15 Settembre 2022 / 15. september 2022

V vrtcih število učencev ne upada
Negli asili gli alunni non calano

La prima campanella dell’anno scolastico 2022-2023 ha suonato lunedì, 12 settembre, anche in Benecia, Resia e Valcanale. Dopo tre anni fortemente segnati dalla pandemia, alunni e studenti sono finalmente tornati nelle proprie classi nelle condizioni ante Covid-19. Il segnale più eloquente è l’assenza di mascherine. In ogni caso, la guardia di fronte alla malattia sarà tenuta alta, assicurano i responsabili.

L’inizio delle lezioni offre l’occasione di riflettere sul numero degli allievi di scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, infatti essi danno un quadro reale delle condizioni demografiche della comunità e, trattandosi di bambini, delle prospettive di futuro.

Nelle tabelle di questa pagina abbiamo raccolto i dati delle scuole dell’obbligo in provincia di Udine nelle quali è presente lo sloveno, in forma standard e/o dialettale, e li abbiamo confrontati con quelli dell’anno scorso.

Il trend indica un rallentamento del calo degli iscritti agli asili, mentre esso è più marcato alle elementari. Nelle Valli del Natisone, rispetto al 2021-2022, c’è lo stesso numero di bambini nelle scuole dell’infanzia, quando nelle primarie si registra una flessione del 12 per cento. L’istituto comprensivo bilingue di San Pietro al Natisone conta quest’anno in totale 254 allievi. L’asilo raccoglie il 58,5 per cento dei bambini in età prescolare delle Valli, l’elementare il 53 per cento e la media inferiore il 39 per cento. Mentre nelle Valli del Torre non ci sono novità riguardo l’insegnamento dello sloveno (a Taipana continuerà a essere garantito da Comune e associazione «don Blanchini », a Vedronza riprenderà solo a fine inverno/inizio primavera, così pure a Prepotto nella Val Judrio) in Valcanale l’insegnamento trilingue dovrebbe godere, almeno questo e il prossimo anno scolastico, di basi più solide, in quanto la sperimentazione sarà finanziata dagli enti locali con i fondi provenienti dalla programmazione nazionale per le Aree interne.

Finora si era attinto alle risorse (per 80 mila euro l’anno) della legge di tutele della minoranza slovena, cosa che aveva più volte negli scorsi anni incontrato l’opposizione di una parte delle organizzazioni slovene (in primis l’Unione culturale economica slovena-Skgz). Ora la nuova fonte di finanziamento dà all’insegnamento plurilingue (italiano-sloveno-tedesco), attivo a Ugovizza dal 2017 e a Tarvisio dal 2019, maggiori certezze. Di converso, non essendoci alcuna compartecipazione finanziaria, la minoranza slovena perde ogni possibilità di avere voce in capitolo sulla questione. (U. D.)

Šole je v ponedeljek, 12. septembra, zapolnil vrvež otrok. Po dveh šolskih letih, ko je epidemija pogojevala pouk, so se učenci vrnili v razrede v predcovidni obliki. To najbolj označuje dejstvo, da otroci ne nosijo več zaščitne maske.

Začetek novega šolskega leta nudi v razmislek tudi število prijavljenih otrok v vrtce, osnovne in nižje srednje šole, saj izražajo demografsko stanje skupnosti in, ker gre za otroke, njene prihodnosti.

Letošnji trend v obmejnem pasu kaže umirjanje upada števila otrok v vrtcih in zmanjševanje števila otrok v primarnih šolah. V Nediških dolinah je v vrtcih število malčkov enako lanskemu, medtem ko je v primarnih šolah učencev za kar 12 odstotkov manj. V dvojezičnem inštitutu Pavla Petričiča je vsega skupaj 254 učencev. V vrtcu je 58,5 odstotkov vseh predšolskih otrok Nediških dolin, v primarni šoli 53 odstotkov vseh osnovnošolcev in v nižji srednji šoli 39 odstotkov vseh dijakov.

V Kanalski dolini je poskusni trijezični pouk letos na trdnejših tleh, saj so ga financirali s sredstvi za notranja območja, medtem ko je doslej črpal finančne vire pretežno iz sredstev za Slovence, kar je prejšnja leta povzročilo nelagodja v nekaterih slovenskih krogih.

Novi vir financiranja daje trijezičnemu pouku večjo stabilnost a obenem odvzema slovenski manjšini vsakršni vpliv na šolo v občinah Trbiž in Naborjet-Ovčja vas.