3 Gennaio 2018 / 3. januar 2018

V Čedadu praznovali Dan emigranta
Festeggiato il «Dan emigranta»

dorfmann300x285Dan emigranta, narguorš kulturna in politična prireditev Slovencu v Benečiji, Reziji in Kanalski dolini, je biu na guod Svetih Treh kralju, v saboto, 6. ženarja  uri v teatru Ristori v Čedadu. V imenu slovenskih organizacij je ob 50-lietnici zveze Slovenci po svetu guoriu nje direktor Renzo Mattelig. Ku predstavnik politničih inštiucij je guoriu pa evropski parlamentarec iz Južne Tirolske Herbert Dorfmann, ki je poviedu, de zaščita in vrednotenje jezikovnih manjšin parnaša dobro življenje in bogatijo deželi. Pozdravili so tudi čedajski šindik Stefano Balloch, predstavnik Državnega sveta Republike Slovenije Tomaž Horvat in predsednik Deželnega sveta Furlanije Julijske krajine Franco Iacop. Barski oktet jezapieu piesmi iz Terske doline, Beneško gledališče je pokazalo komedijo «Tarije na pingulauki».

Il Dan emigranta è la festa più grande e più importante per gli sloveni della provincia di Udine. Anche quest’anno l’appuntamento ha avuto luogo il 6 gennaio nel teatro Ristori a Cividale. A nome degli sloveni della provincia di Udine ha parlato Renzo Mattelig, direttore dell’Unione emigranti sloveni, che festeggia quest’anno il cinquantesimo di fondazione. Il saluto della città di Cividale è stato portato dal sindaco, Stefano Balloch, quello del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia dal presidente, Franco Iacop, quello del Consiglio di Stato della Repubblica di Slovenia da Tomaž Horvat. L’eurodeputato sudtirolese Herbert Dorfmann, nel suo discorso, ha sottolineato come una forte tutela e valorizzazione delle minoranze linguistiche porti benessere sociale ed economico alle regioni da esse abitate. Il programma culturale ha compreso il concerto del «Barski oktet» e la commedia «Tarije na pingulauki» della filodrammatica «Beneško gledališče».