Cendou, Cecutti in Zanette župani_Cendou, Cecutti e Zanette sindaci

VolitveMed kamuni, v katerih v videnski provinci žive Slovenci, so v nediejo, 11. junja, vebrali novega šindaka in občinske svete (kamunske konseje) v treh kamunah, tuo je v Sauodnji, Tipani in na Trbižu.
Germano Cendou bo sauonski šindik še pet liet. Na volitvah je s svojo Listo občanu parjeu 61,39 par stuo glasu (vse kupe 160) in močnuo premagu pruotikandidata Roberta Trinca (30,60 par stuo, 101 glas), ki je imeu za sabo listo Quota 1641.
Takuo zgleda novi občinski svet (kamunski konsej). Večina: Germano Cendou (šindik), Patrizia Cernoia (40 preferenc), Tatiana Bragaglini (33), Fabio Trinco (33), Ezio Mazzarella (24), Nico Sinuello (16), Matteo Golop (14), Paolo Cernotta (11) in Alex Cromaz (9); opozicija: Roberto Trinco (neizvoljen kandidat za šindika), Dino Azzolini (27), Sandra Cudrig (26) in Cinzia Gosgnach (14).
V Tipani je biu izvoljen za šindika Alan Cecutti, ki je kandidiru za listo Noi il fiume e la montagna. Tudi njegà je močna zmaga, saj je zanj glasovalo 61,36 par stuo voliucu (236 glasu), medtem ko je Natascia Comelli (lista Gente nuova per ricominciare) parjela 37,50 par stuo glasu (132). Te trečji kandidat, Luca Plozner za listo Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, je parjeu samuo 4 glasove (1,14 par stuo).
Takole je sestavljen občinski svet. Večina: Alan Cecutti (šindik), Sabina Semic (68 preferenc), Michele Tomasino (61), Armando Noacco (29), Anita Tomasino (28), Walter Sedola (23), Paolo Vazzaz (22), Marjan Pascolo (11) in Riccardo Vazzaz (11); opozicija: Natascia Comelli (neizvoljena kandidatka za županjo), Annalisa Balloch (35), Gianni Albertini (27) in Claudio Balloch (25).
Na Tarbižu je novi župan Renzo Zanette, ki je biu do sada podžupan. Parjeu je 58,81 par stuo glasu. Podperjali sta ga listi Lega Nord (18,17 par stuo) in Con Zanette Forza Italia Berlusconi (40,01). Franco Fontana je parjeu 26,66 par stuo glasu, lista Rilanciamo Tarvisio, ki ga je podperjala pa 27,52 par stuo. Franco Baritussio je biu trečji s 14,53 par stuo, njega lista Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale Vivi Tarvisio je parjela pa 14,30 par stuo.
V novem občinskem svetu ima lista Con Zanette Forza Italia Berlusconi osam mest, lista Rilanciamo Tarvisio štieri mesta, Lega Nord tri mesta, lista Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale Vivi Tarvisio dvie mesti. (Ezio Gosgnach)

6CendouNon se l’aspettava nemmeno lui un’affermazione così netta. Germano Cendou, sostenuto dalla Lista civica, è stato confermato sindaco di Savogna con il 61,39 per cento dei voti (160), mentre lo sfidante, Roberto Trinco, con la lista Quota 1641, si è fermato al 30,60 per cento (101 voti).
«Ringrazio tutti coloro che ci hanno votato e credono nel nostro programma. Questo forte sostegno ci spinge a lavorare per la nostra comunità con un impegno ancora maggiore. Senza mai dimenticare che abbiamo sempre meno gente e sempre più problemi. L’obiettivo è di riuscire a tenere i giovani, per pochi che siano, sul nostro territorio», commenta Cendou.
Quanto ai progetti concreti, dice di voler puntare molto sulla crescita del polo di Vartača. «L’idea è di realizzare lì un parco avventura, che rappresenterebbe un forte richiamo turistico e potrebbe dare lavoro stabile ad almeno un paio di persone», spiega il sindaco. C’è poi da garantire il funzionamento lungo tutto l’anno (ora è usata solo d’estate) della struttura ricettiva per gruppi nell’ex scuola di Cepletischis.
Per il Matajur ci sono lamentele per la chiusura del rifugio «Pelizzo» nel periodo invernale. «Non mi sembra una questione fondamentale, anche perché ogni domenica lungo tutto l’anno è garantito il funzionamento del rifugio Dom na Matajure e nel paese di Montemaggiore c’è il circolo della Pro loco, che è bene venga frequentato anche dai turisti. Sonderemo comunque il terreno per capire se c’è possibilità di ampliare il periodo di apertura del Pelizzo, ma se avremo successo dovremo affrontare l’onere della pulizia della strada dalla neve», dice Cendou. Per l’osservatorio astronomico, inaugurato e mai aperto, ha informato l’Uti, ora proprietaria dell’immobile, della rinuncia alla gestione da parte dell’Afam di Remanzacco. «Sembra che ci sia un interesse del circolo astronomico di Farra d’Isonzo e anche di quello di Nova Gorica».
Uno dei successi della prima amministrazione Cendou è stata la riapertura della scuola dell’infanzia di Savogna, dove da tre anni è ospitata una sezione dell’asilo bilingue. «Proprio alla festa di fine anno scolastico, nei giorni scorsi, la dirigente dell’istituto comprensivo, Sonja Klanjšček, mi ha comunicato che intendono proseguire l’esperienza da noi, visto che le iscrizioni ci sono. Questo mi rende felice. I bambini rendono vivo il paese».
A proposito dell’Uti, il confermato sindaco di Savogna spera che il da poco costituito subambito delle Valli del Natisone porti nuova unità d’intenti tra i sette Comuni. «Se riusciremo davvero a parlare con una voce sola e a portare avanti un’idea di sviluppo anziché sette saremo più forti e di certo riusciremo a realizzare qualcosa di buono per la nostra gente».

6CecuttiSull’affermazione di Alan Cecutti, eletto sindaco di Taipana con il 61,36 per cento (263 voti), mentre Natascia Comelli (lista «Gente nuova per ricominciare») si è fermata al 37,50 per cento (132) e solo l’1,14 per cento (4 voti) ha avuto il terzo candidato, Luca Plozner di Fratelli d’Italia-Allenaza Nazionale, pesa l’alta astensione.
Solo il 37,59 per cento degli aventi diritto si è recato alle urne. Il nuovo primo cittadino imputa questo dato ai molti residenti assenti il giorno del voto e ai molti iscritti all’anagrafe degli italiani all’estero, in realtà la diserzione delle urne va sicuramente ricercata anche nelle vicende della precedente amministrazione, che ha visto la maggioranza spaccarsi sull’adesione all’Unione territoriale intercomunale del Torre (Uti), con conseguenti dimissioni del sindaco Claudio Grassato e dello stesso Cecutti, allora vicesindaco, che hanno portato al commissariamento. Anche per questo il neosindaco mette tra le priorità la necessità di «riavvicinare» la popolazione all’amministrazione.
«Comunque già in campagna elettorale ho sentito la gente vicina e il risultato ha premiato la nostra lista, composta in gran parte da giovani portatori di nuove idee, e il nostro programma di rinascita per il territorio, sul quale ci confronteremo subito con le realtà associative e le piccole iniziative imprenditoriali locali. Fondamentale è anche lavorare in stretta collaborazione con i Comuni vicini, compreso quello di Kobarid, in Slovenia, con il quale abbiamo già parlato di azioni comuni in chiave di progetti europei, in primo luogo nel settore turistico», dice Cecutti.
Una prima iniziativa dovrebbe essere l’attivazione di un mini bus turistico transfrontaliero nel fine settimana.
Un impegno importante è tenere aperte le scuole dell’infanzia e primaria, che ad ogni anno scolastico devono fare i conti con un esiguo numero di iscritti. «Ci potremo riuscire solo se con nuove opportunità di occupazione diventeremo attrattivi per le giovani famiglie. E qui da noi bisogna garantire anche l’insegnamento dello sloveno».
È stato il commissario regionale a portare Taipana nell’Uti del Torre; la nuova amministrazione intende restarci? «Ormai siamo dentro e non ha senso fare passi indietro. Stare nell’Unione presenta aspetti positivi per il funzionamento degli uffici e per garantire servizi alla popolazione. Per lo sviluppo del territorio va trovato un equilibrio tra comuni deboli e comuni forti. Dobbiamo guardarci negli occhi e lavorare insieme Valli del Torre e anche Valli del Natisone, perché la gente lo vuole, sente questa esigenza».
Cecutti fa sapere, infine, che nominerà la giunta municipale nel giro di pochi giorni.

6ZanetteNel segno della continuità amministrativa il voto a Tarvisio. Il vicesindaco uscente, Renzo Zanette, è diventato sindaco. Sostenuto da Forza Italia e Lega Nord, ha superato nettamente i suoi avversari, ottenendo il 58,8% dei voti. Franco Fontana, con la lista «RilanciAmo Tarvisio», si è fermato al 26,66% con 681 voti. Franco Baritussio di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale-Vivi Tarvisio ha ottenuto il 14,53%.
Nel nuovo consiglio comuale la maggioranza conta su 8 seggi di Forza Italia (sindaco compreso) e 3 di Lega Nord. All’opposizione 4 consiglieri di RilanciAmo Tarvisio e due di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale-Vivi Tarvisio.
Nelle prime dichiarazioni, il neosindaco ha sottolineato che una vittoria così ampia è merito dell’ottimo lavoro fatto negli ultimi dieci anni dalle amministrazioni guidate da Renato Carlantoni. Assicurando di voler essere il sindaco di tutti, «dei cittadini che mi hanno votato e di quelli che hanno scelto gli altri candidati», ha affermato di volersi mettere subito al lavoro. «Dobbiamo mettere al centro dell’impegno lo sviluppo economico per creare occupazione e così contrastare lo spopolamento», ha detto.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp