pokrajine so škofu Štumpfu predstavili pereč problem pomanjkanja slovenskih duhovnikov, s katerim se srečujejo v zadnjem obdobju. Splošno pomanjkanje duhovnih poklicev je beneške in Kanalsko dolino še posebej prizadelo. V Kanalski dolini nimajo več slovenskega duhovnika, v Nediških dolinah pa sta ostala le še dva ostarela duhovnika. Vsa dosedanja prizadevanja in prošnje, ki so jih naslavljali na cerkvene in politične naslovnike, niso obrodila sadu, saj trenutno vodstvo krajevne cerkve ni naklonjeno manjšinam. Slovenski kulturni prostor, ki sega tudi na vidensko in v Kanalsko dolino, je tradicionalno močno povezan z verskim življenjem ljudi. Zato je bil na današnjem srečanju izpostavljen pomemben vidik ohranjanja slovenstva, ki pa ga tuj duhovnik, četudi se nauči slovenskega jezika, ne more zagotavljati. V te doline mora priti slovenski duhovnik, ki razume slovensko dušo, ki spoštuje in ohranja slovenske verske običaje. Doline doživljajo pravi preporod prav s slovenskimi duhovniki, to bogato kulturno in versko življenje pa pritegne tudi mlade, kar je zagotovilo ohranjanja slovenstva na tem območju. Škof Štumpf je z zanimanjem prisluhnil vsem sogovornikom in jim zagotovil svojo podporo. Tematiko bo izpostavil na Slovenski Škofovski konferenci, za kar se mu je ministrica iskreno zahvalila. (www.gov.si)

Dopo la vasta eco della conferenza stampa organizzata a Ugovizza dall’associazione «don Mario Cernet» per richiamare l’attenzione sull’assenza di servizio pastorale in lingua slovena in Valcanale, la questione della presenza delle lingue locali nelle parrocchie di Benecia, Resia e Valcanale è arrivata nelle sedi istituzionali. Della vicenda si è occupato il consiglio permante della Conferenza episcopale slovena nella riunione del 23 novembre. Nei giorni precedenti, su iniziativa della ministra per gli Sloveni d’oltreconfine e nel mondo, Helena Jaklitsch, il vescovo di Murska Sobota e delegato per le minoranze slovene e la diaspora, mons. Peter Štumpf, aveva voluto fare il punto della situazione direttamente con alcuni rappresentanti delle associazioni di ispirazione cattolica degli sloveni della provincia di Udine. Ne è emerso che nell’Arcidiocesi ormai sono presenti solo due sacerdoti di lingua slovena, ai quali vanno aggiunti alcuni sacerdoti e religiosi di lingua friulana e italiana che hanno davvero a cuore le sorti dei fedeli di lingua slovena e si sforzano di usare anche la loro lingua nelle celebrazioni. Si tratta, in ogni caso, di iniziative sporadiche e lasciate alla buona volontà dei singoli, in quanto non c’è un impegno organico della Chiesa Udinese a favore delle lingue locali – anche per il friulano e il tedesco –, seppure tale sollecitudine sia contemplata dalle Costituzioni sinodali. Il caso limite è proprio la Valcanale, dove un religioso sloveno, dopo un anno di proficuo servio pastorale, non è stato confermato. «Tutte le richieste rivolte ai responsabili ecclesiastici e politici non hanno dato frutto, perché gli attuali vertici della Chiesa locale non sono favorevoli alle minoranze linguistiche », si legge nel comunicato emesso dall’Ufficio governativo per gli sloveni d’oltreconfine e nel mondo. Pertanto, ora la Conferenza episcopale slovena attiverà i canali che riterrà più adatti per dare una risposta alle esigenze che salgano dalle comunità. Già nella conferenza stampa di Ugovizza era stata prospettata l’eventaulità di rivolgersi direttamente alla Santa Sede e allo stesso Papa che, come confermato anche da mons. Štumpf, è molto attento ai diritti delle minoranze.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp