15 Maggio 2020 / 15. maj 2020

Maca tudi za dolino Zajzera
Maca anche in Val Saisera

Maca-Museo a cielo aperto, l’applicazione che tramite la tecnologia dei codici QR già porta alla scoperta del Sentiero del Pellegrino e del santuario del Monte Santo di Lussari/Svete Višarje, sta per sbarcare anche in Val Saisera.

Nell’ambito del progetto Festival Risonanze 2020, finanziato con un contributo di 30.000 euro dalla Regione Friuli-Venezia Giulia, il Comune di Malborghetto-Valbruna ha approvato la posa di 15 cartelli Maca sul Forest sound track, il percorso che porta alla scoperta della Val Saisera e degli abeti di risonanza. La pandemia di covid-19 impone il mantenimento di distanze sociali di sicurezza e limita spostamenti e comportamenti, costringendo anche il Comune di Malborghetto-Valbruna a ridurre il programma previsto per quest’estate nell’ambito delFestival Risonanze. Tuttavia da alcuni giorni le disposizioni delle autorità permettono di svolgere attività fisica all’aperto e così anche passeggiate e camminate, pur in considerazione delle prescrizioni di sicurezza. In questo contesto il progetto digitale Maca svela ulteriori potenzialità, visto che le caratteristiche di Maca permettono la visita dei percorsi senza contatti fisici ravvicinati.

Ricordiamo che, attraverso i codici QR riportati sui cartelli colorati (i Maca, per l’appunto), con uno smartphone dotato di lettore di codici QR e un paio di cuffiette si può accedere a racconti, approfondimenti, video e fotografie. I contenuti in genere sono realizzati in quattro lingue – italiano, sloveno, tedesco e inglese. La realizzazione dei nuovi 15 Maca, da disporre lungo tutto il Forest sound track, sarà curata dall’associazione culturale Età dell’acquario di Camporosso/Žabnice, che nell’ambito del progetto Festival Risonanze 2020 è già partner del Comune di Malborghetto- Valbruna.

Il sodalizio ha proposto un corrispettivo di 2.160 euro, che saranno erogati attingendo al contributo per la realizzazione del festival. (Luciano Lister)

Projekt MACA (v italijanščini »Museo a cielo aperto«, to je v slovenščini »Muzej na prostem«) se širi tudi na dolino Zajzera. Ob pešpoti Forest sound track, ki opozarja na bogastvo resonančnega lesa, bodo postavili 15 pisanih kažipotov. Preko kod QR, ki jih bodo s svojimi pametnimi telefoni lahko brali na kažipotih, bodo obiskovalci imeli dostop do predstavitev, slik, pripovedi in posebnih vsebin. Vsebine bodo dostopne v italijanščini, slovenščini, angleščini in nemščini.

V okviru projekta MACA so desetino pisanih kažipotov s kodami QR že postavili ob stari romarski poti na Svete Višarje.

Za postavitev nadaljnjih kažipotov v dolini Zajzera bo poskrbelo žabniško društvo L’età dell’Acquario. Dežela Furlanija-Julijska krajina je Občini Naborjet-Ovčja vas svojčas namenjala prispevek v višini 30.000 evrov za letošnjo izvedbo Festivala Risonanze. Zaradi pandemije koronavirusa je Občina Naborjet-Ovčja vas razne točke v programu morala odpovedati ali prilagoditi. V okviru novih razmer razkriva projekt MACA nadaljnji potencial, saj med pohodi zagotavlja dostop do vsebin ob upoštevanju varnostnih ukrepov. Društvo L’età dell’acquario je med partnerji, s katerimi Občina Naborjet-Ovčja vas izvaja Festival Risonanze 2020; za pripravo novih vsebin in kažipotov v okviru projekta MACA bo iz sredstev za letošnjega festivala prejel prispevek v višini 2.160 evrov.