Da bi izboljšali javne storitve_Per migliorare i servizi pubblici

In questo numero del Dom portiamo a conoscenza delle iniziative riferite al Programma di interventi per razionalizzare e migliorare i servizi a favore della popolazione montana residente nelle Valli del Natisone e del Torre, che interessa un totale di 14 comuni.

Premettiamo che questo programma è finanziato dall’amministrazione regionale, la quale è autorizzata a definire e finanziare un programma di interventi rispondenti alla finalità della strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne del Paese, delineata nell’accordo di partenariato per l’utilizzo dei fondi strutturali e di investimento europei assegnati all’Italia per il ciclo di programmazione 2014-2020 e con riferimento al territorio montano della zona omogenea del Torre, Natisone e Collio.

Le aree interne sono i comuni italiani più periferici, in termini di accesso ai servizi essenziali (salute, istruzione, mobilità).

La Regione Friuli-Venezia Giulia nel 2015 ha preso atto delle conclusioni dell’attività istruttoria di selezione delle aree interne del Friuli-Venezia Giulia, condotta dal Comitato nazionale aree interne, passo necessario per la definizione dei progetti d’area finalizzati a sostenere i sistemi socio-economici di aree marginali nelle quali, tra l’altro, si è verificata nei decenni una costante riduzione della popolazione.

Le aree interne della regione Friuli-Venezia Giulia, che usufruiscono anche dei fondi statali, sono tre: Alta Carnia (22 comuni); Dolomiti friulane (17 comuni); Canal del Ferro-Val Canale (8 comuni). Le Valli del Natisone e del Torre, pur in presenza di indicatori idonei alla classificazione di area interna, erano state escluse dal programma.

La Regione Friuli-Venezia Giulia, amministrazione Serracchiani, con la legge di stabilità (art. 2, commi 46-50, della legge regionale 20/2015) aveva stabilito di finanziare con 620 mila euro il primo programma di interventi. Anche l’amministrazione Fedriga ha proseguito con l’erogazione di questi finanziamenti.

Per quest’anno, con la Legge di stabilità 2020, la Giunta regionale ha destinato 450 mila euro (300 mila di spesa corrente e 150 mila per spesa in conto capitale) per le finalità dell’art. 2, l.r. 20/2015 così suddivisi: ambito del Torre 202.500 euro, ambito del Natisone 247.500 euro. Lo scorso 9 ottobre è stato sottoscritto un nuovo protocollo di intesa tra Comuni e Regione, che conferma le linee d’intervento per l’integrazione del programma già concordate. La funzione di capofila del programma è stata affidata al Comune di San Pietro al Natisone, che così sostituisce il Comune di Faedis, precedentemente capofila.

Interventi rivolti alla popolazione scolastica

Investimenti per l’adeguamento o il miglioramento delle strutture scolastiche (lavori, impianti, attrezzature e dotazioni didattiche, dotazioni informatiche, arredi).

Trasporto scolastico: esternalizzazione del servizio di trasporto; miglioramento ed estensione del servizio (attività didattiche esterne, servizio di accompagnamento, riduzione degli oneri di gestione, coordinamento con i servizi di linea, ecc.).

Offerta formativa, attività scolastiche integrative e di doposcuola, pre- e post-accoglienza scolastiche, relazioni scuola-famiglia: arricchimento o miglioramento dell’offerta formativa, nonché attività scolastiche integrative (ampliamento delle attività a favore di alunni con bisogni educativi speciali, potenziamento dell’insegnamento della lingua inglese o di altra lingua straniera, attività laboratoriale, visite di studio, educazione musicale, attività motoria e sportiva, “sportello compiti” e doposcuola, interazione scuola-istituzioni culturali locali, ecc.); servizio di accoglienza e vigilanza nei plessi in orario non scolastico; refezione pomeridiana; miglioramento od oneri straordinari del servizio di mensa; progetti su temi o situazioni riguardanti l’età evolutiva o le attività scolastiche, che prevedano il coinvolgimento dei genitori e delle famiglie degli alunni.

Offerta di servizi nel periodo estivo di chiusura dell’attività scolastica: realizzazione di centri vacanze.

Interventi rivolti alla popolazione anziana

Salute e socialità: investimenti per l’adeguamento o il miglioramento di strutture residenziali per anziani che offrono assistenza sanitaria o assistenza alla persona (lavori, impianti, attrezzature e dotazioni speciali, arredi); attività finalizzate a contrastare la perdita di ruolo sociale e ad assicurare il benessere psico-fisico (socializzazione inter-generazionale, attribuzione di ruoli positivi nella comunità, attività motoria, soggiorni estivi, ecc.).

Mobilità: servizi di trasporto per assicurare la mobilità richiesta da bisogni di cura o assistenza o da attività finalizzate a garantire una adeguata qualità di vita nel proprio ambiente familiare e sociale, con possibilità di estendere il servizio a disabili e altre persone.

Interventi per la salute

Investimenti per l’acquisto di defibrillatori da posizionare in strutture aperte al pubblico o in luogo pubblico e attività di formazione all’uso dei defibrillatori.

Gli interventi programmati dai comuni riguardano generalmente la continuazione di iniziative già avviate gli anni scorsi. (F. C.)

V Nediških in Terskih dolinah bodo izvajali Program ukrepov, da bi racionalizirali in izboljšali storitve namenjene gorskemu prebivalstvu. Program, ki ga financira uprava Dežele Furlanije-Julijske krajine, izvajajo v 14 občinah. Dežela Furlanija-Julijska krajina je pooblaščena za določitev in financiranje programa ukrepov, ki odgovarjajo vsedržavni strategiji za razvoj notranjih območij Italije. Strategijo določa partnerski sporazum za izkoriščanje evropskih strukturnih in investicijskih sredstev v obdobju 2014-2020. Notranja območja so obrobna območja, še posebej z ozirom na dostop do nujnih storitev.

Ukrepom, ki jih bodo v Nediških in Terskih dolinah izvajali v okviru Programa, je letos deželna uprava namenjala skupnih 450.000 evrov. Območju Ter je sicer namenjala 202.500 evrov; območju Nediža pa 247.500 evrov.

Za šolsko prebivalstvo bodo izvajali ukrepe na področju izboljšanja šolskih poslopij, šolskih prevozov, izobraževalne ponudboe šolskih dejavnosti, časa pred in po pouku, odnosov med šolo in družinami, organiziranja poletnih središč.

Starejšemu prebivalstvu so namenjeni ukrepi, da bi posodobili ali izboljšali domove za starejše ljudi, ki ponujajo zdravstveno nego ali oskrbo. Izvajali bodo tudi dejavnosti, da bi izboljšali psihofizično stanje starejših. Finančno bodo podpirali prevozne storitve, še posebej da bi zagotovili zdravstveno nego ali oskrbo. Storitev bodo po možnosti ponudili še invalidom ali drugim osebam.

Na področju zdravja bodo kupili defibrilatorje in organizirali izobraževalne dejavnosti o njihovi uporabi.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp