1° febbraio Giornata della Vita_Pred cerkvami prodaja piskulin

Nelle valli del Natisone la Caritas foraniale domenica 1 febbraio organizza la vendita delle primule davanti alle chiese nelle singole frazioni. Il ricavato verrà devoluto al Centro di aiuto alla vita di Udine, alla cooperativa il Melograno di Reana e alla Caritas foraniale per aiutare le persone bisognose sul territorio, il cui numero è in sensibile crescita.
«Che mondo lasceremo ai figli, ma anche a quali figli lasceremo il mondo?». Parte da questa preoccupazione il messaggio dei vescovi per la 37ª Giornata per la vita  che la Chiesa italiana celebra domenica 1 febbraio. «L’aborto – spiegano i vescovi – è una delle cause di questa situazione, impedendo ogni anno a oltre centomila esseri umani di vedere la luce».
Nel messaggio, intitolato «Solidali per la vita», si legge che, «quando una famiglia si apre ad accogliere una nuova creatura, sperimenta nella carne del proprio figlio ”la forza rivoluzionaria della tenerezza” e in quella casa risplende un bagliore nuovo non solo per la famiglia, ma per l’intera società», ma «il preoccupante declino demografico che stiamo vivendo è segno che soffriamo l’eclissi di questa luce».
Infatti, osservano i vescovi, «la denatalità avrà effetti devastanti sul futuro: i bambini che nascono oggi, sempre meno, si ritroveranno ad essere come la punta di una piramide sociale rovesciata, portando su di loro il peso schiacciante delle generazioni precedenti».

V nediejo, 1. febrarja, italijanska katoliška cierku praznuje  37. Dan za živjenje. Karitas špietraske foranije bo ob teli parložnosti pred cierkvami v Nediških dolinah predajala piskuline. Kar bojo zaslužil’ , bo šlo Centru za pomuoč življenju v Vidnu, zadrugi il Melograno v kraju Reana in foranialni Karitas, de bi pomagala potriebnim ljudem na teritoriju, ki jih je zauojo ekonomske krize nimar vič.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp