27 ottobre 2017 / 27. oktober 2017

Agrarno združenje tudi v Sauodnji
Associazione fondiaria per Savogna

7ShaurliOpportunità e strumento semplice per trovare qualche soluzione alla frammentazione delle proprietà. Così l’assessore regionale alle Risorse agricole e forestali, Cristiano Shaurli, ha definito le «associazioni fondiarie» nella serata su «Associazione fondiaria. Ritorno al futuro. Nuove opportunità per il territorio, per i privati cittadini e le imprese agro-silvo-pastorali» organizzata dal Comune di Savogna lo scorso 21 ottobre.

«Le opportunità ci sono, già il Comune di Stregna le ha colte, ma la vera sfida è quella di mettervi insieme – ha detto alla platea –. Costituire un’associazione fondiaria è anche un’importante momento di partecipazione della comunità ed allo stesso tempo condividere terreni e spesso piccolissimi appezzamenti può costituire quella massa critica necessaria a creare nuove prospettive ed opportunità ». Per Shaurli quindi queste associazioni possono essere strumento per il miglioramento delle vallate montane, la ricostituzione di unità di coltivazione produttive ed economicamente sostenibili in grado di favorire l’occupazione, la costituzione e il consolidamento di nuove imprese agricole e forestali ed in definitiva per ridare uno scopo a realtà e terreni spesso abbandonati e dimenticati. Shaurli ha citato alcune delle possibili prospettive di sviluppo ricordando che negli ultimi due anni la Regione ha investito molto sulle strutture malghive e sugli alpeggi.

L’assessore ha poi sottolineato i finanziamenti regionali dedicati: «Abbiamo destinato risorse per la costituzione e gestione delle associazioni, fino al 100%, e per la copertura delle spese sostenute per la redazione dei piani di gestione associata dei terreni conferiti dai soci fino all’80 per cento ». Durante l’evento è stata ricordata la normativa regionale per promuovere le associazioni fondiarie.

Il sindaco di Savogna Germano Cendou ha sottolineato la gestione comunitaria del territorio presentando le possibilità dell’associazionismo fondiario. «Vogliamo mettere insieme e recuperare quei tanti terreni frazionati e incolti presenti nelle zone montane e collinari, per renderli di nuovo appetibili e produttivi – ha detto Cendou –. I proprietari degli appezzamenti li conferiscono all’associazione la quale, poi, li affitta a un gestore che può essere socio, gruppo di soci o imprenditore esterno. Sul territorio insistono già delle piccole attività nate in quest’ottica ma vorremmo ampliare queste esperienze su tutti i 21 kilometri quadrati su cui si estendono Savogna e le 18 frazioni ».

A rappresentare nel dettaglio caratteristiche e possibili sviluppi dello strumento è stato l’agronomo forestale Gabriele Iussig che fra i vantaggi per i proprietari non utilizzatori del fondo ha ricordato la salvaguardia del diritto di proprietà anche per gli eredi e la valorizzazione delle singole aree prima abbandonate. «L’obiettivo è raggruppare terreni agricoli e boschi, abbandonati o incolti, per consentirne un uso economicamente sostenibile e produttivo puntando al recupero del territorio e a risolvere la frammentazione fondiaria. Ogni associato conserva la proprietà dei suoi beni, che non sono usucapibili, ed esercita il diritto di recesso dalla sua adesione nel rispetto dei vincoli temporali contrattuali tra l’associazione fondiaria e i gestori».

7CendouV soboto, 21. oktobra, je Občina Sauodnja organizirala posvet z naslovom »Associazione fondiaria. Ritorno al futuro. Nuove opportunità per il territorio, per i privati cittadini e le imprese agro-silvo-pastorali« (v slovenščini »Agrarno združenje. Nazaj v prihodnost. Nove priložnosti za teritorij, zasebnike in kmečka, gozdarska ter živinorejska podjetja« ). V okviru večera je spregovoril deželni odbornik za kmetijstvo in gozdarstvo Cristiano Shaurli. Poudaril je, da so agrarna združenja priložnost in orodje, s katerim lahko rešimo težavo razdrobljenosti zemljišč. Občina Sriednje  je že izkoristila priložnosti, ki jih ponujajo agrarna združenja. Po Shaurlijevem mnenju je zdaj izziv se združiti tudi v Sauodnji. Deliti večja in manjša zemljišča bi lahko spodbujalo kritično maso, ki bi lahko rodila nove perspektive in priložnosti. Ta združenja bi lahko izboljšale gorske doline in spodbujale nastanek novih delovnih mest in podjetij.

V zadnjih dveh letih je Dežela Furlanija-Julijska krajina veliko naložila v planine. Dežela Furlanija-Julijska krajina dodeli tudi sredstva, ki krijejo do 100% stroškov za ustanovitev in upravljanje agrarnih združenj in do 80% stroškov za pripravljanje načrtov skupnega upravljanja zemljišč.

Lastniki podelijo zemljišča agrarnemu združenju, ki jih nato daje v najem upravitelju. Slednji je lahko član, skupina članov ali zunanji podjetnik.

Na območju občine Sauodnja je nekaj podjetij že nastalo po tem vzorcu; radi bi ga širili na celotno občinsko ozemlje, je poudaril sauonski župan Germano Cendou.

O značilnostih in morebitnem razvoju agrarnega združenja je spregovoril gozdarski strokovnjak Gabriele Iussig. Med prednostmi za lastnike, ki ne uporabljajo zemljišč, je izpostavil lastninska pravica tudi za dediče pa tudi vrednotenje območij, ki so prej bila zapuščena.