2. svetovna vojna v stripu (27)_La 2ª guerra mondiale a fumetti (27)

Lieta 1945  je končala druga svetovna vojska. Kar se je pred njo, med njo in po nji gajalo v Benečiji, je lazajnski famoštar g. Antonio Cuffolo (1889-1959) napisu v dnevnikah po slovensko in po italijansko. V drugi pregledani in dopunjeni izadaji, ki jo je urediu Giorgio Banchig, sta izšla par zadrugi Most lieta 2013.  Moreno Tomasetig je slovenski Cuffolu dnevnik spravu v strip , ki ga bomo v beneškoslovenskem dialektu obljavljali v vsaki številki Doma. To je dvajseto nadaljevanje.

poglej prejšnje 26. nadaljevanje

Nel 70° della fine della seconda guerra mondiale (1945), Moreno Tomasetig ha trasformato in fumetto i diari del parroco di Lasiz, don Antonio Cuffolo (1889-1859). In questa puntata.  Il 29 settembre 1943 il sacerdote annota di essere intervenuto presso i partigiani per salvare la vita all’ex podestà e al locale segretario del fascio, che avrebbero dovuto essere fucilati. L’Italia è divisa tra Repubblica Sociale, con i tedeschi, e Regno del Sud, con gli Alleati. Noi non siamo con nessuno dei due perché abbiamo la nostra Repubblica di Caporetto, commenta don Cuffolo. Il sacerdote raccoglie 25 mila lire per un centinaio di ex prigionieri inglesi, che vogliono ragiungere la Dalmazia, per fare ritorno più facilmente in patria. E si stupisce della comparsa dei partigiani con la stella rossa, mentre i locali hanno sulla bustina il tricolore sloveno. Apprende anche che sono giunti in rinforzo ai tedeschi reparti cosacchi e mongoli. Il 4 ottobre da Bari il re lancia l’appello a tutti gli italiani a rivoltarsi e liberarsi dal giogo fascista e tedesco. (27 – continua)

guarda la precedente 26ª puntata

Moj dnevnik 27

 

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp