Casa della comunità a Canebola_Dom skupnosti v Čeneboli

Sabato 08 settembre è stata inaugurata a Canebola di Faedis la ”Casa della Comunità- Dom Skupnost”. Grazie ad un contributo erogato dalla Comunità Montana del Torre Natisone Collio, per i territori in cui è insediata la minoranza slovena, si potrà così riconsegnare alla Comunità di Canebola un edificio di tre piani completamente ristrutturato ed arredato. L’Amministrazione Comunale di Faedis aveva provveduto negli anni scorsi a riscattare dalla Curia udinese il vincolo di destinazione d’uso di quella che era la canonica della frazione e grazie ai contributi ricevuti è riuscita a trasformarla in una struttura a servizio della Comunità. Il complesso ospiterà stanze per il gioco, una piccola biblioteca, spazi per le associazioni locali ed anche tre camere da letto che daranno una piccola possibile ricettività turistica. L’intervento riveste una particolare importanza non solo per la decisone di credere, dando servizi ed opportunità, nelle frazioni montane del Comune ma anche perchè Canebola è una delle realtà che meno ha subito lo spopolamento delle nostre vallate; è abitata ancora da molte famiglie e da molti giovani e soprattutto ha mantenuto un senso della Comunità e dell’attaccamento al proprio paese che renderà sicuramente viva e funzionale la nuova struttura. All’inaugurazione sono state invitate autorità Italiane e Slovene a testimonianza che non solo i confini sono definitivamente caduti ma che ora possono diventare straordinarie opportunità a partire dai valichi, come quello di Robedischis alle porte di Canebola, sempre più frequentati. Dopo gli interventi ufficiali la giornata si è conclusa con un concerto di gruppi musicali Sloveni ed Italiani.

V soboto 8. setemberja so v vasi Čeniebola odparli Dom skupnosti. S sudi, ki jih daje lec, ki varje slovenski jezik in kulturo, je kamun Fojda prerunu stari faruž. V hramu so sada prestori za otroške igre, za malo biblioteko in za vaška društva. Napravili so tudi tri kambre za turiste. Za odpartje je blo veselo. Paršli so tudi iz sosednjih vasi v Sloveniji. Šindik Cristiano Shaurli pravi, de “je Dom skupnosti velika pardobiteu za vas, ki je šele živa in močna. Sada bo imiela še vič možnosti, de bi rastla v kulturi in turizmu”. Po odpartju je bil koncert skupin z italijanske in s slovenske strani. V nediejo 9. setemberja so v Čenieboli imieli pa velik senjam Svete Marije Bandimince.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp